Venerdì, 27 Maggio 2011 14:52

Europride Roma 2011. Un appello ai futuri sindaci

Scritto da

Europride Roma 2011 fa appello a coloro che usciranno vincenti dalle urne perché diano il via ad una primavera di diritti, libertà e laicità


ROMA - Dal Parlamento e dal Senato, negli ultimi 30 anni, i cittadini e le cittadine omosessuali e trans hanno ottenuto  solo qualche promessa e nessuna risposta. Il 31 maggio si discuterà una proposta di legge contro l’omofobia e la transfobia che in ogni paese europeo sarebbe considerata quantomeno timida. L’esito della votazione sembra segnato, a meno di sorprese, a causa della presentazione di pregiudiziali di incostituzionalità, esattamente come già accaduto nei mesi scorsi a una legge contro l’omofobia.
Eppure la ricerca di strumenti di tutela contro le discriminazioni, insieme a soluzioni alle legittime rivendicazioni di piena cittadinanza e parità di gay, lesbiche e trans è richiesta dall’Europa.
Nel corso dell’ultima tornata elettorale, proprio la questione omosessuale, è stata centrale e fonte di dibattito, approfondimento e persino scontro, tutti elementi che costituiscono il sale della Democrazia.
"Stando ai risultati del voto, e  alla vigilia dei ballottaggi,  - afferma il  Comitato Europride Roma 2011 -gli italiani hanno bellamente ignorato coloro che agitavano l’omosessualità come uno spauracchio degno di repulsione e hanno preferito chi ha aperto, esprimendo tutta la sua vicinanza all’Europa, alle unioni civili e al matrimonio civile gay. Gli italiani hanno votato chi ha inserito nel programma elettorale la lotta all’omofobia, che a livello comunale e provinciale può fare la differenza, e chi, da candidato, non ha avuto remore a interloquire direttamente con la comunità lgbt fuori da quell’ambiguità dialettica che ci propinano quotidianamente deputati e senatori."


Il Comitato ha chiesto quindi ai  ai futuri sindaci, presidenti provinciali, assessori e consiglieri di tradurre le parole di vicinanza e solidarietà spese nei nostri confronti in atti concreti.
"Chiediamo un’accelerazione netta sui registri delle famiglie anagrafiche, campagne di sensibilizzazione all’omofobia e ala transfobia reali, rapporti diretti con l’associazionismo, partecipazione ad eventi della comunità lgbt e, perché no, di ricordare e promuovere l’uso del preservativo. Chiediamo poi a nuove e vecchie amministrazioni comunali di aderire formalmente ad Europride Roma 2011." E infine ribadisce il comitato: "Confidiamo che gli amministratori di comuni e province possano offrirci risposte politiche facendo da supplenti ad un Parlamento muto. Europride Roma 2011, in questo senso, sarà un atto di sfiducia a questo Parlamento e a gran parte di questa classe politica incapace di governare e di essere europea."
Nel frattempo è attesa la  conferenza stampa lunedì 30 maggio alle 11 presso Hotel Radisson Blu ES.  (Via Filippo Turati 171) a Roma, proprio in prossimità dello spoglio elettorale, per rimarcare la volontà di Europride di sostenere con le future amministrazioni un patto per il cambiamento del Paese.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077