POLITICA

ROMA – Ci sono i i “no” della Spagna, del Brasile, dell'India, della Svizzera, Irlanda, Finlandia Austria e Norvegia e Polonia e Olanda. Ci pensano su Bolivia, Italia, Venezuela e Islanda. C'è suspance sul futuro di Edward Snowden, la talpa del Nsagate che con le sue rivelazione sull'operato delle agenzie di intelligence americana sta mettendo in imbarazzo gli States.

Published in Primo piano

CARACAS  - È stato localizzato il relitto dell'aereo YW2615 del tipo Islander, su cui viaggiava Vittorio Missoni, scomparso lo scorso 4 gennaio sulla rotta Los Roques-Maiquetia. Lo ha reso noto il capo ufficio stampa del ministero dell'Interno venezuelano, Jorge Galindo, secondo quanto riferisce la stampa venezuelana.

Published in Cronaca
Mercoledì, 26 Giugno 2013 07:57

Il Venezuela valuta asilo per Snowden

CARACAS - Sul caso Edward Snowden s'inserisce il Venezuela: il presidente Maduro ha dichiarato che se dovesse arrivare una richiesta di asilo politico, il governo sarebbe pronto a "valutarlo", così come ha già fatto l'Ecuador.

Published in Brevissime

CARACAS – Non si ha pace in Venezuela. Dopo le polemiche sulle elezioni  proseguono le accuse del neo presidente Nicolas Maduro verso i suoi oppositori. Anche quelli stranieri. In auge torna il ruolo dell’ex presidente della Colombia Alvaro Uribe, già accusato dall'ex delfino di Chavez di aver complottato contro di lui per ucciderlo dopo le elezioni.

Published in Mondo

CARACAS - "Sapeva come infiltrarsi, come reclutare le fonti, come manipolare le informazioni con dimestichezza. E' tutto ciò che abbiamo potuto accertare”. Queste le argomentazioni del ministro degli interni e della Giustizia Miguel Rodriguez Torres sull'arresto del giornalista americano in Venezuela.

Published in Mondo
Martedì, 16 Aprile 2013 15:14

Speciale elezioni Venezuela 2013

Intervista a Geraldina Colotti sulle elezioni del 14 aprile 2013 in Venezuela

 CARACAS - Nicolas Maduro, il delfino di Hugo Chavez, ha vinto di un soffio le elezioni presidenziali in Venezuela col 50,66% dei voti. Il suo oppositore, Henrique Capriles, che si è fermato al 49,07%, non ci sta e chiede il riconteggio delle schede. L'affluenza alle urne è stata del 78,71%. Lo scorso 7 ottobre Hugo Chavez aveva battuto lo stesso Capriles con il 55,07% contro il 44,31% dei voti, con una affluenza record dell'80,56% (+8%). E' un risultato che apre una stagione di grande incertezza e instabilità in Venezuela e che non è stato riconosciuto dal leader dell'opposizione che ha già chiesto il riconteggio dei voti annunciando di essere in possesso di risultati diversi da quelli annunciati dal Consiglio nazionale elettorale. Nel giro di appena sei mesi dal 7 ottobre dell'anno scorso quando Chavez, già segretamente molto malato, venne riconfermato alla presidenza, il suo successore ha perso ben 700mila voti, più o meno tutti quelli guadagnati dal candidato dell'opposizione. "Nicolas Maduro, lo sconfitto oggi è lei", ha detto il candidato oppositore Henrique Capriles al presidente eletto del Venezuela, annunciando che non riconoscerà la sua vittoria alle urne finché "non sarà verificato il 100% dei voti", perché dispone di "un risultato differente da quello annunciato oggi". Capriles ha promesso di consegnare alla stampa l'informazione raccolta dai suoi militanti riguardo a "3.200 incidenze", che motiverebbero la "necessità di un controllo voto per voto".

Published in Primo piano

 CARACAS - Nicolas Maduro, il delfino di Hugo Chavez, ha vinto di un soffio le elezioni presidenziali in Venezuela col 50,66% dei voti. Il suo oppositore, Henrique Capriles, che si è fermato al 49,07%, non ci sta e chiede il riconteggio delle schede. L'affluenza alle urne è stata del 78,71%. Lo scorso 7 ottobre Hugo Chavez aveva battuto lo stesso Capriles con il 55,07% contro il 44,31% dei voti, con una affluenza record dell'80,56% (+8%). E' un risultato che apre una stagione di grande incertezza e instabilità in Venezuela e che non è stato riconosciuto dal leader dell'opposizione che ha già chiesto il riconteggio dei voti annunciando di essere in possesso di risultati diversi da quelli annunciati dal Consiglio nazionale elettorale. Nel giro di appena sei mesi dal 7 ottobre dell'anno scorso quando Chavez, già segretamente molto malato, venne riconfermato alla presidenza, il suo successore ha perso ben 700mila voti, più o meno tutti quelli guadagnati dal candidato dell'opposizione. "Nicolas Maduro, lo sconfitto oggi è lei", ha detto il candidato oppositore Henrique Capriles al presidente eletto del Venezuela, annunciando che non riconoscerà la sua vittoria alle urne finché "non sarà verificato il 100% dei voti", perché dispone di "un risultato differente da quello annunciato oggi". Capriles ha promesso di consegnare alla stampa l'informazione raccolta dai suoi militanti riguardo a "3.200 incidenze", che motiverebbero la "necessità di un controllo voto per voto".

Published in Primo piano
Martedì, 12 Marzo 2013 16:50

Bucanero. Venezuela e Paraguay

ROMA - In questa puntata intervista alla documentarista venezuelana Liliane Blaser che ci racconta le lotte sociali e politche nel suo paese e poi Manfredo Pavoni Gay sul Paraguay, protagonista di un golpe tecnico ai danni del presidente eletto Fernando Lugo e che andrà ad elezioni il prossimo aprile.

Martedì, 05 Marzo 2013 22:58

E' morto Hugo Chàvez

CARACAS -  Il presidente venezuelano, Hugo Chavez è morto. Lo ha annunciato in un discorso televisivo il vicepresidente Nicolas Manduro spiegando che il leader, da due anni in lotta contro il cancro, è deceduto alle ore 16.25 locali. 

Published in Primo piano

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Negli “Esercizi di memoria” scopriamo chi ispirò Montalbano a Camilleri e molto …

Pirandello era fascista o antifascista? Dipende dai punti di vista.  Quando, nel dicembre 1936 morì nella sua casa romana, le ceneri vennero raccolte in un’anfora greca e depositata al cimitero...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Dall'Austria un allarme da non sottovalutare

Chiunque conosca la biografia di Hitler sa che il futuro Führer non era tedesco bensì austriaco e sa anche che se c'erano due paesi in cui l'antisemitismo la faceva da...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208