REFERENDUM
Franco Frediani

Franco Frediani

ROMA - Ci aspettavamo una partenza in linea con i propositi di intervento "urgente"; eravamo concentrati sui problemi vertenti la crisi economica, e invece il primo Consiglio dei Ministri si è occupato del decreto legislativo su Roma Capitale.

ROMA - L'ipocrisia regna sovrana. Sembra che tutti i mali del mondo siano ormai alle spalle dopo la costituzione del governo tecnico guidato da Monti. E' chiaro come la dipartita di Berlusconi sia stata sentita e vista da molti come una "liberazione", ma da qui a far passare "l'evento Monti" come il nuovo "sogno italiano" ce ne corre, e non possiamo neppure tacere che tutto questo non permette davvero  di stare allegri. 

ROMA - Possiamo essere sicuri soltanto di una cosa: questo governo Monti serve solo alle Forze politiche italiane per prendere tempo in un momento in cui nessuno potrebbe riuscire a salvarci da sacrifici e rinunce. E' come se avessimo affidato ad altri (Bce e Fmi) il compito di mettere il naso nei conti di Casa nostra al fine di non far sprofondare prima del tempo un sistema socioeconomico ormai in retta d'arrivo.

ROMA - La situazione socio-economica dell'Italia resta e resterà grave, almeno per il Cittadino italiano. La fiducia che il governo Monti sembra riscuotere altro non è che il frutto dell'allineamento alla politica finanziaria voluta dalla Bce (braccio armato di Francia e Germania).

ROMA - Siamo bombardati dalle stesse notizie, con gli stessi nomi che si rincorrono da giorni. E' pure difficile scrivere in queste condizioni, e talvolta si finisce per fare una cronaca sterile senza spiegare al Cittadino cosa sta accadendo. Probabilmente il governo tecnico (prima o poi) vedrà la luce.

ROMA - Il Paese si trova tra l'incudine e il martello. Dopo il risveglio improvviso del capo dello Stato che ha nominato Mario Monti Senatore a vita, si apre ovviamente la fase decisiva per l'uscita di scena di Silvio Berlusconi. Napolitano ha forzato i tempi ben consapevole che l'attuale Premier avrebbe giocato qualsiasi carta pur di "prendere altro tempo".

ROMA - Non sono stati sufficienti tutti questi anni per capire chi è Silvio Berlusconi?  Forse no. Lo si evince dalla situazione di pericolosa incertezza che, pur "perdendo", lo stesso Premier cerca di giostrare al meglio per tirarne fuori ancora una volta un vantaggio. 

ROMA - Nessuno si illuda, non è una fuga! Il Cavaliere, "il Caimano", "Sua emittenza" o come lo hanno chiamato in tutti questi anni, non è uomo da pensare a questioni di orgoglio o altro del genere. Lascerà quando e come gli tornerà più "utile". L'emblema del politico manager continua e si rinnova. Ferrara e Bechis sono solo due esempi eclatanti di personaggi che contano solo se indirizzati o "consigliati" da Lui stesso. E' probabile che la fine sia davvero vicina, ma era nelle cose, faceva parte di un quadro di assieme che non è difficile saper interpretare. Ma non è la fine che le agenzie e i mercati hanno urlato a gran voce questa mattina. L'interesse, il profitto, sono ancora le molle che alimentano certi eventi. Provarlo è difficile, ma non vietato. L'altalena dei mercati è voluta; potrebbe addirittura influenzare il dibattito politico se lo stesso Berlusconi, altrimenti detto anche "B.", chiederà la fiducia sulla famosa lettera della Bce. Dovremo pensare e sperare in una condotta seria e adeguata da parte di tutti i politici seduti sui banchi di Montecitorio, sperando che questa volta siano veramente nel loro cuore le sorti dell'Italia stessa.

 

Le premesse non sono buone; lo capiamo dalle affermazioni di D'Alema che insiste sulla composizione di un governo di larghe intese che "dovrebbe varare un pacchetto di misure essenziali su cui è certamente possibile trovare un accordo ampio".  D'Alema ha infine ricordato che "quando noi eravamo al governo abbiamo ridotto in modo consistente il debito pubblico e la spesa pubblica corrente. Quando io ero presidente del Consiglio la spesa pubblica era al 46% e con Berlusconi è arrivata al 53%. Quindi se noi diamo un contributo la situazione non può che migliorare".  Bè, non si capisce allora il motivo per il quale il presidente di Italiani Europei non lavori ad una vera alternativa che si lontani da quegli accordi e inciuci con “parti” politiche ambigue quasi quanto lo stesso Berlusconi; in modo che lo stesso Cittadino possa toccare con mano la differenza tra anni di sacrifici e qualcosa di maggiormente “respirabile”. In realtà lo abbiamo detto e ripetuto più volte, ed è racchiusa nella sigla UDC alla quale il Nostro D'Alema ha sempre guardato. Il Partito di Casini sembra riscuotere i favori di molti, specialmente dopo aver dichiarato la propria disponibilità per lo stesso governo di larghe intese. Però, a differenza di D'Alema, Casini punta a un elettorato ben diverso, espressione moderata e molto legata a Confindustria, e potrebbe coronare il suo antico sogno di ricostruire la famosa "balena bianca". In tal caso il Pd vedrebbe il crepuscolo avvicinarsi sempre di più.


