Mercoledì, 01 Aprile 2015 15:03

Libia. Il premier fiduciato dal Parlamento non si dimette

Scritto da

TRIPOLI - Omar Hassi, il premier dell'autoproclamato governo di Tripoli, si e' rifiutato di rassegnare le dimissioni dopo essere stato sfiduciato dal locale Parlamento.

"Un primo ministro non puo' essere mandato via senza essere interpellato", ha affermato Hassi in un conferenza stampa. "Accettero' questa decisione solo se l'accetteranno anche i miei principali partner di governo, i coraggiosi rivoluzionari", ha aggiunto, facendo riferimento alla coalizione di milizie - per lo piu' islamiste - che appoggiano l'esecutivo.

Martedi' 75 membri del Congresso nazionale generale, il Parlamento tripolino, avevano votato per allontanare Hassi; al suo posto era subentrato il primo vicepremier, Khalifa al Ghawi. Omar Hemidan, portavoce del Cng, aveva affermato che la decisione rappresentava "un primo passo a favore del dialogo" con la Camera dei rappresentanti di Tobruk, la cui legittimita' e' invece riconosciuta dalla comunita' internazionale.  Il governo di Hassi era stato varato lo scorso settembre, dopo la conquista di Tripoli da parte delle milizie islamiste della coalizione Alba della

Libia. 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]