Sabato, 20 Giugno 2015 12:07

Una manifestazione contro la teoria gender nelle scuole Featured

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

ROMA - Nella  giornata di oggi è stata indetta a Roma dal Comitato “Difendiamo i  nostri figli” una giornata di mobilitazione contro l’ingresso della  presunta “teoria gender” nelle scuole. L’Unione degli Studenti e la Rete  della Conoscenza denunciano l’impianto omofobo e oscurantista  dell’iniziativa.

“Ci troviamo a dover fare i conti con l’ennesima iniziativa omofoba e di censura condotta ai danni dell’educazione laica all’identità di genere e alla sessualità -dichiara Ilaria Iapadre, Responsabile Area Tematica LGBT dell’Unione degli Studenti- . A  detta del Comitato promotore della manifestazione, nelle scuole vi  sarebbero progetti di educazione alla affettività e sessualità che, col  pretesto del contrasto al bullismo e alla discriminazione,  veicolerebbero, spesso all'oscuro di madri e padri, teorie frutto d'uno  sbaglio della mente umana. Dietro questa affermazione falsa e  tendenziosa si cela in realtà la volontà  di mantenere il costrutto del genere saldamente ancorato alle sue basi  meramente sessuali e biologiche, affinché continui ad essere una gabbia  che impone ruoli prefissati e genera violenza, isolamento,   emarginazione e discriminazione.”

“Come Unione degli Studenti continueremo a mobilitarci contro chi millanta l’esistenza di un’ideologia gender. -continua Iapadre- . Non  c’è niente di ideologico nel lottare per il riconoscimento dei diritti  LGBTQI. Denunciamo come questo argomento venga usato a mo' di  spauracchio da chi vuole colpire tutti coloro che rivendicano la propria  libertà di amare e di autodeterminarsi. Ribadiamo  l’urgenza di un programma di educazione sessuale laica e di saperi di  genere nelle scuole e nelle università, nonché l'aggiornamento dei  materiali didattici, in rispetto del Codice Polite, per favorire lo  sviluppo dell’identità di genere e rimuovere  gli stereotipi presenti in  tali strumenti che pesano sulla formazione di ogni studentessa e  studente fin dalla tenera età.”

“Siamo  convinti che la scarsità di strutture e interventi a tutela dello  sviluppo e autodeterminazione della sessualità dei soggetti in  formazione, ci ponga il dovere di creare un nuovo modello culturale dal  basso e realizzare progettualità fatte da studenti per gli studenti. -conclude Camilo Miguel Teillier Villagran, Responsabile dell’Area Tematica LGBT della Rete della Conoscenza-. Le  istituzioni scolastiche e universitarie devono prendere chiare  posizioni di contrasto attraverso la Carta dei Diritti Nessuno Escluso,  tutelare la vita dei soggetti transgender e transessuali attraverso il  Doppio Libretto, costruire insieme a noi un nuovo modello culturale  nelle scuole attraverso un'Educazione Sessuale vera. Il nostro Sportello Online Antidiscriminazioni Nessuno Escluso  vuole essere per gli studenti la possibilità di costruire una comunità  di soggetti in cui la sessualità è un carattere libero, privato, sociale  e bellissimo di ognuno".

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Cultura

Opinioni

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Vaccini Genetici: Una tecnologia da tenere d'occhio

La rivista di divulgazione "Scientific American" ha incluso i vaccini genetici nelle "Dieci tecnologie da tenere d'occhio". La ricerca di nuove strategie di vaccinazione deve tenere in considerazione non solo l'efficacia...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]