Menu
“Innocente”: la Weltanschauung di Gerard Depardieu

“Innocente”: la Weltanschauung di Gerard Depardieu

ROMA – A Roma per la presentazione di “Innocente” il...

Teatro Quirino. Standing ovation per “Il trip di Don Chisciotte”

Teatro Quirino. Standing ovation per “Il trip di Don Chisciotte”

ROMA – Il teatro Quirino ha ospitato uno spettacolo nuovo...

Comsumi in calo, dopo la contrazione di 72,2 miliardi dal 2012 al 2015

Comsumi in calo, dopo la contrazione di 72,2 miliardi dal 2012 al 2015

ROMA - l'Istat diffonde oggi nuovi drammatici dati sull'andamento delle...

Usa, Charlotte: violente proteste dopo pubblicazione video

Usa, Charlotte: violente proteste dopo pubblicazione video

CHARLOTTE - Le proteste a Charlotte, nel North Carolina, non...

Usa. Catturato l’autore della strage di Seattle: è turco

Usa. Catturato l’autore della strage di Seattle: è turco

SEATTLE - Al termine di una caccia all'uomo durata 24...

Banche: multe miliardarie ma mancano le regole

Banche: multe miliardarie ma mancano le regole

La recente richiesta del Dipartimento di Giustizia americano alla Deutsche...

Filiera delle costruzioni, crisi da record

Filiera delle costruzioni, crisi da record

In 5 anni attività immobiliari hanno subito un credit crunch...

Usa. Afroamericano ucciso a Charlotte. Ecco il video shock

Usa. Afroamericano ucciso a Charlotte. Ecco il video shock

CHARLOTTE -  Scoppia la rabbia nella quarta notte di proteste...

Prev Next

AMBIENTE & LAVORO

L'Ilva è un caso nazionale, difendiamo lavoro e ambiente

ROMA - La vicenda giudiziaria dell’ILVA di Taranto si allarga. Tra gli indagati oltre alla famiglia Riva e al suo management, ci sono altre 53 persone. Tra questi c’è il presidente, i consiglieri e un’assessore della regione Puglia, il direttore dell’Arpa, il sindaco di Taranto, un deputato, alcuni consiglieri del ministero, un sacerdote, un carabiniere ed altri.

Leggi tutto...

Ilva di Taranto. Una sfida per il Paese

ROMA - Le industrie non si chiudono, ma si trasformano rendendole amiche dell'ambiente, delle città e dei lavoratori. Sta in queste poche parole la sfida dell'ILVA di Taranto.  Si potrà  non essere d'accordo, ma non esistono  alternative. O meglio, l'alternativa è la chiusura  delle attività produttive con le conseguenze disastrose che ne conseguirebbero in termini sociali, ma anche ambientali e sanitari.

Leggi tutto...

Case popolari eco compatibili, tre proposte per una nuova politica abitativa

ROMA - Tra le tante emergenze della società italiana, sembra che non vi sia spazio per quella dell’offerta abitativa pubblica. Le statistiche ci dicono che un’alta percentuale d’italiani (famiglie o single) possiede almeno una casa di proprietà e che un numero notevole di essi possiede anche la seconda casa. Al rilevante patrimonio privato si deve aggiungere un patrimonio pubblico che, pur essendosi assottigliato negli anni, si aggira intorno ad 800 mila unità abitative. e un notevole patrimonio di unità abitative private invendute, abbandonate, degradate, o ubicati in luoghi dove la domanda è quasi inesistente.  

Leggi tutto...

Il conflitto ambientale, un nodo da sciogliere

ROMA -     L'aria che respiro in che misura è sana? L'acqua che bevo è veramente priva di sostanze nocive? Il cibo che mangio è stato adeguatamente controllato? La scuola dove studiano i miei figli è priva di amianto? La casa dove vivo è stata realizzata rispettando le norme antisismiche? Il quartiere dove risiedo è sicuro da un punto di vista idrogeologico?  

Leggi tutto...

Lavoro e ambiente. Ilva di Taranto: l'obiettivo è comune

ROMA - Ilva di Taranto, centrale E.On di Fiume Santo, due casi caldi in cui le ragioni del lavoro si misurano con le ragioni dell'ambiente. A Taranto il referendum consultivo sulla chiusura del centro siderurgico, ha coinvolto circa 31 mila cittadini, molto al disotto del 50% necessario per la sua validità. A Porto Torres i lavoratori mobilitati per ottenere il rispetto dell'impegno della E.On di realizzare il Gruppo 5 della centrale  alimentato a carbone.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208