REFERENDUM

FUKUSHIMA - È stato danneggiato il secondo contenitore del reattore numero 2 della centrale di Fukushima 1. Il danno riguarda la struttura in cemento armato che protegge il contenitore di acciaio (vessel) all'interno del quale si trovano le barre di combustibile. «Al momento, a quanto risulta, sarebbero intatti tutti e tre i vessel che contengono il combustibile», ha detto Stefano Monti, direttore dell'Unità metodi di sicurezza dei reattori dell'Enea. Mentre nei reattori 1 e 3 della centrale di Fukushima 1 le esplosioni dei giorni scorsi avevano fatto crollare il tetto dell'edificio che contiene i reattori, senza però danneggiare gli involucri di contenimento, l'esplosione avvenuta questa mattina nel reattore 2 ha invece danneggiato la struttura a forma di ciambella che si trova alla base del «guscio» di cemento armato e che racchiude il contenitore di acciaio (vessel) con il combustibile.

Published in Primo piano

L’Agenzia per la sicurezza del nucleare italiana nega la gravità dell’incidente nucleare in Giappone. Legambiente, Greenpeace, WWF: “ Non si può arbitrare una partita, essendo ultrà di una delle squadre”

Published in Società

I giornali della destra, con "Il Tempo" in testa, accusano la sinistra di strumentalizzare la tragedia di Fukushima. Ma sono loro, come sempre, ad appoggiare una scelta dettata dalla lobby nucleare che le cancellerie europee stanno ripensando

Published in Primo piano

TOKIO – Le barre di combustibile all'interno del reattore numero 2 della centrale di Fukushima adesso non sono più coperte dall'acqua. Questo significa che diventa impossibile raffreddare il nocciolo del reattore: quest'ultimo continua ad accumulare calore e il rischio che il nocciolo si fonda diventa concreto. Dopo i problemi di raffreddamento riscontrati nei reattori 1 e 3 della centrale di Fukushima, adesso è molto seria anche la situazione nel reattore numero 2. Erano questi i tre reattori della centrale attivi al momento del terremoto. In tutti i tre i reattori si è verificato un guasto al sistema di emergenza che garantisce il raffreddamento del nocciolo. In qualsiasi centrale nucleare a fissione, infatti, anche dopo lo spegnimento il processo di decadimento dei prodotti della fissione prosegue e con esso continua ad essere prodotto calore. Questa reazione continua ad avvenire all'interno delle barre che contengono il combustibile: sono tubi di acciaio dal diametro di un centimetro e lunghi quattro metri, nelle quali il combustibile nucleare si trova in forma di pastiglie. Un accumulo eccessivo di calore può provocarne la rottura, in seguito la fusione del combustibile e, con essa, la liberazione nell'ambiente di isotopi radioattivi.

Published in Primo piano

Per il governo la situazione è sotto controllo. Rinvenuti 5mila cadaveri

Published in Primo piano
Domenica, 13 Marzo 2011 20:21

Godzilla e Berlusconi

In queste ore il mondo é in apprensione perché si prospetta un'altra Chernobyl, non a causa della sfiga ma dell’insipienza ed ignavia di governanti giapponesi che hanno obtorto accettato uno sviluppo industriale basato sull’Atomo, sapendo che il loro territorio é su una delle faglie a più elevata sismicità della Terra.

Published in Politica

TOKIO - Il bilancio ufficiale del Governo giapponese è di 1.700 morti e oltre 700 dispersi ma ogni ora che passa ci dice che l'apocalisse giapponese potrebbe riservare amare sorprese. Nella sola prefettura di Miyagi i morti sarebbero oltre 10 mila. Una stima approssimata fra cadaveri e dispersi ci informa che probabilmente i morti sono oltre 20 mila. Più di 600 cadaveri sono stati trovati lungo le coste nord orientali delle prefetture giapponesi di Miyagi e Iwate. Lo riportal'agenzia Kyodo. Fonti ufficiali riferiscono che il bilancio finale delle vittime del disastro provocato dal terremoto e dallo tsunami che ha colpito il Giappone potrebbe essere molto superiore a duemila. Nel nord est, vicino all'epicentro, le autorità hanno perso i contatti con decine di migliaia di residenti.

