Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 62
Menu
Amnesty accusa l’Ungheria. Violenze ai richiedenti asilo

Amnesty accusa l’Ungheria. Violenze ai richiedenti asilo

ROMA - In un nuovo rapporto diffuso oggi Amnesty International...

Colombia. Governo e Farc firmano la pace. Svolta storica

Colombia. Governo e Farc firmano la pace. Svolta storica

BOGOTA’ - Dopo mezzo secolo di conflitto armato e migliaia...

Usa 2016, prima sfida  tra Clinton e Trump

Usa 2016, prima sfida tra Clinton e Trump

Hillary in vantaggio sui sondaggi 

“Innocente”: la Weltanschauung di Gerard Depardieu

“Innocente”: la Weltanschauung di Gerard Depardieu

ROMA – A Roma per la presentazione di “Innocente” il...

Teatro Quirino. Standing ovation per “Il trip di Don Chisciotte”

Teatro Quirino. Standing ovation per “Il trip di Don Chisciotte”

ROMA – Il teatro Quirino ha ospitato uno spettacolo nuovo...

Comsumi in calo, dopo la contrazione di 72,2 miliardi dal 2012 al 2015

Comsumi in calo, dopo la contrazione di 72,2 miliardi dal 2012 al 2015

ROMA - l'Istat diffonde oggi nuovi drammatici dati sull'andamento delle...

Usa, Charlotte: violente proteste dopo pubblicazione video

Usa, Charlotte: violente proteste dopo pubblicazione video

CHARLOTTE - Le proteste a Charlotte, nel North Carolina, non...

Usa. Catturato l’autore della strage di Seattle: è turco

Usa. Catturato l’autore della strage di Seattle: è turco

SEATTLE - Al termine di una caccia all'uomo durata 24...

Banche: multe miliardarie ma mancano le regole

Banche: multe miliardarie ma mancano le regole

La recente richiesta del Dipartimento di Giustizia americano alla Deutsche...

Prev Next

Caro Monti le scrivo. "Per lei una legilatura affascinante, per me un inferno". LA LETTERA

Caro Monti le scrivo. "Per lei una legilatura affascinante, per me un inferno". LA LETTERA

La lettera di questo lettore dimostra quanto sia ancora distante il rapporto tra cittadini e politica, tra italiani e istituzioni, tra intenzioni e reali bisogni del Paese.

LA LETTERA

Ieri Mario Monti ha consegnato le sue dimissioni in mano del Capo dello Stato. Si è perfino lasciato coinvolgere con una battuta sui Maya, facendo intendere che tutto è cambiato positivamente sotto la sua guida. I numeri e le percentuali sono migliorati, l'Europa ci apprezza e così via. Dirle grazie sarebbe poco professor Monti, perchè l'unica pecca è che ha dimenticato la cosa più importante, cioè cosa sta succedendo tra la gente comune, quella che rappresenta la maggioranza in questo Paese.
La mia non vuole essere una lettera di sfogo, ma vorrei farle presente che la mia condizione è un po' più diversa della sua breve legislatura durata appena 13 mesi, che lei definisce affascinante, tanto da rendere più affidabile e attraente l'Italia.
Per me caro Presidente quei 13 mesi, e non solo quelli,  sono e continuano ad  essere un vero inferno. Io sono finito in Cassa integrazione e mia moglie ha perso il lavoro. Le garantisco che con tre figli a carico, il mutuo, le bollette, la benzina, l'Imu, la spesa e le notti insonne chiedendosi il perchè, non è affatto facile tirare avanti. Ma lei questo lo dovrebbe sapere perchè è un economista importante, quindi un uomo dalle larghe vedute. Vero?
Dovrebbe venire con me a chiedere un posto di lavoro alla veneranda età di 48 e sentirsi rispondere sei troppo vecchio, non ci servi, hai fatto già il tuo tempo.
Lavoro, tra l'altro, che mi avrebbero dato rigorosamente in nero perchè altrimenti perdi quei miseri 700 euro che la collettività è costretta a pagare. Oppure dovrebbe presentarsi con me a suonare alle porte dagli amici e dai parenti con lo sguardo basso dalla vergogna,  chiedendo se hanno dei soldi da prestarti per fare un minimo di spesa alimentare, spiegando loro che sei finito in un tunnel nero dove non vedi più luce.
Una situazione che ti fa perdere non solo la dignità, ma ti fa sentire morto dentro e fuori. Avevo addirittura pensato di fare come altri hanno fatto, versarmi una tanica di benzina e darmi fuoco.  Ci ho pensato a lungo nei peggiori momenti di disperazione. E se  questo avesse potuto aiutare la mia famiglia e le altre persone che versano nella mia stessa condizione, lo avrei fatto. Me neppure i suicidi della crisi, come gli hanno chiamati, sono serviti a migliorare qualcosa. Inorridisco di fronte al fatto che lei voglia tornare in politica, scendere in campo nuovamente. La sua equità, quella che aveva tanto promesso,  è pari alla cecità che lei ha avuto in questi mesi. Non si è neppure accorto che la gente che prima campava dignitosamente è piombata sul lastrico. Eppure ogni giorno qualche ente sfornava dati a testimoniare la condizione italiana. Certo la colpa non è mica sua. Come poteva lei saperlo? Nella Legge di stabilità si parla ancora di finanziamenti alla Torino Lione. Nuove macchine da guerra milionarie  sono pronte a fare il loro ingresso e quella famosa patrimoniale di cui tanto si parlava  non l'ho mai sentita nominare nè da lei e neppure dai i suoi fidati ministri.
Peccato avete perso anche voi un'occasione. I Maya per quelli come me non sono ancora arrivati.

Un cittadino di questa Italia

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208