Lunedì, 31 Marzo 2014 19:44

Giappone. L'Aja ha decretato, basta caccia alle balene nell'Antartico

Scritto da

ROMA - “Come Paese che rispetta lo stato di diritto e come membro responsabile della comunità internazionale, il Giappone si atterrà alla decisione della Corte", sono le parole del capo negoziatore, Koji Tsuruoka a seguito della decisione presa della Corte di Giustizia Internazionale dell'Aja .  

"Il Giappone deve revocare ogni licenza, permesso od autorizzazione già concessa nel quadro dei programmi di ricerca e astenersi dal concedere ogni nuova autorizzazione” quello che  l Aja ha decretato oggi  riguardo la caccia alle balene nell'Antartico, specificando anche che erano infondate le giustificazioni fornite per aggirare il divieto di caccia del 1986, che volevano dimostrare come la cattura dei cetacei avesse una finalità scientifica anche se già soltanto lo scorso anno sono stati sprecate  6000 tonnellate di carne di balena.

 Questo decreto pone fine ad un dibattito partito nel 2010 dall’Australia che accusava il Giappone per una caccia alle balene come «mera attività commerciale». Tokio prima del decreto odierno in passato aveva affermato di rispettare il volere della CGI anche se poi i giapponesi hanno sempre difeso la loro posizione con motivi inspiegabili. Ultimamente invece in Giappone sono diminuiti in consumi di carne di balena sia perché si è rivelata nociva per l alta presenza di mercurio nella sua carne dato che , come tutti i pesci ma in particolar modo quelli di grossa taglia accumula tutte le sostanze , anche nocive , che si trovano nel mare , sia  l’evolversi della dieta nazionale.

Delle 6000 tonnellate di carne rimasta nei depositi gli scienziati non sanno che farsene cosi per liberarsene i giapponesi hanno inventato una manovra di mercato tramite la quale sostituiscono in parte altre carni con quella di balena nelle mense scolastiche.

 

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]