Published in Primo piano

Legambiente: “Diciamo No alle centrali EPR in Italia  già bocciate da Francia, Gran Bretagna e Finlandia per problemi di sicurezza”

Published in Società

ULTIM'ORA - TROVATI I 4 TRENI DISPERSI. SALVI I PASSEGGERI. Sono stati ritrovati i quattro treni in servizio tra Iwate e Miyagi. Dati per inghiottiti dallo tsunami, sono ricomparsi insieme ai circa 70 passeggeri e macchinisti, tutti salvi. Lo rendono noto il ministero dei Trasporti nipponico e JR East, l'operatore ferroviario, al termine di ricerche complicate dalle difficoltà delle comunicazioni. Sul treno della linea Senseki, in base a quanto riferito, il guidatore, il capotreno insieme a una cinquantina di passeggeri si sono rifugiati in una scuola elementare, sfuggendo così alla furia dell'onda. Sui due convogli della linea Ofunato, invece, il guidatore e 15 passeggeri si sono riparati in una scuola media, mentre altri 5 passeggeri sono andati per conto proprio. Anche sulla linea Kesennuma i passeggeri si sono fatti strada con le proprie forze.

*** *** ***

TOKIO - Potrebbe sfiorare quota 1.700 il numero dei morti in Giappone per il terremoto e lo tsunami di ieri nel nordest del paese. È quanto riferito dai media locali , mentre cresce la preoccupazione dopo l'incidente nella centrale nucleare. Per l'Oms, le vittime accertate al momento sono almeno 621, una cifra destinata a crescere.Stando ai dati provvisori dell'Organizzazione mondiale della Sanità, almeno 645 sono i dispersi e 1.040 i feriti. Secondo il capo gabinetto del governo di Tokyo, Yukio Edano, la cifra dei morti sarà ben oltre mille.

Dopo la notte tormentata da continue scosse di assestamento, che hanno tolto il poco sonno rimasto dopo il devastante sisma, il Giappone si è svegliato oggi in un nuovo incubo fatto di cadaveri in spiaggia, treni spariti nel nulla e città intere cancellate dalla furia dello tsunami, con centinaia di morti accertati e migliaia di dispersi. Il bilancio provvisorio della polizia parla di oltre 620 vittime, che tuttavia secondo le ultime stime sono destinate a diventare almeno 1.800, mentre si moltiplicano i ritrovamenti di cadaveri e aumenta il numero di persone di cui si sono perse le tracce. Una scena da film dell'orrore è stata immortalata sulla spiaggia di Sendai, capoluogo della prefettura di Miyagi, il cui distretto costiero è stato spazzato via da uno tsunami, dove sono stati allineati circa 300 cadaveri non ancora identificati. Le segnalazioni di persone che mancano all'appello dopo il sisma delle 14.46 di ieri, che secondo il conto ufficiale sono almeno 650, si moltiplicano senza sosta nelle aree più colpite: secondo l'ultimo allarme diffuso dalle autorità della prefettura di Miyagi, sono almeno 9.500 le persone di cui non si ha più traccia nella cittadina di Minamisanriku, a nord di Sendai, un numero di potenziali dispersi che rappresenta oltre la metà della popolazione complessiva di 17.000 abitanti. Sembrano finiti nel nulla, dopo una giornata intera senza notizie, anche i quattro treni in servizio lungo la zona costiera delle prefetture di Miyagi e Iwate, probabilmente spazzati via dallo tsunami di oltre 10 metri seguito alla prima scossa: i convogli, appartenenti al gestore ferroviario Jr East, operavano sulle linee Ofunato, Senseki e Kesennuma, e ancora non ci sono informazioni sul numero di passeggeri che poteva trovarsi a bordo. Lieto fine invece per l'altro mistero della giornata, una nave data per dispersa con un centinaio persone a bordo, dopo il passaggio di uno tsunami nella città di Ishinomaki: il battello, appartenente a una impresa di costruzione navale, è stato ritrovato al largo della prefettura di Miyagi, e i suoi 81 passeggeri sono stati tutti tratti in salvo dagli elicotteri dell'esercito e della guardia costiera. Per sostenere le attività di recupero il ministero della Difesa ha preparato la mobilitazione di circa 50.000 soldati, che saranno dislocati nelle zone dove il cataclisma ha colpito più duramente: il bilancio attuale registra complessivamente 300.000 evacuati, compresi gli 80.000 residenti nell'area dell'impianto nucleare Fukushima n.1, 3.400 edifici ridotti in macerie, 5,57 milioni di famiglie rimaste senza corrente elettrica e un milione senza acqua. A Tokyo, secondo stime della polizia locale, almeno 120.000 persone non hanno potuto fare ritorno a casa nella notte di venerdì, a causa del blocco totale delle linee ferroviarie e degli ingorghi nelle strade.

