Giovedì, 25 Giugno 2015 08:21

Scuola. Contro la fiducia, blitz nei luoghi simbolo della capitale

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

ROMA - All’alba le organizzazioni sindacali e l’Unione degli Studenti hanno organizzato una serie di blitz al MIUR e in altri luoghi simbolo di Roma, per avviare una nuova fase di lotte in difesa della scuola pubblica nel giorno dell'imposizione del voto di fiducia al Senato . 

In questi mesi, le scuole e le piazze sono state l’epicentro della straordinaria mobilitazione contro il Disegno di legge della cosiddetta buona scuola. L’unità di tutte le organizzazioni sindacali, il protagonismo delle RSU, la grande partecipazione degli studenti, hanno costituito le condizioni perché si realizzasse questa grande e radicata mobilitazione, che ha avuto i suoi culmini nella splendida riuscita dello sciopero del 5 maggio e nella grande adesione allo sciopero degli scrutini.

I presìdi e le manifestazioni sotto la Camera ed il Senato si sono succeduti quasi quotidianamente con un successo di partecipazione e di consenso arricchito da un confronto costante con i parlamentari che hanno condiviso le ragioni delle iniziative di proposta e di protesta. "Il governo tuttavia, - afferma in una nota la Rete della Conoscenza -  pur promettendo tante volte il contrario, si è sottratto ad ogni confronto ponendo la fiducia al Senato e procedendo senza tener conto del netto dissenso della scuola, delle associazioni studentesche, dei genitori, delle organizzazioni sindacali e dello stesso parlamento. La democrazia italiana sta subendo una forzatura gravissima ed inaccettabile. Il Governo Renzi vuole imporre con un atto di forza un provvedimento che non ha mai tenuto conto dei bisogni e delle voci del Paese reale."

Il risultato è una riforma che rischia di accrescere le diseguaglianze già presenti all’interno del sistema nazionale di istruzione, fondata su un modello autocratico e clientelare. Una scuola che insegue la competizione invece di perseguire la cooperazione garantendo eguali opportunità per tutti.

La manifestazione di oggi, giovedì 25, giorno della fiducia posta dal governo, costituisce il logico e naturale sviluppo delle mobilitazioni di questi mesi ma soprattutto anche l'avvio di nuove iniziative di lotta che riprenderanno con la stessa costanza e tenacia dall’inizio del prossimo anno scolastico.

Non si risolvono i problemi della scuola italiana con le chiamate dirette da parte dei dirigenti scolastici, con gli sgravi fiscali per chi iscrive i figli nelle scuole private, con le pesanti deleghe in bianco affidate al governo (per la riforma 0-6 anni, per il sostegno agli alunni diversamente abili, per il diritto allo studio), cancellando contemporaneamente il contratto nazionale e stabilizzando solo una parte di tutti quei precari che lavorano nelle scuole italiane, abbandonando gli altri ad un futuro senza certezze e di fatto espellendoli dalla scuola in cui lavorano.

Anche gli studenti rivendicano una scuola giusta che riparta da sette priorità: un nuovo diritto allo studio col fine di raggiungere la piena gratuità dell'istruzione; un'alternanza scuola-lavoro finanziata e qualificata; finanziamenti per il rilancio della scuola pubblica; una riforma della valutazione in chiave democratica; investimenti sostanziosi sull'edilizia scolastica; un ripensamento radicale dell'autonomia scolastica; una riforma dei cicli scolastici, dei programmi e della didattica. 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Cultura

Opinioni

Andrea Camilleri, “contastorie” per sempre

Andrea Camilleri se ne è andato, a 94 anni,  mentre un suo racconto, l’ennesimo, era appena uscito in libreria e mentre si era appena spenta l’eco televisiva dell’ottava replica del...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Leggere i dati sull’economia. La storia dell’ESM raccontata dall’interno. Sovran…

Pochi giorni fa è stato diffuso dall’ESM, uno degli enti che è stato protagonista assoluto della storia economica contemporanea, un libro che ripercorre quanto avvenuto negli ultimi anni. Safeguarding the euro...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]