POLITICA
Bruna Alasia

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

ROMA – L’estate a Roma non sarebbe uguale se, nel polmone verde di villa Borghese, un bellissimo teatro elisabettiano, l’unico in Italia, non aprisse le porte per svolgere le rappresentazioni più attese della città. Una stagione dedicata a Shakespeare persino nell’atmosfera strutturale:   è il Silvano Toti Globe Theatre - nato nel 2003 grazie all’impegno dell’Amministrazione Capitolina e della Fondazione Silvano Toti per una geniale intuizione di Gigi Proietti – un’esperienza da non mancare. 

ROMA - Alessandro Longobardi, direttore artistico del noto Sala Umberto, uno dei teatri più importanti di Roma, nel presentare la nuova stagione 2017- 2018, non manca di rilevare lo sforzo cui è sottoposto chi produce cultura.

ROMA – Stéphane Brizé, nella capitale per presentare “Una vita”, in uscita nelle sale il primo giugno (per il pubblico romano eccezionale anteprima al Nuovo Sacher dove l’autore e il suo lungometraggio sono stati introdotti da Nanni Moretti) dice alla stampa di averci messo vent’anni per maturare il “coraggio” di trarre un film da “Une vie” (Una vita), opera prima di Guy De Maupassant.

“Eugenie Grandet” è ambientato a Saumur, un paese della Loira, che Balzac descrive con calore poetico, tanto che ancora oggi chi visita la cittadina non può fare a meno di immaginare le esistenze discrete e tragiche che popolano questo romanzo, col quale molti identificano lo scrittore. E sin dalla prima pubblicazione, nel 1834, ebbe un successo straordinario. 

Da molti ritenuto il romanzo più bello di Honoré De Balzac, le ottocento pagine de “ Le illusioni Perdute” costituiscono un grande affresco del mondo intellettuale nella Parigi della restaurazione, dopo la caduta di Napoleone Bonaparte.

CANNES - “Pochi ma buoni” è il caso di dirlo: la sorpresa è l’Italia che, seppur con pochi film a Cannes, con Jasmine Trinca migliore attrice di “Un certain regard”, protagonista di “Fortunata” di Sergio Castellitto, ora al secondo posto nelle nostre sale, conquista un’onorificenza ambita.

CANNES – Sempre più i festival si fanno promotori dei giovani talenti. Come accade anche alla Mostra di Venezia, gli studenti di cinema hanno un punto di riferimento per lanciare le loro opere. 

Leonida è un funzionario ministeriale, asceso ai vertici della burocrazia grazie all’oculata scelta di sposare una giovane ricca e potente. Da precettore squattrinato, figlio di un povero professore di ginnasio, Leonida ha iniziato la scalata sociale indossando il frac di un amico suicida, con il quale aiutato dalla bella presenza, dalla versatilità e dal talento nel ballo, è diventato uno dei giovanotti più contesi di Vienna. 

“L’impazienza del cuore” è il primo e unico romanzo di Stefan Zweig, pubblicato nel 1939 quando l’autore aveva cinquantotto anni. Non che il raffinato scrittore austriaco non avesse all’attivo una produzione di versi, racconti, pièce teatrali e biografie, considerate tuttora insuperabili; tuttavia non si era ancora cimentato in quel genere che oggi chiameremmo fiction. 

Dal 25 maggio sarà nelle sale cinematografiche Alamar , poetico e pluripremiato film documento che narra il viaggio di un padre e un figlio nella natura incontaminata del  Banco Chinchorro, l’ atollo corallino più antico ed esteso nel Mar dei Caraibi in Messico.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Il quarto livello delle mafie

Dopo il  fallito attentato dell’ Addaura del 21 giugno 1989, Giovanni Falcone affermò testualmente: "Ci troviamo di fronte a menti raffinatissime che tentano di orientare certe azioni della mafia. Esistono...

Vincenzo Musacchio - avatar Vincenzo Musacchio

Negli “Esercizi di memoria” scopriamo chi ispirò Montalbano a Camilleri e molto …

Pirandello era fascista o antifascista? Dipende dai punti di vista.  Quando, nel dicembre 1936 morì nella sua casa romana, le ceneri vennero raccolte in un’anfora greca e depositata al cimitero...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208