Domenica, 08 Marzo 2015 12:57

USA. Proteste dopo l’uccisone del ragazzo nero

Scritto da

MADISON (USA) - Diverse centinaia di persone sono scese in piazza anche ieri a Madison, nel Wisconsin, per protestare contro l''uccisione del giovane afroamericano Tony Robinson da parte della polizia il giorno prima. "Black Live Matters" (la vita dei neri conta), lo slogan scandito dagli attivisti che hanno attraversato la città, dal commissariato fino al punto in cui il ragazzo è stato ucciso.

Venerdì la polizia era stata chiamata intorno alle sei e mezzo di sera per una rissa e un problema di ordine pubblico. Il primo agente ad  arrivare, Matthew Kenny, bianco, 42 anni, da 12 in polizia, ha inseguito fino in un appartamento vicino la persona che gli era stata indicata come sospetta. Colpito al viso, il poliziotto ha aperto il fuoco. Robinson è morto poco dopo nell''ospedale in cui era stato ricoverato. Non sono state ritrovate armi, ma il capo della polizia di Madison Mike Koval ha dichiarato che è troppo presto per escluderne la presenza e definito quanto accaduto una "tempesta perfetta e  perversa". L''agente è stato messo in aspettativa.

L''uccisione del giovane nero Michael Brown a Ferguson nel Missouri lo   scorso agosto aveva scatenato proteste, anche a Madison, e aperto un   dibattito in tutto il paese, anche in seguito ad altri episodi di violenza da parte della polizia, sul comportamento delle forze dell''ordine nei confronti delle minoranze, sulla "repressione e violenza" denunciata ieri, in occasione del 50esimo anniversariod ella marcia di Selma, dallo stesso Presidente Barack Obama. Durante le proteste per gli eventi di Ferguson gli attivisti di Madison,  mobilitati per denunciare la morte di Brown, si erano già scontrati con la polizia locale accusata di "razzismo e pregiudizi strutturali".

Correlati

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Ne…

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Nervi in Vaticano

Il Covis19 si sta impossessando di tutto, in tutto il mondo. Disneyland, tempio del divertimento, chiuso da tempo per evitare assembramenti, è diventato un “centro covid”, dove al posto dei...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Le cellule cancerose sarebbero in grado di proteggersi in una sorta di letergo, quando sono minacciati dal trattamento chemioterapico. E' quanto emerso in una ricerca apparsa sulla rivista scientifica Cell. 

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]