Menu
Crisi. Il 30% delle persone a rischio povertà

Crisi. Il 30% delle persone a rischio povertà

ROMA - Drammatico il rapportodell’Istat sulle 'Condizioni di vita e...

Francia, Hollande nomina Cazeneuve al posto di Valls

Francia, Hollande nomina Cazeneuve al posto di Valls

PARIGI - Il ministro dell'Interno francese Bernard Cazeneuve sostituira' il...

Referendum. Congelate le dimissioni di Renzi fino alla legge di bilancio

Referendum. Congelate le dimissioni di Renzi fino alla legge di bilancio

ROMA - Dopo il congelamento delle dimissioni di Matteo Renzi...

Olio di Palma. Amnesty all’attacco delle multinazionali

Olio di Palma. Amnesty all’attacco delle multinazionali

Pesante attacco di Amnesty International nei confronti delle multinazionali che...

Referendum: il no stravince. Renzi sfiduciato dagli italiani

Referendum: il no stravince. Renzi sfiduciato dagli italiani

La nuova casta dell’Esecutivo Renzi se ne torna a casa....

Referendum. Vince il No. Renzi si dimette, il popolo è sovrano

Referendum. Vince il No. Renzi si dimette, il popolo è sovrano

ROMA - Se vince il no lascio Palazzo Chigi e...

Austria, il nuovo presidente "verde" è Alexander Van der Bellen

Austria, il nuovo presidente "verde" è Alexander Van der Bellen

VIENNA - In Austria il verde Alexander Van der Bellen è...

Piccolo Eliseo. “Risorgi”. Ogni battuta vale il biglietto

Piccolo Eliseo. “Risorgi”. Ogni battuta vale il biglietto

ROMA - Si va a teatro per assistere a una...

Austria, elezioni presidenziali. Sfida tra verdi e ultra destra

Austria, elezioni presidenziali. Sfida tra verdi e ultra destra

VIENNA - Urne aperte in Austria per le elezioni presidenziali...

Referendum, urne aperte fino alle 23, votano 46 milioni di italiani

Referendum, urne aperte fino alle 23, votano 46 milioni di italiani

ROMA  - Urne aperte dalle 7 di questa mattina e...

Prev Next

Per mancanza di zucchero, non ci sarà più Coca-Cola in Venezuela

Per mancanza di zucchero, non ci sarà più Coca-Cola in Venezuela

CARACAS - L’industria ha confermato che non ha zucchero per produrre le sue bevande; continuerà la produzione di bibite che non lo richiedono. Caracas. L’industria Coca-Cola ha confermato oggi che interromperà la produzione in Venezuela fino a quando verrà ripresa la distribuzione di zucchero.

Nel mezzo di una crisi totale nel paese governato dal chavista Nicolás Maduro che provoca code chilometriche ai supermercati per comprare prodotti basici, scarsezza di medicine e la crisi energetica che ha arrestato la produzione nazionale e la routine giornaliera dei lavoratori, l’impresa che fabbrica bevande ha annunciato che non potrà continuare a preparare la famosa bibita.

Secondo un comunicato dell’industria statunitense, “sono terminate tutte le riserve di zucchero raffinato ad uso industriale presenti nella fabbrica, così come si è potuto constatare durante un giro realizzato dai rappresentanti dei lavoratori con l’impresa”. Per questo motivo, si sono momentaneamente interrotte le linee di produzione delle bevande che si elaborano con questa materia prima. Si continuerà a produrre tutte le altre bevande che non richiedono zucchero, come la Coca-Cola Light e le acque, specifica la compagnia.

In ogni modo, le autorità si sono mostrate ottimiste e fanno sapere che “a breve” si pensa di sopperire alla mancanza. “ Continuiamo ad andare avanti insieme alle autorità e ai fornitori nella ricerca di alternative per risolvere questa congiuntura”, aggiunge la compagnia. Per mantenere i posti di lavoro, “il Sistema Coca-Cola ha offerto ai suoi dipendenti una “compensazione solidaria”, superiore ai termini di legge, a dimostrazione dell’impegno a lungo termine che ha con il Venezuela”.

La paralisi della fabbrica di Coca-Cola si somma alla lista delle imprese in difficoltà per la situazione economica del paese. Di fronte a questo panorama, e con il crollo dell’ appoggio popolare, ogni giorno sono sempre di più i venezuelani che vogliono la testa di Maduro e appoggiano l’opposizione che chiede un referendum su come stia gestendo il paese.

Ultima modifica ilMartedì, 24 Maggio 2016 18:36
Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208