Il quadro politico è arrivato ad un punto di degenerazione davvero deprimente. Siamo quasi alle comiche. Gabriella Carlucci, in Parlamento grazie allo stesso Berlusconi, lascia il Pdl per la stessa UDC! La "lungimirante" Gabriella è l'espressione più chiara del clima di “fuggi fuggi” che sta permeando i grandi locali di Montecitorio. Aggiungere altro sarebbe inopportuno ma è intuibile, persino se si tratta di Berlusconi. Dicevamo che la fine è probabilmente solo una questione di tempo. La situazione è tale che non potrebbe davvero essere altrimenti.  Credibilità e mercati hanno emesso una sentenza indiscutibile. Lo confermano con estrema lucidità anche le parole di Matteo Colannino, esponente del Pd cresciuto a suon di finanza e dinamiche imprenditoriali, che non si fa scrupoli nel sottolineare quei "segnali forti e inequivocabili dei mercati finanziari di oggi, che vanno a sommarsi alla grave insufficienza del governo Italiano al G20, impongono al presidente Berlusconi una presa d'atto non più differibile".  L'esponente del Pd, conoscitore delle tematiche finanziarie ed economiche spiega che "L'Italia deve immediatamente ritrovare una exit strategy dalla gravissima crisi di fiducia e credibilità che rischia di portare il Paese al punto di non ritorno. Questa inutile resistenza alle dimissioni del presidente del Consiglio, ormai peraltro date per scontate dai mercati, rischia di costare agli italiani un prezzo insopportabile e ingiustificato. I dati odierni sull'esplosione dei fallimenti delle aziende italiane sono solo l'ultimo grave indicatore di un quadro generale fortemente fragile e deteriorato". 

 

La soluzione si avvia quindi verso uno sforzo che non penserà ad una vera alternativa ma ad un difficile quanto incerto quadro di provvedimenti che anche un governo di larghe intese (peraltro guidato probabilmente da Gianni Letta, diretta espressione di quel Berlusconi che vogliamo allontanare costi quel che costi!) si adopererà per salvare l'Italia all'interno di un sistema che, oltre ad aver operato attraverso la Bce una forzatura inaccettabile, potrebbe avere anch'esso un limite temporale. Il Capitale, i grossi interessi economici e soprattutto le Grandi potenze economiche, stanno per sferrare dunque l'attacco finale con l'intenzione di non perdere nessuno dei tasselli che garantisce loro di far sopravvivere un modello sociale ed economico che è palesemente alla frutta.  La risposta alla grave situazione in cui versa il paese, (dove si annaspa nella disoccupazione, nella mancanza di tutele sociali, nell'incuria verso le difficoltà che la maggior parte delle famiglie incontrano ogni giorno!) non sarà dunque oggetto di riflessione e lavoro ma si accoderà allo sforzo, questa volta comune, di pagare un debito pubblico (provocato da pochi!) per il quale la Bce, che non è dato ancora sapere cosa rappresenti in realtà a livello europeo e internazionale, e non ultimo il monitoraggio del Fmi, reclamano a gran voce. Ma ormai abbiamo imparato nuovamente, e da tempo, che quando la voce del Padrone si alza, la risposta è dovuta!

ROMA - La realtà è lo specchio della verità, sempre e comunque. Il Pd si è ritrovato ieri a Roma in una piazza San Giovanni scontatamente affollata. Sarebbe stato sorprendente se un partito tra i pochi a poter contare su una macchina organizzativa professionale e oltretutto supportata da mezzi economici "adeguati" non fosse riuscito nell'impresa non certo titanica.

ROMA - Non c'è occasione che non si presti a interpretazioni che sinceramente destano più di un dubbio. Quando finiremo di riempire le cronache di discorsi retorici e lontani da una realtà che invoca ben altre considerazioni?  Partiamo dalla cronaca di un giorno che per le Forze Armate non è un giorno qualunque.  Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha presieduto alla celebrazione della Festa in Loro onore esaltandone la funzione, non mancando di inserire il tutto in un quadro che invece andrebbe rivisto e sul quale andrebbe fatta una dovuta riflessione.  

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Grecia. Più 60 per cento in 11 mesi. La grande fiesta è finita o si cambia solo …

Appena 11 mesi fa da queste stesse colonne consigliavo l’acquisto dei titoli greci. In un articolo il cui  titolo oggi suona profetico, “Tre buoni motivi per cui il 2017 potrebbe...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077