Dazebao News

Switch to desktop

Giovedì, 11 Ottobre 2012 00:04
Vota questo articolo
(2 Voti)

Bambino di 10 anni prelevato a scuola con la forza. 'Chi l'ha visto' lancia il video shock

PADOVA - La trasmissione 'Chi l'ha visto' questa sera ha mandato in onda un video che farà discutere. Nelle immagini lanciate in onda più volte si vede un bimbo di appena 10 anni prelevato con forza dagli agenti di Polizia mentre si trova nella sua scuola elementare a Padova.

La decisione  di prelevare il piccolo conteso dai genitori è arrivata da un giudice che ha ritenuto opportuno sottrarlo alla potestà di entrambi, affidandolo ad una struttura protetta. Un'operazione che, come Federica Sciarelli, conduttrice del noto programma di raiTre, ha sottolineato dovrebbe avvenire con una certa "discrezione", come indicato nelle disposizione del magistrato.
Invece dalle immagine riprese da un parente della madre accade esattamente il contrario. Il bimbo urla, piange e oppone resistenza perchè evidentemente non vuole lasciare la madre, ma le forze dell'ordine lo trascinano  via con vigore e lo caricano su una volante. Alla fine del filmato l'inquadratura riprende una donna con tanto di distintivo e quando la zia del piccolo chiede maggiori dettagli le viene risposto: "Io sono un ispettore di Polizia, lei non è nessuno".
Una scena davvero raccapricciante, soprattutto per il trauma che potrà provocare al minorenne. Durante la trasmissione chiama in diretta anche un testimone che ha assistito alla scena informando che molti bambini hanno assistito all'increscioso episodio, non degno di un paese civle.

Nel frattempo - come riporta il Mattino di Padova -  Roberta Lerici, presidente dell’associazione "Bambini coraggiosi" e l’avvocato Andrea Coffari, presidente nazionale del "Movimento infanzia" forniscono la loro ricostruzione dei fatti:
"Un bambino di dieci anni, al centro di una causa di affidamento, è stato prelevato con la forza da scuola per essere collocato in una casa famiglia. Tre persone si sono presentate in classe intimando ai compagni di uscire dall'aula. Una volta rimasto solo, il piccolo è stato prelevato con la forza, nonostante si tenesse disperatamente avvinghiato al suo banco, piangendo. Poi è stato trascinato per la strada, urlante da una serie di persone tra cui il padre, gli assistenti sociali, e alcuni poliziotti guidati da un consulente tecnico d'ufficio che aveva diagnosticato in lui una malattia rifiutata dalla comunità scientifica internazionale, la Pas (Sindrome da Alienazione Parentale)".

Intanto la famiglia  assistita dall'avvocato Andrea Coffari, ha deciso di sporgere denuncia per le modalità disumane usate con il bambino, il quale chiedeva disperatamente aiuto senza che l'azione violenta s’interrompesse.

Domani  mattina alle 8,30 i genitori dei compagni di classe manifesteranno davanti alla scuola elementare Cornaro di Cittadella.

 

Share this post

PLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITRead Later
Ultima modifica il Giovedì, 11 Ottobre 2012 15:15
Redazione

Redazione

Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda
(Horacio Verbitsky)

Sito web: www.dazebaonews.it

Video

Share this post

PLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITRead Later

Commenti   

 
0 #4 lucy 2012-10-11 15:29
sono disgustata in quanto mamma e cittadina italiana come si fa a trattare un bambino cosi lo avete traumatizzato a vita chi paghera' per tutto questo mi fa schifo e i polizziotti non hanno figli ? vergogna vergogna ...... e i magistrati? si sono resi conto di cio' che poteva succedere.... ma forse hanno le pietre al posto del cuore. vergognatevi... .siete da manicomio...vig liacchi.
Citazione
 
 
0 #3 GIANFRANCO 2012-10-11 14:28
QUESTA E' LA DIMOSTRAZIONE DI QUELLO CHE AFFERMO DA ANNI: SIAMO IN UNA NAZIONE DITTATORIALE, ANCHE SE NON NEL VERO SENSO DEL TERMINE. NON AGGIUNGO ALTRO PER NON INCORRERE IN STRALI CHE POTREBBERO ESSERE IN ASCOLTO(IN LINEA)
Citazione
 
 
0 #2 Enrico 2012-10-11 06:59
Ho avuto lo shock di assistere a questo schifo perpetrato dalle autorità, su questo povero bimbo di 10 anni. Mostruoso. Tutto è mostruoso. Oltretutto si lascia ad un padre, presente ed attore di una mostruosità del genere, un bimbo ora psicologicament e leso?? Ma in che razza di stato viviamo? Cosa sta capitando?? Domattina ci sveglieremo con i carri-armati per la strada ed i mitragliatori puntati contro i cittadini?? Ma come può una questura discolparsi dicendo che "loro eseguivano solo degli ordini". Vomito. Vomito. E' tutto pazzesco. Si presagisce il peggio. Chi può aiuti questo bimbo.
Citazione
 
 
0 #1 bia 2012-10-11 00:33
Perchè la polizia non usa queste metodologie barabre con i delinquenti,i pregiudicati o qualche politico che ci sta governando? Come si può fare una cosa così atroce ad bambino che non ha nessuna colpa?! Assistenti sociali del nulla, polizia del nulla, tecnici del nulla. Sarà il mondo intero e il cielo a giudicarvi!
Citazione
 

© Dazebao News

Top Desktop version