Giovedì, 13 Settembre 2012 08:24

Libia, ambasciatore ucciso. Gli Usa mandano due navi da guerra

Scritto da

E' caccia ad Al Qaida, responsabile dell'attentato. Obama Barack, avvertimento all'Egitto

ROMA - Dietro l'attacco sferrato ieri all'ambasciata americana, in cui hanno perso l'ambasciatore Chris Stevens ed altri 3 americani, c'è la mano di Al Qaida. Per questo fonti del Pentagono riferiscono che sono salpate per la Libia due navi da guerra , la  USS Laboon e la USS McFaul, armate di missili Tomahawk. Si tratterebbe di una misura preventiva, anche se l'obiettivo sarà probabilmente quello di stanare dei covi di Al Qaida, definito l'unico responsabile del violento attacco alla sede diplomatica di Bengasi. L'assalto, infatti,  - secondo Noman Benotman, ex membro del Gruppo Combattente Islamico Libico - è stato sferrato da una ventina di miliziani, che hanno agito sotto il nome delle "Brigate del prigioniero Omar Abdul Rahman",  per  vendicare la morte di Abu Yaya al Libi, secondo nella linea di comando di al Qaida ucciso alcuni mesi fa.

"Gli Stati Uniti  - ha detto il presidente Barack Obama - restano vigili. Dobbiamo assicurarci di continuare a esercitare pressione su Al Qaida e gli affiliati in altre parti del mondo, come il Nord Africa e il Medio Oriente. Questa è una cosa che sono determinato a fare". Ma non è tutto. Obama  ha lanciato un messaggio preciso anche al governo egiziano, considerando che anche l'Ambasciata al Cairo è  tuttora oggetto di contestazione da parte dei manifestanti, tant'è che la sede è presidiata dai blindati dell'esercito locale.

"Difendete la nostra ambasciata", ha detto il numero uno della Casa Bianca. "Il governo egiziano non è né alleato né amico degli Stati Uniti". Parole che vogliono mettere  in guardia contro un  vero grande problema  nel caso in cui il Cairo non sarà in grado di proteggere l'ambasciata americana nella capitale egiziana.

Ancora non è del tutto chiaro se l'organizzazione terroristica abbia approfittato della protesta scoppiata contro il film anti-islam, oppure abbia pianificato tempo prima l'attacco con la chiara intenzione di uccidere Chris Stevens. Di sicuro la confusione provocata dall'alto numero di manifestanti che hanno espresso il loro dissenso davanti all'ambasciata statunitense può aver aiutato i terroristi nella loro strategia di "morte", iniziata con una granata lanciata all'interno del compound e proseguita con una interminabile sparatoria.

Secondo alcuni media la sede americana non era protetta dai marines come solitamente accade nelle ambasciate e quindi non aveva un alto livello di sicurezza.
Nel frattempo "I Fratelli Musulmani", gruppo capitanato dal presidente Mohamed Morsi, ha annunciato per oggi altri proteste in tutto il Paese , sempre contro il film "Innocence of Muslim", ovvero L'innocenza dei musulmani, ritenuto oltraggioso per il mondo islamico.

Alessandro Ambrosin

direttore responsabile

www.dazebaonews.it

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: medias[email protected]