Lunedì, 15 Aprile 2013 21:09

Amina riesce a fuggire. E' accusata dai fondamentalisti

Scritto da

ROMA - Amina Tyler, la ragazza tunisina accusata di blasfemia per aver aderito al movimento “Femen”, adesso è in un luogo sicuro. Inseguita dagli imam per quelle foto con il seno nudo, ma soprattutto dalla famiglia, è riuscita a fuggire. Adesso è la madre che ne ha denunciato la scomparsa, dopo aver ammesso che la figlia è “sotto cura psichiatrica da sei anni”.

Vi abbiamo già rivelato dove: nell’ospedale pubblico “Razi Mannouba” che è al centro di Tunisi. Dice di averla affidata al medico che l’ha in cura. Ma è la stessa Amina a raccontare la verità. Una delle fondatrici del movimento, Inna Shevchenko, è riuscita a contattarla via skype. La ragazza, visibilmente scossa, dice di essere fuggita dopo il  rapimento e le torture subite dai familiari che le avrebbero somministrato sedativi e psicofarmaci. L’avrebbero picchiata, sottratto il cellulare, distrutto la sim card. “Mi hanno anche fatto incontrare un imam che mi ha obbligato a leggere il Corano”, dice. Nel video la ragazza accusa anche la polizia: “Mi sta cercando insieme alla mia famiglia per catturarmi di nuovo”.
Amina racconta di essere stata caricata a forza sull’auto da un cugino e uno zio, mentre si trovava con amici. L’hanno portata a casa di una zia, dove è stata picchiata e le è stato fatto il lavaggio del cervello, dice. La seconda tappa, ha riferito ancora Amina, è stato un villaggio dove è rimasta sequestrata per due settimane. “Ho anche provato a fuggire – ha raccontato -, cercando di farmi prendere da qualche automobilista di passaggio, ma nessuno mi ha riconosciuto e per questo venivo subito dopo ripresa. Dormivo tutto il giorno, mi davano forti dosi di medicinali”.
Amina ha anche detto che le dichiarazioni rese a “Canal+” , in cui criticava le Femen per aver bruciato una bandiera salafita e rivelato l’intenzione di lasciare la Tunisia , erano state estorte con la forza. Lo dimostrerà con una nuova sfida: “Non voglio lasciare la Tunisia prima di aver fatto una protesta in topless. Voglio continuare la lotta che abbiamo iniziato e poi andarmene”. Al di là della fatwa lanciata dagli integralisti, la ragazza potrebbe essere denunciata per oltraggio alla morale, un reato punibile in Tunisia con sei mesi di prigione. “Fuck your morals” ha risposto, senza paura.

Pino Scaccia

Giornalista, scrittore

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

A Lamezia Terme nasce la Fondazione Dulbecco per lo studio e la produzione di anticorpi monoclonali di pronectine 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Scuola. La supremazia del banco

Scuola. La supremazia del banco

Bando europeo pubblicato, gara avviata, in attesa di aggiudicazione. In palio migliaia di banchi monoposto per una serena ripartenza delle scuole a settembre. Il dibattito pubblico intorno alla scuola ai tempi...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]