Venerdì, 21 Aprile 2017 11:04

Mafia. Il Procuratore Roberti parla agli studenti Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

REGGIO CALABRIA - "Liberta', uguaglianza, giustizia, solidarieta', cittadinanza. Sono questi i principi per cui dobbiamo batterci, renderli vivi, portarli nella quotidianita' di ciascuno di noi e nel rapporto con gli altri.

Riscoprire questi principi ci serve per contrastare e vincere la cultura mafiosa". Il Procuratore nazionale Antimafia, Franco Roberti, lancia un messaggio agli studenti arrivati a San Luca (Reggio Calabria) da ogni angolo della Calabria per l'iniziativa "In campo per il futuro" con l'inaugurazione del nuovo campo di calcio del Comune. Roberti legge ai ragazzi un suo pensiero sul leader africano Nelson Mandela "un personaggio straordinario - dice il Procuratore agli studenti -, un uomo che dopo aver vissuto per 26 anni nelle carceri del Sudafrica per essersi battuto contro l'apartheid, ha vinto diventando il presidente del Paese. Ricordando i 26 anni trascorsi nelle carceri, lui non ha mai perso la speranza di poter vincere". "Gli ha tenuto compagnia un pensiero" del poeta inglese William Ernest Henley, "mi devo ricordare che sono padrone del mio destino e capitano della mia anima. Voi siete padroni del vostro destino". 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

Cultura

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077