Menu
Journées du Livre Européen . A Parigi arriva “Sette storie per fare la cacca”

Journées du Livre Européen . A Parigi arriva “Sette storie per fare la cacca”

PARIS –Dans le cadre des Journées du Livre Européen et Méditerranéen. 

Teatro Marconi. “Per sempre malgrado tutto”. Recensione

Teatro Marconi. “Per sempre malgrado tutto”. Recensione

Un atto unico di settanta minuti che volano via veloci.Ognuno...

Corea del Nord: una scia di velenI

Corea del Nord: una scia di velenI

PYONGYANG - Arma favorita degli intrighi di corte del passato,...

Sciopero Alitalia. In otto anni il terzo fallimento. VIDEO

Sciopero Alitalia. In otto anni il terzo fallimento. VIDEO

L’Alitalia punta a ridurre nuovamente i costi e tagliare il...

Scissione PD: Emiliano, è anche rottura nei rapporti umani

Scissione PD: Emiliano, è anche rottura nei rapporti umani

ROMA - Si va via " normalmente per una somma...

Usa: Trump contro i transgender

Usa: Trump contro i transgender

Revocate le linee guida che consentono  di utilizzare i bagni...

Teatro Palladium. “Il pellicano”,  un mondo in frantumi. Recensione

Teatro Palladium. “Il pellicano”, un mondo in frantumi. Recensione

C’è qualcosa di sorprendentemente contemporaneo nella dimensione drammatica de Il...

Il Mondo volta le spalle ai diritti umani

Il Mondo volta le spalle ai diritti umani

ROMA - Nel 2017 le crisi in corso peggioreranno a...

Trump: nuove linee guida contro l'immigrazione clandestina

Trump: nuove linee guida contro l'immigrazione clandestina

NEW YORK - Il dipartimento della Sicurezza interna Usa ha...

Scissione Pd. Oggi la resa dei conti

Scissione Pd. Oggi la resa dei conti

ROMA - Dopo il confronto di domenica in assemblea, il...

Prev Next

Bertinotti elogia Grillo. Il sistema politico è da buttare, la sinistra liberale si è suicidata

Bertinotti elogia Grillo. Il sistema politico è da buttare, la sinistra liberale si è suicidata

ROMA - Fausto Bertinotti dopo una prolungata assenza torna sui temi della politica: "La Sinistra è scomparsa, si è suicidata in un sistema politico istituzionale che è da buttare. Ha ragione il Movimento cinque stelle". Cos l'ex leader di Rifondazione Comunista in un'intervista rilasciata all'agenzia Dire.


"La crisi della sinistra è drammatica", precisa Bertinotti. "Vanno usati i termini propri. Si potrebbe parlare di una scomparsa della sinistra in Italia e di una crisi devastante in Europa. La sinistra per come l'abbiamo conosciuta e riconosciuta è arrivata alla fine di un ciclo. Tanto che oggi quella che c'è nelle istituzioni è parte di questa costruzione oligarchica della nuova Europa, cioè priva di qualsiasi connotato che la qualifichi come una forza di trasformazione e di cambiamento, di critica al capitalismo finanziario globalizzato e alla nuova costituente che il capitalismo finanziario globale sta realizzando in Europa. Lo si vede dall'accettazione del fiscal compact, piuttosto che dalla parità di bilancio, che sono i grandi dogmi liberali. In sintesi la sinistra è diventata liberale e quindi si è suicidata. Il problema allora non è quello della sua riforma ma della sua rinascita".
Parole che lasciano riflettere, visto che Bertinotti  nel 2006, all'epoca della vittoria del governo Prodi, guidava un partito che aveva raggiunto un consenso elettorale considerevole. Verrebbe da dire, chi è senza peccato scagli la prima pietra.


"La rinascita - ancora Bertinotti -  non può avvenire da dentro le forze organizzate. Quelle sono ormai improduttive. È finita la spinta propulsiva delle forze organizzate della sinistra. Le forze nascenti sono invece quelle che vivono nella società, le forze del conflitto, della rivolta, della lotta, della protesta, della resistenza. Queste forze, dalla manifestazione della Fiom, alla No Tav alla costituente per i beni comuni, alle mille forme di occupazione di case, questa costituente informale, è ciò da cui può rinascere la sinistra".

Infine Bertinotti alla domanda se il M5S è interno alla sinistra, risponde che  "per sua definizione non lo è. Io sto a ciò che ognuno dice di sè. E il Movimento dice ragionevolmente di non essere nè di destra, nè di sinistra. Certo ha guadagnato un consenso, perchè ha visto ciò che la sinistra classica non ha visto. Cioè che questo sistema politico istituzionale è da buttare".
Ma forse non lo era da buttare anche prima? Ad esempio durante l'epoca della Sinistra Europea, da lui stesso capitanata? E successivamente con la sinistra Arcobaleno? Insomma, troppo facile ora lanciare la colpa sugli altri, considerando che Bertinotti è stato uno dei protagonisti centrali della cosiddetta sinistra antagonista. Chissà, forse il volgere lo sguardo verso Grillo è l'anticipazione di una nuova discesa in campo? Nessuno può dirlo. Di certo il Bertinotti di oggi sembra preferire i sontuosi matrimoni che le piazze della gente.

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208