Rassegnata Stampa

Lunedì, 10 Dicembre 2012 17:01

A chi prodest? Settimana dal 3 al 9 dicembre

Scritto da

ROMA - In patologia, un tumore (dal latino tumor, «rigonfiamento») è, «una massa abnormale di tessuto che cresce in eccesso e in modo scoordinato rispetto ai tessuti normali, e persiste in questo stato dopo la cessazione degli stimoli che hanno indotto il processo».

ROMA - Settimana brunch, vale a dire una strana commistione tra dolce e salato, tra passione e partecipazione democratica (le primarie) e foschi presagi (sanità pubblica, pensioni e Ilva di Taranto) dove, esattamente come per la forma sincopata che unisce prima colazione e pranzo, e alla fine non si riesce a capire cosa sia l’una o l’altro e cosa effettivamente venga prima o dopo, anche noi abbiamo assaggiato eventi difformi e lontani come fossero un piatto unico.

ROMA - Dilemmi della settimana: chi vincerà le benedette primarie del centrosinistra e, nel contempo, riusciremo mai a liberarci dell’ometto del destino, del consunto dal Signore ridotto ormai alla statua di cera di se stesso? E` quello che vorremo sapere presto. A tal proposito, a livello di folklore, facciamo una rapida corsetta a ritroso nella settimana.

ROMA - Settimana agitata, in tutti i sensi.
Torna a grande richiesta il conflitto tra Israeliani e Palestinesi. Una sorta di sanguinoso revival che ciclicamente s’infrange sulle nostre distratte e bulimiche coscienze di rampicanti occidentali, alle prese con trascurabili problemi di maintenance del raggiunto e "supposto" benessere.

ROMA - Finalmente concluse le elezioni Usa 2012. Obama rieletto imperatore. Confermato nonostante abbia regnato durante una delle più pesanti crisi mondiali che l'economia abbia mai attraversato. Risolto in extremis il mistero sul perché gli italiani si siano appassionati tanto alla disputa: pensavano fosse una nuova serie televisiva americana.

ROMA - Le immagini dal satellite hanno mostrato nubi dense in arrivo. L'uragano Sylvio, scatenatosi all’indomani della condanna della scorsa settimana per frode fiscale, prima di travolgere la costa nord-est del paese, ha sputtanato 69 persone passando rapido sull’Europa: un bilancio a cui si aggiungono almeno 50 magistrati tra la Val D’Aosta e la Sicilia, la maggior parte travolti da alberi caduti, oltre a una donna che sedeva tra il pubblico di “c’è posta per te” che è stata schiacciata da un cartellone della pubblicità strappato dalla forza dell’ira. Ma è un bilancio provvisorio, destinato ad aumentare.

ROMA - Questa settimana più che una rassegna stampa, un vero e proprio bollettino giudiziario. Segno che il paese, (doverosa la minuscola) in passato già alla frutta, è arrivato direttamente al conto.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077