REFERENDUM

NAPOLI - Si tratta di un disco che ‘spoglia’ le melodie napoletane e le voci a cui le affida, che consegna a giovani talenti il futuro di una tradizione gloriosa e antichissima.

Published in Musica

NAPOLI - "Vulimm 'o post' . Questo il grido che si leva dalla folla di disoccupati stabilizzatisi dinanzi a Palazzo San Giacomo. Erano tutti intenti ad aspettare il neo-sindaco per far sentire il loro grido di rabbia. Migliaia di persone specializzate nella raccolta differenziata, bonifiche e riqualificazione del territorio che stanno tranquillamente a casa.

 

Published in Lavoro

NAPOLI - Napoli regno della creatività. Anche in tema di Referendum nel capoluogo campano non si fanno mancare quel tocco di genialità partenopea. Infatti, numerosi esercenti napoletani hanno pensato di applicare un super sconto a chi, portando la tessera elettorale timbrata, dimostrerà di aver votato ai referendum.

Published in Speciale Referendum

Lunedì 6 Giugno ore 19.00 - Casa del Cinema Largo Marcello Mastroianni 1 - Roma

Published in Società

ROMA - Il presidente del Consiglio ha deciso di riprendere la parola. Dopo l'immediato silenzio post ballottaggi, il premier ha parlato con i giornalisti al Quirinale, dove era andato per preparare i festeggiamenti del 2 giugno.


TREMONTI. "Faremo la riforma del fisco". Sembra questa, nelle parole di Berlusconi, la carta per recuperare i voti perduti. Alla domanda: "E se Tremonti non aprisse i cordoni della borsa?", è seguita una risposta pungente: "Li faremo aprire. Non è Tremonti che decide. Lui propone". Il ministro pare dunque avvisato. "Sarebbe facile ridurre le imposte se facessimo ciò che fanno gli altri Paesi sulle pensioni o sull'impiego pubblico - ha continuato Berlusconi - ma noi non siamo intenzionati a farlo anche se faremo la riforma del fisco".

LA MAGGIORANZA. "Ho preso atto della sconfitta - ha spiegato il premier - sono sicuro però che non ho mancato in nulla se non nel comunicare. Sono assolutamente fiducioso, abbiamo una maggioranza per fare le riforme e mi metterò a comunicare tutte le settimane". Quanto al rapporto con la Lega: "Con Bossi tutto bene, ci siamo sentiti a colazione. Noi siamo al governo e faremo le riforme". "Zero problemi - ha ribadito -, ho la maggioranza per fare la riforma del fisco, quella delle istituzioni e anche quella della giustizia che è già impostata. Abbiamo la maggioranza in Parlamento".

CARFAGNA E CAMORRA. Berlusconi ha commentato anche il voto a Napoli: "Sono sereno. Era un risultato che prevedevo". E poi ha aggiunto, con parole pesanti: "Potevamo scegliere la Carfagna. Lei poteva vincere, ma non ho avuto cuore a consegnarla alla camorra". Laura Garavini, capogruppo del Pd nella Commissione Antimafia, ha voluto subito ribattere: "E' una frase che il presidente del Consiglio dovrebbe spiegare approfonditamente. In attesa di chiarimenti, ci sembra che confermi un fatto: l'entourage del Pdl a Napoli ha rapporti preoccupanti".


PRIMARIE NEL PDL. "Io ho già le idee chiare - ha informato il premier-. Bisogna non scontentare nessuno e bisogna che tutti siano uniti. Io mi occuperò anche del partito per una sua presenza territoriale come era nel '94".  Alla domanda "se mai si faranno primarie nel Pdl", Berlusconi ha risposto: "Come fai a sapere chi va a votare? E se la sinistra, che è militarizzata, cerca di far votare il candidato sbagliato? L'unica cosa che ci ha fermato è sapere appunto chi va a votare".


REFERENDUM. Sul referendum di giugno: "Non me sono mai occupato, vedremo ciò che il popolo vuole". "Io - ha specificato - sono convinto che il futuro sia nel nucleare, ma se la popolazione non vuole non vuole, non è facile decidere".

I FIGLI IN POLITICA. Il premier è tornato a parlare dei famosi due minuti a colloquio con Obama: "Io devo spiegare, quando giro il mondo, agli altri leader perché sono coinvolto in 31 processi. E comunque Obama mi ha detto 'non ti faranno cadere, ma sono sicuro che se cadi, cadi in piedi'". A conclusione della chiacchierata con i giornalisti, Berlusconi ha scherzato sull'eventualità di un'entrata in politica dei suoi figli: "Nessun ingresso in politica, altrimenti li diseredo".


DI NUOVO SU TREMONTI E CARFAGNA. Ore dopo la risposte fornite ai giornalisti nei giardini del Quirinale, il presidente del Consiglio è ritornato sui due argomenti che hanno suscitato più reazioni, Tremonti e Carfagna. "Vengo avvertito di tentativi di polemica su una mia risposta del tutto ovvia ad una domanda dei giornalisti. Io confermo piena fiducia nel ministro Tremonti e sono sicuro che continueremo a lavorare bene insieme come abbiamo fatto sino ad adesso". E su Carfagna:  "L'opposizione tenta di strumentalizzare ogni mia parola. C'è chi ha voluto leggere nelle mie frasi sulla mancata candidatura del ministro Mara Carfagna una falsa polemica. Mi riferivo semplicemente al fatto che avevamo deciso di non impegnare un giovane ministro con molto appeal elettorale ma alla prima esperienza amministrativa in una trincea, esposta agli attacchi della camorra come quella napoletana. Null'altro".

 

Published in Politica
Mercoledì, 01 Giugno 2011 14:33

Gianni Lettieri

"È indiscutibile che a Napoli abbiano colpito me per far del male a lui. Ora credo si debba cambiare: Silvio Berlusconi dovrebbe fare un passo indietro"

Published in Citazioni

MILANO - «Io ho sempre sostenuto che Berlusconi si combatte conla buona politica, e non ci si può aspettare che il lavoro lo facciano i processi. Ecco, abbiamo dimostrato che è possibile, ed è la strada giusta». Lo ha affermato Giuliano Pisapia, neo sindaco di Milano, in un'intervista al quotidiano 'Il Messaggero', aggiungendo che «erano elezioni per il comune di Milano, di quello volevo parlare e non di Berlusconi, dei problemi della città, di come risolverli».

Published in Primo piano

NAPOLI -  Identificati a Napoli i due presunti responsabili della rapina al turista statunitense, morto dopo 9 giorni di agonia in ospedale. I presunti autori del grave delitto sono in stato di fermo presso la Questura di Napoli, dove è presente il pm titolare delle indagini. A identificare almeno uno degli aggressori, la moglie della vittima.

Published in Brevissime

ORE 17,15 - Il Pd abbandona ogni cautela e, di fronte ai risultati che arrivano da tutta Italia, annuncia per questa sera alle 19 un festa in piazza del Pantheon a Roma, proprio come avverrà a  Milano a Napoli a Cagliari e Trieste.

Published in Primo piano

Travolgente vittoria dei candidati di centro-sinsitra in molti Comuni. Pisapia surclassa Letizia Moratti. A Napoli sconfitto l'uomo di Nicola Cosentino per la grande volontà dei cittadini di voltare pagina. Una lezione al berlusconismo ma anche il Pd deve riflettere sul fatto che entrambi i candidati non erano stati scelti dalla nomenklatura del partito

Published in Primo piano

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077