DAMASCO - Più di 270mila morti, almeno la metà della popolazione costretta a lasciare la propria casa, un Paese in rovina. Partita cinque anni fa, la rivolta in Siria contro il regime di Bashar al Assad si è trasformata in una guerra devastante e devastatrice.

Published in Mondo
Lunedì, 29 Febbraio 2016 07:57

Oman, basta un solo post e vai in carcere

Nel sultanato dell’Oman basta un post per finire in prigione

Published in Il punto
Mercoledì, 20 Gennaio 2016 14:56

Iran e Arabia Saudita: la nuova guerra fredda

ROMA - Iran e Arabia Saudita sono due paesi che fanno ampio ricorso alla pena di morte: solo nel 2015 le condanne alla pena capitale sono state 157 in Arabia Saudita e più di mille in Iran. Le somiglianze tra i due paesi non si fermano certo qui: le loro leggi sono basate sul Corano, il clero musulmano gode di straordinario potere e privilegi eppure proprio una condanna a morte ha segnato una profonda spaccatura tra i due paesi.


L’uccisione di Nimr al-Nimr

Lo scorso 2 gennaio in Arabia Saudita sono state condannate a morte 47 persone, tra cui Nimr al-Nimr, leader religioso sciita, accusati di avere legami col terrorismo. L’Iran ha condannato l’esecuzione di al-Nimr e l’ambasciata saudita a Teheran è stata attaccata dai manifestanti iraniani. L’Arabia Saudita, con l’appoggio di altri paesi sunniti come Kuwait, Bahrein, Emirati Arabi Uniti e Sudan, ha allora interrotto le relazioni diplomatiche con l’Iran.

Ma perché l’Iran dovrebbe vendicare l’uccisione di un cittadino di un’altra nazione? E’ opportuno precisare che l’Iran è un paese a maggioranza sciita, da anni rivale dell’Arabia Saudita, a maggioranza sunnita. Vendicare la morte di Nimr al-Nimr è un’occasione per affermarsi agli occhi del mondo come protettore degli sciiti, ormai in netta minoranza rispetto ai sunniti.

islam_nel_mondo_820.jpg

Le origini del conflitto

Negli anni Settanta l’Iran era governato dallo scià Mohammad Reza Pahlavi, alleato degli Stati Uniti e l’Arabia Saudita stava avviando una rapida modernizzazione di paese e costumi a seguito del boom petrolifero.

Nel febbraio 1979 il regime autoritario iraniano fu rovesciato da una rivoluzione capeggiata da religiosi conservatori e ribelli, oppositori della dittatura. Nello stesso anno, in Arabia Saudita un gruppo di estremisti religiosi occupò la Grande Moschea della Mecca protestando per l’eccessiva occidentalizzazione che il paese stava assumendo. Dopo giorni di combattimento atti a sedare la rivolta, l’esercito saudita riprese possesso della moschea, l’Iran si trasformò in una teocrazia islamica e la monarchia degli al Saud in Arabia Saudita consegnò ingenti capitali di denaro e potere al clero sunnita, sperando che questa strategia gli consentisse di non replicare la deposizione dello scià iraniano.

Sciiti e sunniti, che prima erano amalgamati nella società, cominciarono ad essere rivali e anche nei regimi sunniti più laici, ogni sciita veniva visto come un potenziale pericolo. 

I benefici dell’Isis e i conflitti interni

Oggi, questo conflitto sembra beneficiare l’Isis, che fa leva proprio sulle divisioni tra sciiti e sunniti per destabilizzare le popolazioni locali. Inoltre, solo tre mesi fa Iran e Arabia Saudita si erano sedute allo stesso tavolo a Vienna per discutere del processo di pace in Siria, che ora rischia di essere vanificato. 

In Yemen, le coalizioni saudite combattono contro gli Houthi, sciiti yemeniti appoggiati dagli iraniani; in Kuwait gruppi affiliati all’Isis hanno compiuto attentati ai danni degli sciiti e parte del Libano è sotto il controllo degli Hezbollah, anch’essi sciiti.

