Venerdì, 02 Maggio 2014 19:26

Frana sommerge migliaia di abitazioni in Afghanistan

Scritto da

 

ROMA - È di 350 la stima provvisoria delle vittime della terribile frana accaduta nella giornata di ieri in Afghanistan, precisamente nel villaggio di Aab Barik, che con il suo fango e detriti ha sommerso centinaia di abitazioni.

Ma l’emergenza non è ancora terminata, infatti i soccorsi sono ancora a lavoro per cercare sotto cumuli di terra i corpi delle povere vittime, con la speranza di trovare qualche sopravvissuto, anche se le probabilità sono molto remote. L’ ultima frana, quella di dimensioni più grandi, è stata preceduta di qualche ora da altre due di entità minore, che avevano procurato poche vittime e più feriti, ma la quest’ultima si è abbattuta sul villaggio proprio quando molte persone erano uscite dalle proprie abitazioni per contribuire agli scavi per la ricerca dei primi dispersi.

I soccorsi, già chiamati dopo il primo cedimento, hanno tardato ad arrivare a causa delle difficili vie di trasporto nel luogo in cui è accaduta la tragica rovina, e a questo si aggiunge anche l’inefficienza dei mezzi che i soccorritori hanno a disposizione per scavare nel fango.

Tutto ciò ha portato alla perdita di molte ore, tanto che ormai la speranza di ritrovare i propri parenti e amici in vita si è spenta del tutto, portando addirittura le autorità locali alla tragica decisione di fermare le ricerche degli scomparsi.

Lo stop ai soccorsi è stato dato poche ore fa, proprio perché anche le autorità si sono rese conto che i loro mezzi a disposizione sono scarsi e poca cosa a confronto dell’enormità dell’accaduto, ora l’immenso cumulo di fango che intrappola le migliaia di vittime diventerà una fossa comune, dove i pochi sopravvissuti al disastro naturale potranno andare a piangere i propri defunti.

Il bilancio delle vittime, al contrario di quanto è stato ipotizzato dall’ ONU questa mattina mediante un comunicato stampa, non è di centinaia ma di migliaia di persone e il numero preciso oscilla tra le 2100 e le 2500 vittime.

Ennesima giornata di lutto per una popolazione già travagliata dalla sofferenza della guerra e della povertà, alla quale oltre la sofferenza per i loro cari che non vedranno più si aggiunge il timore che ciò possa riaccadere, e che il fango questa volta si porti via proprio tutto anche le loro stesse vite.

 

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]