Giovedì, 28 Aprile 2011 16:37

Tornado italiani sui cieli libici. Le bombe intelligenti colpiscono gli insorti

Scritto da

ROMA - I tornado italiani entrano in azione dopo il sì del governo di ieri. Nonostante le polemiche all'interno della maggioranza i velivoli sono decollati dalla base militare di Trapani con il loro carico di morte, pronto per essere scaricato  sul territorio libico. 

I caccia,-  come hanno precisato fonti del governo - sono dotati di un armamento di precisione per colpire esclusivamente bersagli selezionatissimi, ovvero gli obiettivi militari del colonnello Muammar Gheddafi. Staremo a vedere, visto che non abbiamo l'esatta idea di quello che sta realmente accadendo nel paese nordafricano.  Almeno fino a quando non verrà imposto il cessate il fuoco e sarà permesso ai cronisti dei media "liberi e indipendenti" di entrare in Libia per mostrare con maggiore oggettività le conseguenze di questo conflitto.


Per ora le poche informazioni ci giungono dai pochi giornalisti asserragliati nei loro alberghi a Tripoli, ai quali è stato imposto il divieto assoluto di uscire per strada se non accompagnati dai fedeli del rais. Alcuni di loro, avendo udito forti esplosioni nella capitale libica, deducono che i raid della Nato si siano intensificati, ma sui bersagli colpiti si può solo tirare a indovinare.
I tornado italiani sarebbero impegnati anche sui cieli  di Misurata, la città contesa da giorni tra gli insorti e le brigate di Gheddafi, nonostante quest'ultime avessero addirittura annunciato l'imminente ritirata, che con tutta probabilità non s'è mai vista. Ma ancor più drammatica è la notizia che dopo i raid aerei della Nato sono rimasti uccisi oltre una decina di ribelli. Almento questo è quanto hanno confermato un comandante delle milizie degli insorti e alcuni testimoni oculari. Se così fosse bisognerebbe iniziare a dubitare sull'efficacia chirurgica dei raid aerei, tanto decantati dall'Alleanza Atlantica e dal governo italiano che proprio ieri assicurava che i nostri Tornado sono dotati di bombe intelligenti che colpiscono solo i nemici.


Di certo a Misurata le cose non sono cambiate. Qui non si è mai smesso di combattere perchè la città è ancora sotto assedio da parte delle forze del rais, tant'è che centinaia di persone, spesso ferite, continuano a fuggire da questa località alla volta di Bengasi, diventata la roccaforte della resistenza e unico posto sicuro dove trovare riparo, adesso anche dalle bombe intelligenti amiche.

Alessandro Ambrosin

direttore responsabile

www.dazebaonews.it

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

Opinioni

La vittoria sulla paura: vincere contro il cancro si può

Sul mare di Bari  al  2° Trofeo Nazionale “LILT di Dragon Boat tenutosi  il 22 e 23 settembre vince l’equipaggio in rosa delle  Pink Butterfly dell’associazione Pagaie Rosa dragon boat...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Donna: sinonimo di genio e creatività

Non solo Rita Levi di Montalcini o Frida Kahlo, scienziate di fama o celebri artiste:ci sono donne altrettanto geniali ma meno conosciute alle quali dobbiamo comunque  grazie, a cominciare da...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077