Mercoledì, 18 Gennaio 2017 12:24

Buona scuola: studenti inascoltati

Scritto da

Resi pubblici i testi delle deleghe della Buona Scuola.

Ancora assente una legge nazionale sul diritto allo studio: gli studenti non sono stati ascoltati. Unico elemento positivo l’introduzione della media del 6 per l’ammissione all’esame di stato, proibitive però le norme che introducono le INVALSI come criterio di ammissione all’esame e accesso all’università. Apprendistato dal secondo anno delle scuole secondarie superiori, nuova forma di sfruttamento.

Studenti non soddisfatti, prime azioni di protesta nelle scuole.

“Nonostante il voto del 4 dicembre abbia espresso una domanda democratica, le nostre richieste rimangono inascoltate.” Dichiara Martina Carpani, coordinatrice nazionale della Rete della Conoscenza. “Il governo Gentiloni sta agendo in piena continuità con il governo Renzi, la direzione intrapresa non rispecchia affatto quello che gli studenti chiedono da anni.” “Ancora una volta assente la legge nazionale per il diritto allo studio. Le norme introdotte nella delega non agevolano l’inclusione reale degli studenti.” Dichiara Francesca Picci, coordinatrice nazionale dell’Unione degli studenti, che continua “I cambiamenti sull’esame di stato sono fumo negli occhi, l’unico elemento positivo è la media del 6 per l’ammissione alla prova di maturità. Riteniamo tuttavia assurdo il criterio dell’alternanza scuola- lavoro e dell’INVALSI. Inoltre è anticipato l’apprendistato per gli studenti di 15 anni al secondo anno delle scuole secondarie superiori, più sfruttamento e meno formazione. Pretendiamo il ritiro della Buona Scuola, vogliamo essere ascoltati subito.”

“Sono ormai migliaia i neolaureati che aspettano di accedere all’insegnamento, la delega sull’accesso all’insegnamento non è però finanziata, ecco perché il governo prevede l’entrata in vigore del nuovo sistema del concorso-corso solo nel 2020” dichiara Andrea Torti coordinatore nazionale di Link - Coordinamento Universitario, che aggiunge: “La scelta di attivare il concorso corso nel 2020 è da irresponsabili. E’ necessario avviare il nuovo sistema già dal 2017, oppure, in via transitoria, attivare nel 2017 un ciclo di TFA, attribuendogli valore concorsuale e garantendo a tutti i tieffini l’accesso ai benefici del diritto allo studio”.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Paul Gascoigne: il lento declino di un predestinato

Paul Gascoigne compie cinquant'anni e Dio solo sa se arriverà a sessanta. Un campione ma, al contempo, un uomo fragile e afflitto da un alcolismo ormai divenuto cronico che lo...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Ricalcolo a contributivo delle pensioni in essere dei deputati. C’è chi ha dubbi…

E’ in discussione in questi giorni la proposta di ricalcolare col sistema contributivo i trattamenti previdenziali dei parlamentari. Questa discussione porta a compimento una battaglia portata avanti da diversi anni...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208