Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 62
Menu
Journées du Livre Européen . A Parigi arriva “Sette storie per fare la cacca”

Journées du Livre Européen . A Parigi arriva “Sette storie per fare la cacca”

PARIS –Dans le cadre des Journées du Livre Européen et Méditerranéen. 

Teatro Marconi. “Per sempre malgrado tutto”. Recensione

Teatro Marconi. “Per sempre malgrado tutto”. Recensione

Un atto unico di settanta minuti che volano via veloci.Ognuno...

Corea del Nord: una scia di velenI

Corea del Nord: una scia di velenI

PYONGYANG - Arma favorita degli intrighi di corte del passato,...

Sciopero Alitalia. In otto anni il terzo fallimento. VIDEO

Sciopero Alitalia. In otto anni il terzo fallimento. VIDEO

L’Alitalia punta a ridurre nuovamente i costi e tagliare il...

Scissione PD: Emiliano, è anche rottura nei rapporti umani

Scissione PD: Emiliano, è anche rottura nei rapporti umani

ROMA - Si va via " normalmente per una somma...

Usa: Trump contro i transgender

Usa: Trump contro i transgender

Revocate le linee guida che consentono  di utilizzare i bagni...

Teatro Palladium. “Il pellicano”,  un mondo in frantumi. Recensione

Teatro Palladium. “Il pellicano”, un mondo in frantumi. Recensione

C’è qualcosa di sorprendentemente contemporaneo nella dimensione drammatica de Il...

Il Mondo volta le spalle ai diritti umani

Il Mondo volta le spalle ai diritti umani

ROMA - Nel 2017 le crisi in corso peggioreranno a...

Trump: nuove linee guida contro l'immigrazione clandestina

Trump: nuove linee guida contro l'immigrazione clandestina

NEW YORK - Il dipartimento della Sicurezza interna Usa ha...

Scissione Pd. Oggi la resa dei conti

Scissione Pd. Oggi la resa dei conti

ROMA - Dopo il confronto di domenica in assemblea, il...

Prev Next

Caro Presidente, sono una mamma-lavoratrice fuggita dall'Italia. LA LETTERA

Ilaria Ravarino con Giorgio Napolitiano Ilaria Ravarino con Giorgio Napolitiano

ROMA - Volevamo scrivere un'introduzione prima di farvi leggere questa lettera, ma non ci siamo riusciti. le parole di Ilaria parlano da sole e lasciano l'amaro in bocca di qualcosa andato perduto: la speranza.

 

Caro Presidente,
mi chiamo Ilaria Ravarino, sono una giornalista freelance di 36 anni ed esattamente un anno fa ero davanti a lei, al Quirinale, per raccontarle la difficoltà di pensare al futuro in un paese in cui per le donne è necessario scegliere: o lavoratrice, o madre.
Da allora è passato un anno, sono caduti due governi, si è dimesso un Papa. E io sono ancora precaria. Continuo ad amare i miei lavori, tutti e sette, e il mio stipendio è rimasto quello di un anno fa: meno di 1000 euro al mese. Come allora non ho contratti, ferie, permessi per malattia, congedi di maternità. Però c'è una novità: ho avuto un bambino.
E me ne sono andata dall'Italia.
Vivo a Berlino con il mio compagno, anche lui precario, e ci stringiamo in tre in quaranta metri quadri. Quello che guadagniamo ci basta per vivere e quando prenderemo la residenza in Germania lo stato ci aiuterà con un piccolo contributo per nostro figlio: 184 euro al mese, che su uno stipendio di 1000 fanno la differenza.
La vita qui costa di meno. Crescere un figlio costa di meno. Il latte artificiale costa meno della metà che nel nostro paese, i pannolini la metà: in Italia l'Antitrust ha avviato un'indagine sui prezzi, ma tutto è fermo da più di un anno. Posso spostarmi in città con il bambino, portare il passeggino sui mezzi pubblici, lavorare ovunque ci sia una rete e farlo con lui, perchè i locali sono attrezzati e i bambini benvenuti. Amici e parenti sono lontani, ma ho asili nido pubblici e privati, parchi giochi nel quartiere. Orizzonti. Prospettive.
Un compagno, un figlio, i miei sette lavori.
Era questo il futuro che mi auguravo, quello di cui le parlavo un anno fa.
Speravo di viverlo in Italia.
L'ho trovato in Europa.

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208