Lunedì, 13 Agosto 2012 13:13

New York. La polizia ammazza un afroamericano. Scoppia la protesta. IL VIDEO

Scritto da

NEW YORK - Infuriano le polemiche a New York dopo la tragica sparatoria tra poliziotti e un afroamericano di 51 anni. L’uomo era stato visto dalla Polizia mentre fumava tranquillamente uno spinello al centro di Times Square, e per questo è stato fermato dagli agenti.

Poi però, la situazione è degenerata: l’uomo, identificato come Darrius Kennedy, ha estratto un coltello di circa 15 centimetri brandendolo contro le forze dell’ordine che hanno tentato invano di immobilizzarlo con l’uso di spray al pepe. Subito dopo l’uomo si è dato alla fuga e durante l’inseguimento tra la folla –il fatto è avvenuto in pieno pomeriggio e moltissime persone hanno assistito alla vicenda riprendendola coi telefonini- gli agenti hanno aperto il fuoco centrando Kennedy in pieno petto. L’uomo è morto quaranta minuti dopo nell’ospedale di Bellevue Center. Le foto e i filmati dei turisti e dei passanti, che si sono diffuse in tutto il mondo, hanno scosso l’opinione pubblica della Grande Mela. Si rinnovano quindi le polemiche sulla NYPD: per molti l’azione è ingiustificata per altri invece si tratterebbe di legittima difesa per difendere i passanti. Resta poi da capire la dinamica precisa dello scontro a fuoco: nei filmati si contano almeno dieci spari e l’uomo è stato centrato più volte in pieno petto durante la fuga, ancora non si capisce se siano stati sparati o no colpi d’avvertimento, se la linea di tiro era libera o c’era anche il rischio di ferire qualcun’altro e resta infine l’interrogativo sul perché la Polizia non ha mirato alle gambe dell’uomo per tentare di fermare la sua fuga. Ovviamente l’uomo poteva rendersi ancora più pericoloso, magari prendendo qualche passante in ostaggio e la decisione di sparare oppure no da parte della Polizia doveva essere inevitabilmente ponderata e istantanea. Inoltre, per la sfortuna della vittima nessuno degli agenti era armato con la controversa pistola elettrica taser, che anche se spesso è stata usata impropriamente dalla polizia Usa e - in qualche caso - ha causato la morte della persona colpita dalla scarica, lo avrebbe neutralizzato senza ucciderlo. Il commissario della Polizia di New York,  Raymond W. Kelly, prende però le difese dei suoi agenti: “La Polizia ha risposto in modo appropriato”. Secondo il sindaco Michael R. Bloomberg: “I poliziotti hanno agito in modo responsabile, nel tentativo di fermare qualcuno che doveva essere malato di mente. Prendere un coltello e andare contro altre persone, in particolare agenti di Polizia, non è qualcosa che una persona sana di mente farebbe” ha concluso. La vittima era già nota alla Polizia newyorkese: nel 2008 era stato arrestato per aver minacciato con un cacciavite alcuni automobilisti e poliziotti.

Correlati

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

C’è sempre un Simenon in libreria

C’è sempre un Simenon in libreria

Vai dal tuo libraio e ti senti chiedere: “Hai visto il nuovo Simenon?”  e ti mette in mano La fattoria del coupe de vague, un Simenon d’annata che Adelphi pubblica...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

“Reimagine”, breve film sull’importanza vitale della ricerca scientifica

“Reimagine”, breve film sull’importanza vitale della ricerca scientifica

L’emergenza Covid ha reso ancor più evidente di quanto non fosse sempre stato l’importanza della ricerca farmaceutica. Novartis, impegnata a scoprire nuovi farmaci è tra le prime aziende al mondo...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]