Martedì, 01 Settembre 2015 17:41

Azerbaigian, giornalista condannata a 7 anni e mezzo di carcere

Scritto da

BAKU - Un tribunale di Baku ha condannato a sette anni e mezzo di carcere la giornalista azera Khadija Ismayilova, accusata di frode ed evasione fiscale: lo hanno reso noto i legali della donna, giornalista investigativa che in passato aveva indagato su numerosi casi di corruzione nelle alte sfere del potere del Paese.

I legali hanno annunciato di voler presentare appello contro una sentenza dettata da ""motivazioni politiche"". La 39enne Ismayilova - giornalista della radio Azadliq ed ex direttrice dell'ufficio locale della Free Europe/Radio Liberty, finanziata dagli Stati Uniti - era stata arrestata nello scorso dicembre.Nota per le sue inchieste sulla corruzione, aveva accusato il governo azero di aver raccolto "illegalmente" delle prove contro di lei "inventando i reati" che le erano stati contestati: "Accusare di evasione fiscale una persona che ha indagato sul denaro rubato dalla famiglia del Presidente e nascosto su dei conti off-shore è ridicolo"", aveva detto nella dichiarazione resa alla fine del processo, prima di essere interrotta dal giudice.Secondo le ong per la difesa dei diritti umani qualsiasi contestazione pubblica al regime del presidente Aliev, rieletto nel 2013 per un terzo mandato, provoca immediatamente una severa reazione delle autorità.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077