Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 62
Menu
Journées du Livre Européen . A Parigi arriva “Sette storie per fare la cacca”

Journées du Livre Européen . A Parigi arriva “Sette storie per fare la cacca”

PARIS –Dans le cadre des Journées du Livre Européen et Méditerranéen. 

Teatro Marconi. “Per sempre malgrado tutto”. Recensione

Teatro Marconi. “Per sempre malgrado tutto”. Recensione

Un atto unico di settanta minuti che volano via veloci.Ognuno...

Corea del Nord: una scia di velenI

Corea del Nord: una scia di velenI

PYONGYANG - Arma favorita degli intrighi di corte del passato,...

Sciopero Alitalia. In otto anni il terzo fallimento. VIDEO

Sciopero Alitalia. In otto anni il terzo fallimento. VIDEO

L’Alitalia punta a ridurre nuovamente i costi e tagliare il...

Scissione PD: Emiliano, è anche rottura nei rapporti umani

Scissione PD: Emiliano, è anche rottura nei rapporti umani

ROMA - Si va via " normalmente per una somma...

Usa: Trump contro i transgender

Usa: Trump contro i transgender

Revocate le linee guida che consentono  di utilizzare i bagni...

Teatro Palladium. “Il pellicano”,  un mondo in frantumi. Recensione

Teatro Palladium. “Il pellicano”, un mondo in frantumi. Recensione

C’è qualcosa di sorprendentemente contemporaneo nella dimensione drammatica de Il...

Il Mondo volta le spalle ai diritti umani

Il Mondo volta le spalle ai diritti umani

ROMA - Nel 2017 le crisi in corso peggioreranno a...

Trump: nuove linee guida contro l'immigrazione clandestina

Trump: nuove linee guida contro l'immigrazione clandestina

NEW YORK - Il dipartimento della Sicurezza interna Usa ha...

Scissione Pd. Oggi la resa dei conti

Scissione Pd. Oggi la resa dei conti

ROMA - Dopo il confronto di domenica in assemblea, il...

Prev Next

Bambino di 10 anni prelevato a scuola con la forza. 'Chi l'ha visto' lancia il video shock

Bambino di 10 anni prelevato a scuola con la forza. 'Chi l'ha visto' lancia il video shock

PADOVA - La trasmissione 'Chi l'ha visto' questa sera ha mandato in onda un video che farà discutere. Nelle immagini lanciate in onda più volte si vede un bimbo di appena 10 anni prelevato con forza dagli agenti di Polizia mentre si trova nella sua scuola elementare a Padova.

La decisione  di prelevare il piccolo conteso dai genitori è arrivata da un giudice che ha ritenuto opportuno sottrarlo alla potestà di entrambi, affidandolo ad una struttura protetta. Un'operazione che, come Federica Sciarelli, conduttrice del noto programma di raiTre, ha sottolineato dovrebbe avvenire con una certa "discrezione", come indicato nelle disposizione del magistrato.
Invece dalle immagine riprese da un parente della madre accade esattamente il contrario. Il bimbo urla, piange e oppone resistenza perchè evidentemente non vuole lasciare la madre, ma le forze dell'ordine lo trascinano  via con vigore e lo caricano su una volante. Alla fine del filmato l'inquadratura riprende una donna con tanto di distintivo e quando la zia del piccolo chiede maggiori dettagli le viene risposto: "Io sono un ispettore di Polizia, lei non è nessuno".
Una scena davvero raccapricciante, soprattutto per il trauma che potrà provocare al minorenne. Durante la trasmissione chiama in diretta anche un testimone che ha assistito alla scena informando che molti bambini hanno assistito all'increscioso episodio, non degno di un paese civle.

Nel frattempo - come riporta il Mattino di Padova -  Roberta Lerici, presidente dell’associazione "Bambini coraggiosi" e l’avvocato Andrea Coffari, presidente nazionale del "Movimento infanzia" forniscono la loro ricostruzione dei fatti:
"Un bambino di dieci anni, al centro di una causa di affidamento, è stato prelevato con la forza da scuola per essere collocato in una casa famiglia. Tre persone si sono presentate in classe intimando ai compagni di uscire dall'aula. Una volta rimasto solo, il piccolo è stato prelevato con la forza, nonostante si tenesse disperatamente avvinghiato al suo banco, piangendo. Poi è stato trascinato per la strada, urlante da una serie di persone tra cui il padre, gli assistenti sociali, e alcuni poliziotti guidati da un consulente tecnico d'ufficio che aveva diagnosticato in lui una malattia rifiutata dalla comunità scientifica internazionale, la Pas (Sindrome da Alienazione Parentale)".

Intanto la famiglia  assistita dall'avvocato Andrea Coffari, ha deciso di sporgere denuncia per le modalità disumane usate con il bambino, il quale chiedeva disperatamente aiuto senza che l'azione violenta s’interrompesse.

Domani  mattina alle 8,30 i genitori dei compagni di classe manifesteranno davanti alla scuola elementare Cornaro di Cittadella.

 

Ultima modifica ilGiovedì, 11 Ottobre 2012 15:15
Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208