Menu
Sala Umberto. “Parole parole parole”, deliziosa commedia sull’interiorità

Sala Umberto. “Parole parole parole”, deliziosa commedia sull’interiorità

ROMA - Laura (la brava Carlotta Proietti) e Valerio (altrettanto...

Darfur. Stupri e uccisioni di massa commessi da militari

Darfur. Stupri e uccisioni di massa commessi da militari

KARTHOUM - Oltre 200 persone, tra cui decine di bambini, sono...

Siria: Mosca, terroristi preparano provocazioni con armi chimiche

Siria: Mosca, terroristi preparano provocazioni con armi chimiche

MOSC - "I terroristi stanno preparando attacchi provocatori con armi...

Opec. Taglio produzione greggio. Prezzo al barile invariato

Opec. Taglio produzione greggio. Prezzo al barile invariato

ROMA - Petrolio stabilmente sopra quota 48,50 dollari al barile,...

Perchè boh. Guida comica allo sfruttamento della Costituzione

Perchè boh. Guida comica allo sfruttamento della Costituzione

Di Enrico Bertolini e Luca Bottura. Al Teatro Brancaccio di...

Siria. Aleppo, un genocidio. A rischio rottura con la Russia

Siria. Aleppo, un genocidio. A rischio rottura con la Russia

DAMASCO - Oltre 600mila cittadini siriani rischiano un vero e...

Israele. E’ morto Shimon Peres, un uomo di pace

Israele. E’ morto Shimon Peres, un uomo di pace

TEL AVIV - L'ex presidente israeliano e premio nobel per...

“Cafè Society”:  la stampa applaude un esilarante Woody

“Cafè Society”: la stampa applaude un esilarante Woody

Che la stampa applauda un’anteprima è un evento raro, ma...

Autogol di Renzi: vuole far ripartire il Ponte sullo Stretto

Autogol di Renzi: vuole far ripartire il Ponte sullo Stretto

Codacons: Scherzo di Carnevale in largo anticipo

Amnesty accusa l’Ungheria. Violenze ai richiedenti asilo

Amnesty accusa l’Ungheria. Violenze ai richiedenti asilo

ROMA - In un nuovo rapporto diffuso oggi Amnesty International...

Prev Next

Per mancanza di zucchero, non ci sarà più Coca-Cola in Venezuela

Per mancanza di zucchero, non ci sarà più Coca-Cola in Venezuela

CARACAS - L’industria ha confermato che non ha zucchero per produrre le sue bevande; continuerà la produzione di bibite che non lo richiedono. Caracas. L’industria Coca-Cola ha confermato oggi che interromperà la produzione in Venezuela fino a quando verrà ripresa la distribuzione di zucchero.

Nel mezzo di una crisi totale nel paese governato dal chavista Nicolás Maduro che provoca code chilometriche ai supermercati per comprare prodotti basici, scarsezza di medicine e la crisi energetica che ha arrestato la produzione nazionale e la routine giornaliera dei lavoratori, l’impresa che fabbrica bevande ha annunciato che non potrà continuare a preparare la famosa bibita.

Secondo un comunicato dell’industria statunitense, “sono terminate tutte le riserve di zucchero raffinato ad uso industriale presenti nella fabbrica, così come si è potuto constatare durante un giro realizzato dai rappresentanti dei lavoratori con l’impresa”. Per questo motivo, si sono momentaneamente interrotte le linee di produzione delle bevande che si elaborano con questa materia prima. Si continuerà a produrre tutte le altre bevande che non richiedono zucchero, come la Coca-Cola Light e le acque, specifica la compagnia.

In ogni modo, le autorità si sono mostrate ottimiste e fanno sapere che “a breve” si pensa di sopperire alla mancanza. “ Continuiamo ad andare avanti insieme alle autorità e ai fornitori nella ricerca di alternative per risolvere questa congiuntura”, aggiunge la compagnia. Per mantenere i posti di lavoro, “il Sistema Coca-Cola ha offerto ai suoi dipendenti una “compensazione solidaria”, superiore ai termini di legge, a dimostrazione dell’impegno a lungo termine che ha con il Venezuela”.

La paralisi della fabbrica di Coca-Cola si somma alla lista delle imprese in difficoltà per la situazione economica del paese. Di fronte a questo panorama, e con il crollo dell’ appoggio popolare, ogni giorno sono sempre di più i venezuelani che vogliono la testa di Maduro e appoggiano l’opposizione che chiede un referendum su come stia gestendo il paese.

Ultima modifica ilMartedì, 24 Maggio 2016 18:36
Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208