E' nata la piccola Cielo

Hiroshi si emoziona quando parla della piccola Cielo. È nata poche ore fa, tra morte e macerie. Lì a Sendai, tra quel che il terremoto e lo tsunami non sono riusciti a distruggere. La nascita della sua prima figlia, Hiroshi, cuoco giapponese a Roma, la definisce un miracolo. E un segno: «Tra tanta morte, ci può essere anche tanta vita». La morte a Sendai c'è, eccome. Sulla spiaggia sono stati ritrovati circa 300 cadaveri. Quelle scene, Hiroshi le ha viste in tv. «Sapevo che lì c'era mia moglie, che la mia piccola stava nascendo e non poter avere notizie è stato un inferno» racconta. Impossibile telefonare in Giappone. Ci ha provato migliaia di volte, ma le comunicazioni risultavano interrotte. Poi, finalmente, un sms dalla moglie: «Ho avuto tanta paura, l'acqua è entrata perfino in camera. Sto bene, ho le doglie, sto per partorire». «Ho iniziato di nuovo a respirare - racconta ancora Hiroshi - e ho iniziato ad aspettare». Un'attesa durata «un'infinità». «Fino a quando, poche ore fa, mi ha telefonato mia madre da Osaka e mi ha detto che era nata la piccola - dice emozionato - tramite Skype siamo persino riusciti a fare un ponte telefonico e ho ascoltato per pochi secondi la voce di mia moglie. È un miracolo l'arrivo della piccola, un miracolo». Da qui la scelta del nome, Cielo: «È un nome che ci è sempre piaciuto e non potevamo non sceglierlo in un momento come questo, così la nostra piccola potrà essere un segno di speranza tra tanto orrore». Domani Hiroshi partirà per il Giappone, «so bene che sarà difficilissimo raggiungere Sendai ma non posso non provarci, lì c'è la mia famiglia». In Italia, a Roma, è arrivato due anni fa, per imparare la cucina di casa nostra. Il suo sogno è di ritornare in Giappone e aprire lì un ristorante italiano. Lui, 26 anni, lei, la moglie, 36, si sono conosciuti proprio a Roma. Prima l'amicizia, poi l'amore. E ora la piccola Cielo. La prima cosa che Hiroshi ha messo in valigia è stata proprio un regalo per lei. «Le ho comperato un cd con canzoni per bimbi - dice commosso - voglio che ascolti una musica dolce, voglio insegnarle a sorridere. Soprattutto lì in quella terra, a Sendai, dove nessuno ma proprio nessuno in queste ore ha più la voglia e forse neanche la forza per sorridere».

