Venerdì, 02 Maggio 2014 19:26

Frana sommerge migliaia di abitazioni in Afghanistan

Scritto da

 

ROMA - È di 350 la stima provvisoria delle vittime della terribile frana accaduta nella giornata di ieri in Afghanistan, precisamente nel villaggio di Aab Barik, che con il suo fango e detriti ha sommerso centinaia di abitazioni.

Ma l’emergenza non è ancora terminata, infatti i soccorsi sono ancora a lavoro per cercare sotto cumuli di terra i corpi delle povere vittime, con la speranza di trovare qualche sopravvissuto, anche se le probabilità sono molto remote. L’ ultima frana, quella di dimensioni più grandi, è stata preceduta di qualche ora da altre due di entità minore, che avevano procurato poche vittime e più feriti, ma la quest’ultima si è abbattuta sul villaggio proprio quando molte persone erano uscite dalle proprie abitazioni per contribuire agli scavi per la ricerca dei primi dispersi.

I soccorsi, già chiamati dopo il primo cedimento, hanno tardato ad arrivare a causa delle difficili vie di trasporto nel luogo in cui è accaduta la tragica rovina, e a questo si aggiunge anche l’inefficienza dei mezzi che i soccorritori hanno a disposizione per scavare nel fango.

Tutto ciò ha portato alla perdita di molte ore, tanto che ormai la speranza di ritrovare i propri parenti e amici in vita si è spenta del tutto, portando addirittura le autorità locali alla tragica decisione di fermare le ricerche degli scomparsi.

Lo stop ai soccorsi è stato dato poche ore fa, proprio perché anche le autorità si sono rese conto che i loro mezzi a disposizione sono scarsi e poca cosa a confronto dell’enormità dell’accaduto, ora l’immenso cumulo di fango che intrappola le migliaia di vittime diventerà una fossa comune, dove i pochi sopravvissuti al disastro naturale potranno andare a piangere i propri defunti.

Il bilancio delle vittime, al contrario di quanto è stato ipotizzato dall’ ONU questa mattina mediante un comunicato stampa, non è di centinaia ma di migliaia di persone e il numero preciso oscilla tra le 2100 e le 2500 vittime.

Ennesima giornata di lutto per una popolazione già travagliata dalla sofferenza della guerra e della povertà, alla quale oltre la sofferenza per i loro cari che non vedranno più si aggiunge il timore che ciò possa riaccadere, e che il fango questa volta si porti via proprio tutto anche le loro stesse vite.

 

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]