In Iraq invece già dal governo del primo ministro Nuri al Maliki sono state adottate politiche discriminatorie contro i sunniti, proprio questo processo, che ha trovato il suo terreno fertile nell’Iraq occidentale a maggioranza sunnita, ha fatto sì che l’Isis potesse proliferare.

In Siria gli alauiti, una minoranza sciita di cui fa parte il dittatore Assad, combattono i sunniti. 

Il nuovo scenario geopolitico

Ma non sono solo Arabia e Iran a essere cambiati. Anche gli Stati Uniti, storici alleati dell’Arabia, hanno criticato il regime saudita a seguito dell’esecuzione di al-Nimr. Del resto, i rapporti tra i due paesi si erano già deteriorati nel 2011 quando il governo americano aveva deciso di non sostenere il regime di Mubarak durante le primavere arabe.

Un conflitto aperto tra Arabia Saudita e Iran sembra essere poco probabile ma sicuramente, l’attuale spaccatura politico-religiosa e il non schieramento degli Stati Uniti cambiano gli scenari di una situazione geopolitica che sembra non avere compimento.

 

 

Published in Mondo

TEL AVIV - Una donna palestinese è stata uccisa dopo aver tentato di assaltare con un coltello dei soldati questa mattina ad un posto di controllo nei pressi dell'insediamento ebraico di Alfei Menashe in Cisgiordania. Lo ha detto il ministero della difesa secondo cui nella borsa della donna è stato trovato un biglietto con propositi suicidi. 

Published in Mondo
Mercoledì, 08 Aprile 2015 11:37

11 settembre, spartiacque di una guerra globale

ROMA - Forse doveva succedere comunque  o forse stiamo pagando alcune colpe pesanti. Certo è che mai il mondo si è trovato così in crisi. Certamente è esplosa una sorta di “guerra santa” ma fondamentalmente è in atto un doloroso scontro di civiltà.

Published in Il punto

NEW YORK - Sono almeno 60 i giornalisti uccisi in tutto il mondo nel 2014 mentre svolgevano il proprio lavoro, con quasi la metà delle vittime in Medio Oriente.

Published in Società

Di fronte al ritorno della violenza sulla Spianata delle moschee, si cerca di evitare la terza Intifada a Gerusalemme. A innescare gli scontri, a fine ottobre, le iniziative di gruppi di estremisti ebraici sul luogo sacro per impadronirsi della zona dell’antico Tempio di Salomone.

Published in Mondo
Giovedì, 25 Settembre 2014 08:48

Raid a tutto campo. Incursioni in Siria e Iraq

 

ROMA - Continuano i raid aerei per colpire le basi dei terroristi dell’Isis che proprio ieri hanno decapitato il cittadino francese Herve Pierre Gourdel in Algeria.  

Published in Mondo

 

BAGHDAD - Il contestatissimo primo ministro iracheno ha conquistato un'importante vittoria nella sua battaglia per mantenere il potere, con la conferma della sua legittimità da parte della Corte federale. Un verdetto giunto mentre l'esercito, dispiegato in forze nella capitale Baghdad, resta praticamente impotente di fronte all'avanzata delle forze jihadiste.

Published in Mondo

Rabbia, paura, disperazione: sono i sentimenti del giorno dopo le ultime bombe nel mercato Abu Alaa, nel nord di Gaza City. L’affluenza è minore del solito, dopo gli attacchi israeliani che hanno ucciso molti civili, tra cui donne e bambini.

Published in Mondo
Pagina 1 di 3

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Opinioni

La “bella guagliona” di Bolzano che merita “Otto e mezzo”

La Sette è riconosciuta come il terzo polo televisivo italiano nel campo generalista. Il successo che le sta arridendo non è dovuto a programmi di facile ascolto e di resa...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

C’è un’alternativa nel trattamento dei rifiuti di cui non parla nessuno

Si tratta della la gassificazione al plasma, ovvero “del plasma o assistita dal plasma”, che può essere utilizzata per convertire materiali contenenti carbonio in gas di sintesi per generare energia...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077