Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 62
Menu
Doit Festival. “Assolutamente deliziose”…  ed è vero

Doit Festival. “Assolutamente deliziose”… ed è vero

La storia squinternata di due cugine si trasforma in vicenda...

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

ROMA - Considerata una delle migliori commedie di Brecht, scritta...

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Riflessioni sul nuovo libro di Enrico Letta e sul futuro...

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

“La notte della Tosca” è una tragicommedia intelligente sulla precarietà...

Articolo Uno fra memoria e futuro

Articolo Uno fra memoria e futuro

Un Tempio di Adriano listato virtualmente a lutto, uno Speranza...

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

I trasferimenti multimiliardari di armi all’Arabia Saudita da parte di...

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

Giuseppe Tornatore, Paolo Sorrentino, Nicola Piovani, Ennio Morricone, Roberto Benigni...

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

ROMA - Il 25 marzo 2017 ricorre il 60° anniversario...

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

LONDRA  - Solo nella mattina e' tornata una relativa calma...

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del  magico Moscow State Ballet

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del magico Moscow State Ballet

ROMA - È una di quelle arti che conservano un...

Prev Next

Link lancia la campagna “Siamo in rosso!” per ridurre le tasse in atenei, accademie e conservatori

Link lancia la campagna “Siamo in rosso!” per ridurre le tasse in atenei, accademie e conservatori

Dopo anni di battaglie e 57.000 firme raccolte a supporto della legge di iniziativa popolare All-In per il Diritto allo Studio, lo scorso dicembre il parlamento ha approvato l’introduzione della no tax area in tutte le università, accademie e conservatori d’Italia.


“Oggi siamo nelle università di Torino, Milano, Trieste, Ferrara, Bologna, Pisa, Catania, Napoli, Bari, Lecce, con le nostre tasche vuote ed i visi rossi, come sono i nostri conti in banca. Per troppi anni l’università pubblica si è mantenuta solo grazie alle nostre tasse, ora siamo in ROSSO! Vogliamo l’applicazione immediata della NO TAX area, ma non solo: tasse più basse e più eque per tutti e tutte!” dichiara Andrea Torti - Coordinatore Nazionale di Link Coordinamento Universitario, che continua:

“Le misure introdotte dal ministero prevedono l’esenzione dalle tasse per chi ha un ISEE inferiore a 13.000 ma sui redditi fino a 30.000 il tetto previsto è molto elevato e sopra tale soglia le tasse non hanno alcun limite, così non si può continuare!”

“Daremo battaglia in tutte le università, affinché la nuova normativa migliori i sistemi di tassazione, senza alzare le tasse alle fasce di reddito più deboli, ne alzarle per i fuori corso. Sono ancora troppi, infatti, gli studenti e le studentesse in difficoltà a pagarsi l’università, o perché esclusi dall’accesso alle borse di studio (previste al massimo fino a 23.000 di ISEE) o perché ingiustamente puniti in qualità di fuori corso; questi ultimi hanno già pagato le tasse per gli anni di corso e ora utilizzano meno i servizi dell’Ateneo: far pagare tasse maggiorate è sbagliato e punitivo.”

“L’introduzione della no tax area negli atenei può essere una risposta al crollo di iscritti solo se all’interno di una più radicale inversione di rotta nelle politiche universitarie. Solo se si riaprono i corsi di laurea, si abolisce il numero programmato, ormai previsto in più della metà dei corsi, rifinanziando l’università e tornando ad assumere docenti universitari, sarà possibile aumentare gli iscritti. Per rendere l’università davvero accessibile a tutti è necessario che diventi gratuita, come avviene in tanti paesi europei, e che sia approvata All In, la legge di iniziativa popolare per il diritto allo studio universitario che prevede la copertura totale delle borse di studio per chi ha isee inferiore a 23.000, l’accesso alla borsa servizi per chi ha un isee poco superiore e l’introduzione del reddito di formazione.”

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208