Venerdì, 19 Giugno 2015 08:53

Siria. L'appello all'Onu, fermate i raid con i barili bomba

Scritto da

NEW YORK  - Sono più di settanta i Paesi che hanno firmato una lettera per chiedere al regime siriano di metter fine agli attacchi aerei indiscriminati che hanno portato alla morte di migliaia di persone dall''inizio del conflitto nel marzo del 2011.

I firmatari hanno quindi chiesto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di agire in modo da evitare che l''aviazione di Damasco continui a compiere attacchi con barili bomba. In particolare vengono denunciati i ripetuti bombardamenti condotti dagli elicotteri siriani contro zone residenziali dentro e attorno ad Aleppo, nel nord della Siria, che nelle ultime settimane hanno causato la morte di centinaia di persone, oltre a quelle ferite. La lettera è stata inviata al Segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon e ai presidenti del Consiglio di sicurezza e dell''Assemblea generale dell''Onu. Il documento è stato redatto dagli ambasciatori del Belgio, Lussemburgo e Olanda e tra i firmatari ci sono quelli di Stati Uniti, Gran Bretagna e Russia. Non sono presenti, invece, i diplomatici di Russia e Cina.

Correlati

Cerca nel sito

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

A Lamezia Terme nasce la Fondazione Dulbecco per lo studio e la produzione di anticorpi monoclonali di pronectine 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Scuola. La supremazia del banco

Scuola. La supremazia del banco

Bando europeo pubblicato, gara avviata, in attesa di aggiudicazione. In palio migliaia di banchi monoposto per una serena ripartenza delle scuole a settembre. Il dibattito pubblico intorno alla scuola ai tempi...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]