Menu
Doit Festival. “Assolutamente deliziose”…  ed è vero

Doit Festival. “Assolutamente deliziose”… ed è vero

La storia squinternata di due cugine si trasforma in vicenda...

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

ROMA - Considerata una delle migliori commedie di Brecht, scritta...

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Riflessioni sul nuovo libro di Enrico Letta e sul futuro...

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

“La notte della Tosca” è una tragicommedia intelligente sulla precarietà...

Articolo Uno fra memoria e futuro

Articolo Uno fra memoria e futuro

Un Tempio di Adriano listato virtualmente a lutto, uno Speranza...

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

I trasferimenti multimiliardari di armi all’Arabia Saudita da parte di...

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

Giuseppe Tornatore, Paolo Sorrentino, Nicola Piovani, Ennio Morricone, Roberto Benigni...

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

ROMA - Il 25 marzo 2017 ricorre il 60° anniversario...

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

LONDRA  - Solo nella mattina e' tornata una relativa calma...

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del  magico Moscow State Ballet

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del magico Moscow State Ballet

ROMA - È una di quelle arti che conservano un...

Prev Next

Per mancanza di zucchero, non ci sarà più Coca-Cola in Venezuela

Per mancanza di zucchero, non ci sarà più Coca-Cola in Venezuela

CARACAS - L’industria ha confermato che non ha zucchero per produrre le sue bevande; continuerà la produzione di bibite che non lo richiedono. Caracas. L’industria Coca-Cola ha confermato oggi che interromperà la produzione in Venezuela fino a quando verrà ripresa la distribuzione di zucchero.

Nel mezzo di una crisi totale nel paese governato dal chavista Nicolás Maduro che provoca code chilometriche ai supermercati per comprare prodotti basici, scarsezza di medicine e la crisi energetica che ha arrestato la produzione nazionale e la routine giornaliera dei lavoratori, l’impresa che fabbrica bevande ha annunciato che non potrà continuare a preparare la famosa bibita.

Secondo un comunicato dell’industria statunitense, “sono terminate tutte le riserve di zucchero raffinato ad uso industriale presenti nella fabbrica, così come si è potuto constatare durante un giro realizzato dai rappresentanti dei lavoratori con l’impresa”. Per questo motivo, si sono momentaneamente interrotte le linee di produzione delle bevande che si elaborano con questa materia prima. Si continuerà a produrre tutte le altre bevande che non richiedono zucchero, come la Coca-Cola Light e le acque, specifica la compagnia.

In ogni modo, le autorità si sono mostrate ottimiste e fanno sapere che “a breve” si pensa di sopperire alla mancanza. “ Continuiamo ad andare avanti insieme alle autorità e ai fornitori nella ricerca di alternative per risolvere questa congiuntura”, aggiunge la compagnia. Per mantenere i posti di lavoro, “il Sistema Coca-Cola ha offerto ai suoi dipendenti una “compensazione solidaria”, superiore ai termini di legge, a dimostrazione dell’impegno a lungo termine che ha con il Venezuela”.

La paralisi della fabbrica di Coca-Cola si somma alla lista delle imprese in difficoltà per la situazione economica del paese. Di fronte a questo panorama, e con il crollo dell’ appoggio popolare, ogni giorno sono sempre di più i venezuelani che vogliono la testa di Maduro e appoggiano l’opposizione che chiede un referendum su come stia gestendo il paese.

Ultima modifica ilMartedì, 24 Maggio 2016 18:36
Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208