Lunedì, 24 Giugno 2013 22:45

Accorpate Imu e Iva. In arrivo l’Ivu. Settimana dal 17 al 23 giugno

Scritto da

Sette giorni torridi hanno avvolto la penisola come un panno bollente e naturalmente non si sono fatti attendere i primi effetti del caldo.
Tra i tanti segnaliamo il più pietoso.


Angelino Alfano (segretario del Pdl) in un momento di crisi d'identità lancia un diktat al governo (del quale è vicepremier):  "Niente aumento Iva e detassare assunzioni". In pratica un ultimatum a se stesso.
Dopo l’esternazione inizia a fare le bolle di sapone con il naso e prova a decollare a cavallo di una scopa di saggina.
Sedato, sussurra con un filo di voce: “Il destino del governo è legato al programma e se non è realizzato il governo non va avanti. Dobbiamo intervenire sulle tasse e detassare le nuove assunzioni. Sono questioni fondamentali e, a partire dall'Iva, la nostra linea è evitare l'aumento della tassazione… sia maledetta la guardia di finanza!”.

Enrico Letta prova a mediare un rinvio di tre mesi. Nel frattempo telefona a Papa Francesco e chiede un esorcista.

D’altro canto, Bruxelles promuove ufficialmente l'Italia uscita dal deficit e questo rafforza il premier, che così può affermare che il nostro paese è entrato di diritto nella ristretta cerchia delle undici nazioni europee "virtuose".
Nessuno ha avuto il coraggio di dirgli che si riferivano all’Italia dei primi anni sessanta…

Ancora qualche scampolo di schizofrenia di lotta e di governo.
Avverte Brunetta "Ormai stanno arrivando a scadenza l'aumento di un punto percentuale dell'aliquota ordinaria Iva e il termine fissato dal governo Letta per la riforma della tassazione degli immobili in Italia - - A che punto siamo con le coperture? A che punto siamo con le riforme? Non basta. Il Paese ha bisogno di risposte certe".

Ha ragione. Il paese ha bisogno di risposte certe e Brunetta di volgari.

Per la serie le tragicomiche vicende economiche italiane: il famoso nodo Iva.
In settimana infatti ,a tal proposito, ha ripreso quota il governo del dire su quello del fare.
"Non è che io o il mio governo vogliamo aumentare l'Iva", ha ribadito il premier. "L'Iva aumenta perché è già stato deciso, è già nel bilancio dello Stato ed è figlia di decisioni iniziate nella prima metà del 2011", ha ricordato il premier. "Non è stato il mio governo a deciderlo ma quello di Berlusconi", ha insistito piagnucolando.
"Dobbiamo trovare le risorse per evitarlo o per spostarlo questo aumento " ha continuato alzando la voce oltremisura. Poi, tentando di togliersi i pantaloni , ha concluso: "sono fiducioso che troveremo una soluzione" .

Tra le possibili soluzioni pare che sia allo studio anche un accorpamento dell’Imu e dell’Iva: l'Ivu.  
Infatti per evitare le continue e costanti polemiche  e visto che comunque non sarà possibile fare a riguardo alcunché (in gergo tecnico, una sega perché mancano  banalmente le risorse) le due imposte si fonderanno in una con un meccanismo musicale a scomparsa -azionabile anche a distanza- e verranno utilizzate quanto meno te lo aspetti,  in maniera  indolore e soprattutto in piena notte, così da non provocare panico.  

Plauso dal mondo degli illusionisti e dei pranoterapeuti.

Occasione unica e irripetibile occorsa in settimana.
Gasparri avverte i giudici: "In caso d’interdizione di Silvio Berlusconi dai pubblici uffici i parlamentari del Pdl potrebbero dimettersi in blocco.”
Purtroppo era solo una frase a effetto.

Il giorno dopo La Corte Costituzionale respinge il conflitto di attribuzione sollevato dai legali del perseguitato Silvio.
No al legittimo impedimento di Silvio Berlusconi, all'epoca dei fatti premier, a partecipare all'udienza del processo Mediaset. La Corte Costituzionale ha respinto il conflitto di attribuzione tra poteri sollevato da Palazzo Chigi nei confronti del tribunale di Milano, dove era allora in corso il procedimento, nell'ambito del quale il leader del Pdl è stato condannato in primo grado e in appello a 4 anni di reclusione (3 coperti da indulto) e a 5 anni di interdizione dai pubblici uffici, e che nei prossimi mesi approderà in Cassazione.

Dopo questa sentenza monta la singolare protesta di tutto il Pdl: i deputati non si dimetteranno mai !
Al massimo abbandoneranno la buvette della Camera al momento di pagare il conto.

Nel frattempo  non perdete gli speciali di “Un giorno in Pretura” ormai tutti a dedicati al l’ Ometto  del Destino stretto all’angolo dalle imminenti sentenze. Chi semina spifferi…

Originali conclusioni al G8 in Irlanda: "La priorità a crescita e lavoro. Accordo contro evasione e paradisi fiscali. Riforma delle mezze-stagioni, Lotta al giro-vita,  Chi dice donna dice danno?”.

