Menu
Sala Umberto. “Parole parole parole”, deliziosa commedia sull’interiorità

Sala Umberto. “Parole parole parole”, deliziosa commedia sull’interiorità

ROMA - Laura (la brava Carlotta Proietti) e Valerio (altrettanto...

Darfur. Stupri e uccisioni di massa commessi da militari

Darfur. Stupri e uccisioni di massa commessi da militari

KARTHOUM - Oltre 200 persone, tra cui decine di bambini, sono...

Siria: Mosca, terroristi preparano provocazioni con armi chimiche

Siria: Mosca, terroristi preparano provocazioni con armi chimiche

MOSC - "I terroristi stanno preparando attacchi provocatori con armi...

Opec. Taglio produzione greggio. Prezzo al barile invariato

Opec. Taglio produzione greggio. Prezzo al barile invariato

ROMA - Petrolio stabilmente sopra quota 48,50 dollari al barile,...

Perchè boh. Guida comica allo sfruttamento della Costituzione

Perchè boh. Guida comica allo sfruttamento della Costituzione

Di Enrico Bertolini e Luca Bottura. Al Teatro Brancaccio di...

Siria. Aleppo, un genocidio. A rischio rottura con la Russia

Siria. Aleppo, un genocidio. A rischio rottura con la Russia

DAMASCO - Oltre 600mila cittadini siriani rischiano un vero e...

Israele. E’ morto Shimon Peres, un uomo di pace

Israele. E’ morto Shimon Peres, un uomo di pace

TEL AVIV - L'ex presidente israeliano e premio nobel per...

“Cafè Society”:  la stampa applaude un esilarante Woody

“Cafè Society”: la stampa applaude un esilarante Woody

Che la stampa applauda un’anteprima è un evento raro, ma...

Autogol di Renzi: vuole far ripartire il Ponte sullo Stretto

Autogol di Renzi: vuole far ripartire il Ponte sullo Stretto

Codacons: Scherzo di Carnevale in largo anticipo

Amnesty accusa l’Ungheria. Violenze ai richiedenti asilo

Amnesty accusa l’Ungheria. Violenze ai richiedenti asilo

ROMA - In un nuovo rapporto diffuso oggi Amnesty International...

Prev Next

Record del debito studentesco negli Usa

Record  del debito studentesco negli Usa

Link: Non riconoscere il diritto allo studio è una scelta perciolosa

Notizia di oggi è il nuovo record raggiunto dall’ammontare dei debiti studenteschi negli stati uniti, che arriva a 1320 miliardi di dollari. 

ROMA - “I debiti contratti dagli studenti per pagare le costose università americane sono un vero fardello sulle loro vite quando essi si accingono ad entrare nel mondo del lavoro - afferma Alberto Campailla, portavoce di LINK - Coordinamento Universitario. Secondo le stime uno studente si trova in media con un debito di 35000 euro appena chiude i suoi studi. Ma non tutti i neolaureati hanno la possibilità di trovare lavoro usciti dall’università e quindi le percentuali di mancato rientro di tali somme sono elevate: ciò porta ad una costante crescita del debito studentesco con un tasso di ben 100 miliardi l’anno.”

“Le condizioni degli studenti americani - continua Campailla - sono molto difficili anche durante il percorso di studi: è stato evidenziato da numerosi articoli come essi rinuncino a tutto, persino a nutrirsi adeguatamente, pur di rimanere entro i limiti di spesa di cui dispongono. A ciò si aggiunge che anche le università pubbliche stanno alzando i loro costi, in ragione dei tagli subiti dalla spesa per istruzione nei diversi stati americani colpiti dalla crisi. L’evidenza data da queste notizie dovrebbe far riflettere profondamente sui modelli di sistema universitario che alle volte vengono proposti anche in Italia”

“Da un lato è possibile costruire un paragone tra l’aumento dei costi nelle università pubbliche americane e in quelle italiane, che hanno subito al pari delle statunitensi un forte taglio agli investimenti pubblici, dall’altro si evince come il sistema dei prestiti entri in aperta contraddizione con quello che è il diritto allo studio e come costituisca una pesante ipoteca sulle vite future degli studenti - aggiunge Campailla. Per questo rigettiamo le affermazioni di coloro che propongono il ‘prestito d’onore’ come possibilità per i meno abbienti di accedere agli studi. Non cediamo a questo inganno e non accettiamo che, mentre il diritto allo studio non viene adeguatamente finanziato, agli studenti sia richiesto di indebitarsi per studiare”

“Chiediamo invece - conclude Campailla - che sia fatta in Italia una politica seria per recuperare il calo delle immatricolazioni di questi anni. Gli Stati Uniti ci dimostrano come sia compito della società tutta prendersi in carico i costi dello studio degli studenti universitari, pena pagarne un prezzo molto alto in termini di ricadute sociali ed economiche” 

Ultima modifica ilMercoledì, 27 Aprile 2016 16:30
Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208