Menu
Doit Festival. “Assolutamente deliziose”…  ed è vero

Doit Festival. “Assolutamente deliziose”… ed è vero

La storia squinternata di due cugine si trasforma in vicenda...

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

ROMA - Considerata una delle migliori commedie di Brecht, scritta...

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Riflessioni sul nuovo libro di Enrico Letta e sul futuro...

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

“La notte della Tosca” è una tragicommedia intelligente sulla precarietà...

Articolo Uno fra memoria e futuro

Articolo Uno fra memoria e futuro

Un Tempio di Adriano listato virtualmente a lutto, uno Speranza...

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

I trasferimenti multimiliardari di armi all’Arabia Saudita da parte di...

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

Giuseppe Tornatore, Paolo Sorrentino, Nicola Piovani, Ennio Morricone, Roberto Benigni...

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

ROMA - Il 25 marzo 2017 ricorre il 60° anniversario...

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

LONDRA  - Solo nella mattina e' tornata una relativa calma...

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del  magico Moscow State Ballet

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del magico Moscow State Ballet

ROMA - È una di quelle arti che conservano un...

Prev Next

Record del debito studentesco negli Usa

Record  del debito studentesco negli Usa

Link: Non riconoscere il diritto allo studio è una scelta perciolosa

Notizia di oggi è il nuovo record raggiunto dall’ammontare dei debiti studenteschi negli stati uniti, che arriva a 1320 miliardi di dollari. 

ROMA - “I debiti contratti dagli studenti per pagare le costose università americane sono un vero fardello sulle loro vite quando essi si accingono ad entrare nel mondo del lavoro - afferma Alberto Campailla, portavoce di LINK - Coordinamento Universitario. Secondo le stime uno studente si trova in media con un debito di 35000 euro appena chiude i suoi studi. Ma non tutti i neolaureati hanno la possibilità di trovare lavoro usciti dall’università e quindi le percentuali di mancato rientro di tali somme sono elevate: ciò porta ad una costante crescita del debito studentesco con un tasso di ben 100 miliardi l’anno.”

“Le condizioni degli studenti americani - continua Campailla - sono molto difficili anche durante il percorso di studi: è stato evidenziato da numerosi articoli come essi rinuncino a tutto, persino a nutrirsi adeguatamente, pur di rimanere entro i limiti di spesa di cui dispongono. A ciò si aggiunge che anche le università pubbliche stanno alzando i loro costi, in ragione dei tagli subiti dalla spesa per istruzione nei diversi stati americani colpiti dalla crisi. L’evidenza data da queste notizie dovrebbe far riflettere profondamente sui modelli di sistema universitario che alle volte vengono proposti anche in Italia”

“Da un lato è possibile costruire un paragone tra l’aumento dei costi nelle università pubbliche americane e in quelle italiane, che hanno subito al pari delle statunitensi un forte taglio agli investimenti pubblici, dall’altro si evince come il sistema dei prestiti entri in aperta contraddizione con quello che è il diritto allo studio e come costituisca una pesante ipoteca sulle vite future degli studenti - aggiunge Campailla. Per questo rigettiamo le affermazioni di coloro che propongono il ‘prestito d’onore’ come possibilità per i meno abbienti di accedere agli studi. Non cediamo a questo inganno e non accettiamo che, mentre il diritto allo studio non viene adeguatamente finanziato, agli studenti sia richiesto di indebitarsi per studiare”

“Chiediamo invece - conclude Campailla - che sia fatta in Italia una politica seria per recuperare il calo delle immatricolazioni di questi anni. Gli Stati Uniti ci dimostrano come sia compito della società tutta prendersi in carico i costi dello studio degli studenti universitari, pena pagarne un prezzo molto alto in termini di ricadute sociali ed economiche” 

Ultima modifica ilMercoledì, 27 Aprile 2016 16:30
Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208