Domenica, 11 Gennaio 2015 17:32

Strage Parigi. L'ostaggio ebreo scambiato per musulmano dal terrorista Coulibaly

Scritto da

TEL AVIV - 'Per acquisire la fiducia di Amedy Coulibaly ho conversato con lui a lungo in arabo. Mi ha chiesto di dove fossi, e gli ho detto che ero del Marocco.

Mi ha chiesto se fossi islamico e gli ho risposto che sono un 'Mussawi'. Intendevo dire che sono di religione mosaica, ma lui ha pensato che si trattasse di una setta islamica e cosi' mi ha dato fiducia': questo lo straordinario racconto di Ely Vaqnin, 70 anni, che venerdi era fra i 16 ostaggi nel negozio Hyper Cacher a Parigi.

In una intervista alla radio militare israeliana Vaqnin, che e' uscito illeso dalle cinque ore di terrore, ha detto di aver cosi' ottenuto da lui il permesso di chiudere gli occhi ai quattro morti che giacevano sul pavimento. 'Mi sono avvicinato e ho recitato in silenzio per loro la estrema preghiera ebraica, lo Shema' Israel...'     Poi ha anche recitato preghiere islamiche con Coulibaly, che ormai si fidava di lui al punto di lasciare per terra i due Kalashnikov. ''Mentre era immerso in preghiera, io mandavo messaggi Sms alle forze di sicurezza che hanno poi agito in maniera eccellente'', ha rivelato Vaqnin.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]