Il rischio nucleare

Sono progettate per resistere a terremoti estremamente violenti, di magnitudo superiore a 9, le centrali nucleari attive nel mondo. Per motivi di sicurezza, inoltre, sono progettate in modo da spegnersi automaticamente con sismi di magnitudo migliaia di volte inferiore, pari a 6. I requisiti che le centrali nucleari devono avere per resistere ai terremoti sono stabiliti dall'Agenzia Internazionale per la Sicurezza Nucleare (Aiea) e le aziende che nel mondo costruiscono impianti di questo tipo sono tenuti a rispettarli. «Tutti i reattori attualmente in funzione sono progettati per resistere ai terremoti più violenti prevedibili a livello mondiale», osservano esperti di sicurezza nucleare. La progettazione di queste strutture deve fare riferimento a un cosiddetto «terremoto di progetto», che viene definito per ogni parte della centrale sulla base della massima accelerazione al suolo che un terremoto possa provocare. L'accelerazione al suolo è l'accelerazione alla quale un edificio viene sottoposto per effetto di un terremoto e viene calcolata in rapporto alla gravità (per esempio, immaginando una persona in piedi durante un terremoto, l'accelerazione al suolo di 1 G, ossia pari alla gravità, è quella che può farle perdere l'equilibrio e farla cadere). «Le centrali nucleari - proseguono gli esperti - sono progettate per resistere ad accelerazioni pari a 3 o 3,5 G». Il loro spegnimento automatico scatta con accelerazioni al suolo notevolmente inferiori, pari a 0,3 G.

I rimedi sanitari contro l'esposizione alla radioattività

Sono tre gli elementi da tenere sotto controllo per determinare eventuali contaminazioni dei residenti vicini alla centrale di Fukushima: lo iodio 131 (I-131), il cesio 137 (Cs-137), e lo stronzio 90 (Sr-90). Lo spiega il professor Mauro Liberatore esperto di medicina nucleare dell'università Sapienza di Roma. La diffusione di questi elementi, segno di possibili fuoriuscite radioattive dalla centrale, possono essere dannosi se assunti in dosi elevate soprattutto per la formazione di tumori. E i possibili rischi per la salute dipendono dalle dosi di radiazioni assorbite: se basse si parla di valutazioni probabilistiche; se elevate il rischio è determinato. Le pillole di iodio 131 che il governo giapponese si appresta a distribuire ai residenti nelle zone delle centrali nucleari colpite dal sisma di ieri rappresentano l'unico antidoto attualmente disponibile in grandi quantità nei casi di emergenza. «La contaminazione da radiazioni - spiega il professor Paolo Vitti dell'Istituto di Medicina Nucleare di Pisa - avviene principalmente in due modi, per irradiazione diretta o per ingestione di cibi contaminati. Le pillole di iodio 'stabilè servono a saturare la tiroide impedendo che venga contaminata dallo iodio 'instabilè che danneggia la cellula a livello di Dna facilitando così l'insorgenza di tumori». Anche il Cesio 137 e lo Stronzio 89 si depositano nei cibi, ma hanno dei tempi molto più lunghi. Di solito portano a leucemie e a neoplasie diffuse in tutto il corpo. In particolare lo Iodio 131 viene assorbito dalla tiroide e ha una emivita di una settimana. Per questo motivo si somministrano pasticche di iodio 'freddò per prevenire l'accumulo di quello 'esternò detto 'caldò nell'organo e facilitare l'eliminazione per via urinaria. Il Cesio 137 è un elemento poco mobile, non si disperde facilmente nell'ambiente ma vi si deposita e per questo può entrare nel ciclo alimentare (erba, animali e latte) e si accumula nelle ossa. Ha una emivita di circa 30 anni. Lo stronzio 90 al contrario è molto mobile nell'ambiente ed è solubile nell'acqua; si disperde facilmente e si trova anche a grandi distanze dal luogo dell'incidente; assunto con acqua e prodotti della pesca si accumula nelle ossa. «Ai tempi di Chernobyl, aggiunge Vitti, in Polonia fecero in tempo a mettere in atto una distribuzione preventiva di iodio e questo ridusse significativamente il numero dei tumori rispetto alla vicina Ucraina». «Al momento - sottolinea - non è ancora chiaro di che tipo di esposizione radioattiva si tratti. La carenza o meno di iodio è un fattore chiave nella diffusione di questi tumori. »In questo senso - conclude Vitti - il Giappone è relativamente protetto in quanto è una delle zone del mondo dove c'è un apporto di iodio molto alto, 3-4 volte di più dell'Europa, grazie all'alimentazione legata ai prodotti ittici«.

Published in Primo piano

ROMA - Paolo Romani, milanese, classe 1947, con un diploma di liceo classico alle spalle, si è preparato per la politica facendo l'editore di emittenti televisive locali.

Published in Primo piano

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077