REFERENDUM

LONDRA - "Il controverso magnate Rupert Murdoch sarebbe stato trovato morto nel suo giardino. Avrebbe ingerito una grossa quantità di palladio". L'ha rivelato in esclusiva mondiale l'edizione online del quotidiano inglese The Sun, ieri notte. Era però una burla di LulzSec, il gruppo di hacker che recentemente ha attaccato i siti di Cia, Senato statunitense e Sony.

Published in Mondo

TOKYO - Sembrerebbe una svolta: Naoto Kan, il primo ministro giapponese, ha dichiarato di voler ridurre la dipendenza della nazione dall'atomo e puntare alle fonti di energia rinnovabile. E' la presa di posizione contro l'energia nucleare più forte  presa dal governo dallo tsunami a oggi. Nonostante lo stop di 35 reattori sui 54 presenti in Giappone, il Paese ha una produzione energetica sufficiente ad affrontare la domanda estiva e anche quella invernale, ha detto Kan.

Published in Mondo

TOKYO - Un terremoto di magnitudo 5.9 nella scala Richter è stato registrato vicino alla costa orientale di Honshu. E' quanto ha riferito lo US Geological Survey, precisando che l'epicentro era a una profonditò di 23,20 chilometri, e le coordinate erano 37.6 gradi di latitudine nord e 141.7 gradi di longitudine est.

Published in Mondo
Mercoledì, 15 Giugno 2011 16:19

Referendum: 26.857.452 voti di sinistra

Sono passate poche ore dal risultato referendario che ha detto un secco No al nucleare, alla privatizzazione dell’acqua e al legittimo impedimento, e i politici, dei partiti dell’opposizione, stanno tirando, tutti, acqua al loro mulino.

Published in Dazebao le idee

ROMA – Per tutta la campagna elettorale, i cittadini sono stati costretti a sentire persone, come Franco Battaglia, che asserivano che a Chernobyl si può andare a vivere benissimo, non essendoci alcun pericolo. Altri, come Chicco Testa, che ne cantavano le lodi perché è l’unica fonte di energia in grado di darci corrente a poco prezzo e far diminuire la nostra dipendenza dagli approvvigionamenti dall’estero. Naturalmente, i nuclearisti non parlavano mai del principale problema: quello delle scorie che, da solo, impedirebbe l’utilizzazione di una fonte così pericolosa e non smaltibile.

Published in Primo piano

ROMA – “Botta continua. Silvio apri la borsa” titola oggi “Libero”. “Ha vinto la paura”, invece, secondo “Il Giornale”. Nel primo, un editoriale del direttore Maurizio Belpietro fa notare come la sinistra abbia perfino sfruttato papa Ratzinger per vincere il referendum, dato che Benedetto XVI, in un suo discorso poco prima del voto, aveva rimarcato l’importanza dell’ambiente e delle risorse comuni alle popolazioni. Poi Belpietro si consola, con la sua inviata romana a piazza del Popolo, notando come a festeggiare in piazza ci siano pochissime persone: “Impressionante: non c’è nessuno” scrive l’attonita giornalista.

Published in Primo piano

ROMA – Che l’eccezionale risultato raggiunto dai referendari abbia un significato ampiamente politico ben pochi oggi possono negarlo, perché è lo stesso governo e il suo premier, oramai screditato non soltanto all’estero, che hanno fatto di tutto per sabotarlo, con mezzi tipici di questa destra. Con un provvedimento emesso soltanto poco prima del voto, Berlusconi ha cercato di truccare le carte, vedendo soprattutto nel quarto quesito (sul legittimo impedimento) una mina alla sua persona e alle sue vicende giudiziarie, che in qualsiasi altro Paese democratico gli avrebbero impedito di essere un primo ministro.

Published in Primo piano

ROMA - Al termine dello scrutinio  i pronostici ventilati subito dopo la chiusura dei seggi si sono materializzati. Conferma dopo conferma i numeri del quorum sono cominciati a salire fino a raggiungere il 57%. In alcuni comuni il risultato è stato sorprendente, come a Roma dove il 95% dei cittadini ha sbarrato il SI' su tutti i quattro quesiti referendari.

Published in Primo piano

ROMA - Dalle otto di questa mattina si sono aperti i seggi sui quattro quesiti referendari abrogativi: due sull'acqua, uno sul nucleare e sul legittimo impedimento. Obiettivo principale è raggiungere l'agognato quorum, ovvero, tradotto in numeri significa che 25.209.345 dovranno recarsi alle urne. Oggi si potrà votare fino alle 22 mentre domani dalle 7 alle 15.

Published in Primo piano

MESSINA - Due pericolosissimi reattori nucleari con una potenza di 194 MW a presidio del voto referendario dei napoletani. Da sabato 11 giugno sono approdate nel Golfo di Napoli le unità navali USA componenti il George H.W. Bush Carrier Strike Group, la task force navale salpata un mese fa dal porto di Norfolk (Virginia) e diretta dalla USS George H.W. Bush, l’ultima portaerei della classe “Nimitz”, una delle più grandi imbarcazioni militari mai costruite nella storia, 333 metri di lunghezza, 77 di larghezza e un peso di 104.000 tonnellate. I due reattori nucleari che consentono la propulsione della portaerei sono del tipo A4W (dove A sta per Aircraft Carrier Platform, 4 per quarta generazione e W per Westinghouse Electric, la società statunitense produttrice) e hanno un’autonomia di circa 20 anni.    

Published in Primo piano

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077