Brasile, un milione in piazza. Rousseff convoca vertice d'urgenza.
Anche i brasiliani, a volte, si incazzano.  
Incidenti in diverse località. Almeno un morto, investito da un'auto. La polizia fa uso di lacrimogeni e pallottole di gomma per disperdere i manifestanti. La presidente Dilma Rousseff annulla i viaggi nella regione di Salvador e in Giappone. "Non basta bloccare gli aumenti dei trasporti - affermano gli organizzatori delle manifestazioni - il governo deve rivedere tutta la politica economica e l'incremento delle tasse per finanziare i Mondiali del 2014".
È singolare che nel paese del calcio, sia proprio il calcio a far deflagrare la protesta sociale e in un batter d’occhio  le contraddizioni degli ultimi 15 anni si rivelano nell’ultima settimana.

Di protesta in non-protesta.
Si chiede infatti su la Repubblica, Guido Carandini, perché la crisi in Europa non sfocia  in rivolta sociale?  Perché non succede nulla in paesi dove la disoccupazione giovanile ha raggiunto il 40% in Italia, il 50% in Spagna e oltre il 60% in Grecia?
Pare perché “le classi dirigenti dell' Unione europea, le quali si credono ancora vive perché combattono nei vari paesi membri la depressione economica, la crisi della politica e l' esilio della democrazia, non si siano  accorte di un cambiamento per colpa del quale, invece, sono (metaforicamente) morte. Si chiama "globalizzazione" e non investe solo l' Europa, perché "globali" sono diventate ovunque la politica, la società e l' economia, mentre le nazioni occidentali, da quelle piccole della Ue ai grandi Stati Uniti, tutte fingono di possedere ancora le rispettive sovranità e democrazia, che invece sono ormai in gran parte in esilio nelle gigantesche banche di affari di Wall Street che con i loro "rating" possono preoccupare Barack Obama più della Cina. E quindi lo "straordinario cambiamento geopolitico, tecnologico e demografico del mondo" di cui parla il Governatore Visco, è proprio la globalizzazione, alla quale non riesce a rispondere non solo l' Italia, ma l' Europa intera. Ed è a causa sua che sono, sempre metaforicamente, "morti" sia gli apparati politici "nazionali", sia le ricette di stabilità monetaria "nazionali" e sia la lotta per le democrazie "nazionali". Perché non ci si era accorti che nel frattempo il potere globale stava inghiottendo le Nazioni appropriandosi dei loro passati poteri. Ecco forse perché non scoppia la rivolta. Perché invece potrebbero essersene accorti i popoli, la gente, i giovani che non hanno futuro, avendo capito che contro il potere globale le rivolte sociali sono ormai impotenti, a meno che anch' esse non diventino almeno sovranazionali. I primissimi tentativi di "occupazione" ci sono stati, ma le nostre "morte" classi dirigenti se ne sono disinteressate, perché certo non se n' erano accorte.”
(R.i.p./Rap)

Finalmente utilizzati i fondi strutturali europei che non riuscivamo a spendere: viaggi ed escort con i soldi della formazione .
Bufera su manager e politici in Sicilia, 17 arresti.
I maxifinanziamenti pubblici che dovevano creare occupazione finivano in generose mazzette elargite dal re della pubblicità in Sicilia, Faustino Giacchetto, diventato il gran corruttore della politica. Due suoi ex factotum parlano e svelano il sistema delle tangenti. Indagato per corruzione il senatore Pdl Francesco Scoma. Sequestrati beni per 28 milioni di euro. Quindici milioni di euro aveva stanziato la Regione Siciliana per avviare all'apprendistato 1.500 disoccupati, ma solo 18 giovani hanno avuto un contratto  (le escort)..

Maturità; le tracce dei temi
Magris e l'infinito viaggiare sulla tratta Roma-Viterbo, per l'analisi del testo;
Individuo e società di merda per il tema letterario;
Stato, mercato e democrazia con testi di Moccia, Briatore, Dolce&Gabbana per il tema socioeconomico;
Omicidi politici per l'articolo breve (per fare prima potete usare gli omissis);
La ricerca sul cervello, questo sconosciuto che vi trovate sotto ai capelli, per il tema tecnico;
Il mio compagno di banco, per il tema generale.

E per finire spigolature , perle e qualche scoop:

Il ministro Kyenge: ''Gli insulti? Una violenza oltre la mia immaginazione''.  Italiani brava gente?
Miccoli intercettato: Quel fango di Falcone!  (ma  intendeva un giocatore del Catania, quell’altro neanche lo conosce)
Il ministro Idem:  ho omesso di pagare  alcune tasse perché  stavo sempre in canoa  ad allenarmi e vincere tante medaglie per l’Italia .  (spiegare il senso logico please)
Belen, di ritorno dalla Sardegna col bebè Santiago, incontra la sua nuova assistente, Antonia Achille, ex di Fabrizio Corona.
Belen Rodriguez, mamma in gran forma, a spasso per Milano con la mamma e il loro mega-Suv .

E la zattera va!

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

L’amaro frutto della Brexit

Nel mondo della finanza e delle grandi istituzioni bancarie cresce il turbinio di accuse incrociate contro chi sarebbe il primo responsabile di un’eventuale nuova crisi globale. Se fossero solo commenti...

Mario Lettieri  e Paolo Raimondi   - avatar Mario Lettieri e Paolo Raimondi

Il quarto livello delle mafie

Dopo il  fallito attentato dell’ Addaura del 21 giugno 1989, Giovanni Falcone affermò testualmente: "Ci troviamo di fronte a menti raffinatissime che tentano di orientare certe azioni della mafia. Esistono...

Vincenzo Musacchio - avatar Vincenzo Musacchio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208