Sabato, 11 Giugno 2011 15:23

Siria: un conflitto senza fine

Scritto da

ROMA - In Siria è stato un altro venerdì di proteste e scontri, durante i quali cinque elicotteri hanno aperto il fuoco sulla folla riunita per manifestare.


Almeno ventotto civili sarebbero stati uccisi in varie località del Paese stando ai resoconti di testimoni oculari diffusi dal sito di monitoraggio Rassd e dalle tv panarabe al Arabiya e Al Jazeera.
Due persone sarebbero morte a Busra al-Hariri, villaggio nel sud del Paese, dove l’esercito ha sparato per disperdere una manifestazione di protesta contro il regime di Bashar Assad.
Testimoni oculari riferiscono poi che a Qabun, quartiere periferico di Damasco, un morto e un numero imprecisato di feriti sono stati causati dagli spari esplosi dalle forze di sicurezza.
Secondo la tv di Stato l’esercito ha iniziato a muoversi sulla cittadina di Jisr al-Shughour, 45 mila abitanti, nel nord ovest del Paese, a una ventina di chilometri dal confine con la Turchia.
L’annuncio ha immediatamente provocato la fuga di centinaia di persone verso il confine turco, ieri già attraversato da quasi duemila persone, secondo quanto hanno riferito alle agenzie di stampa internazionali le autorità di Ankara.
Il giro di vite più forte è stato proprio a Jisr al-Shugur. “Unità dell’esercito hanno iniziato la missione a Jisr al-Shughur e nei villaggi limitrofi dove la popolazione patisce l’intimidazione di bande armate”, ha riferito un presentatore tv, aggiungendo che il raid è stato lanciato “su richiesta dei residenti”.

L’opposizione sostiene che è in corso un’offensiva militare anche a Ariyah e che si sentono spari a Sermaniya, ad appena 8 chilometri da Jisr al-Shugur; l’organizzazione Flash ha scritto su Facebook che in quest’ultima località le forze armate siriane hanno fatto irruzione con i blindati.
La situazione è confusa: secondo fonti locali, i militari hanno “bombardato” i villaggi, nella loro avanzata verso la città: “I soldati hanno incendiato i campi di grano nel villaggio di al-Ziyara”, 15 chilometri a sud-est di Jis al-Shughur; ma la tv di Stato ha riferito che sono state le "”bande armate” a preparare la difesa appiccando il fuoco alle colture e alla vegetazione attorno a Jisr al-Shugur nel tentativo di fermare l’avanzata delle truppe.
Intanto, la Casa Bianca ha chiesto, per l’ennesima volta, la “fine immediata” delle violenze e ha condannato la “raccapricciante” repressione del governo siriano e ha dato il suo sostegno alla bozza di risoluzione delle Nazioni Unite proposta dai paesi europei contro la violenza di Amman verso i manifestanti.
“Il governo sta guidando la Siria su un strada pericolosa”, ha detto il portavoce della presidenza, Jay Carney: “È un genere di violenza che costringe gli Stati Uniti a sostenere una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’Onu che condanni le azioni del governo siriano e chieda la fine immediata della violenza e delle violazioni dei diritti fondamentali dell’uomo”.
Parole di condanna giungono anche dal segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, che ha definito «inaccettabile» l’uso della forza militare attuato dal regime siriano contro i civili e si è detto «profondamente preoccupato» per il perdurare delle violenze in Siria.

«Le autorità siriane hanno come obbligo di proteggere la loro popolazione e rispettare i suoi diritti», ha affermato il segretario generale, citato dal suo portavoce Martin Nesirky.
«L’utilizzo della forza militare contro civili è inaccettabile», ha sottolineato, invitando le autorità a promuovere «vere riforme».
In precedenza, Nesirky aveva rivelato che il presidente siriano Bashar al Assad si rifiuta di rispondere al telefono a Ban Ki-moon.
Il segretario ha provato a mettersi in contatto giovedì con Assad ma si è sentito rispondere che il presidente della Siria «non era disponibile», ha spiegato Nesirky ai giornalisti.
Quasi tre mesi dopo l’inizio della rivolta - il 15 marzo - e malgrado le sanzioni e le proteste internazionali, il regime di Bashar al Assad sembra determinato a sottomettere nel sangue ogni contestazione, una repressione bollata come «atroce» da parte di Ankara mentre da Washington si parla esplicitamente di «massacri».
Dal lato turco del confine, è stata approntata una tendopoli, gestita dalla Mezzaluna rossa turca, e le ambulanze sono pronte a intervenire per soccorrere i feriti.
Il primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan, giovedì in una conferenza stampa ad Ankara, aveva detto che il suo paese non avrebbe chiuso le porte ai profughi e aveva invitato il governo di Damasco a comportarsi “con tolleranza” verso i manifestanti che ormai dall’inizio di marzo stanno protestando contro il regime.

Erdogan aveva anche condannato le “atrocità” commesse in Siria e invitato il presidente siriano Bashar Assad “a fare riforme convincenti per una transizione efficace”.
La Turchia ha così preso le distanze dalla Siria, accentuando l’isolamento internazionale di Damasco, che ormai può contare solo sull’appoggio (peraltro molto discreto) del governo di Teheran.
Per il governo siriano, inoltre, si è improvvisamente aperto un nuovo fronte internazionale.
Giovedì notte, infatti, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Iaea) ha deciso, a maggioranza, di deferire la Siria al Consiglio di sicurezza dell’Onu per il programma nucleare.
La decisione è stata presa con 17 voti a favore, 6 contrari (compresi Cina e Russia), 11 astensioni e un’assenza.
I fatti si riferiscono al programma nucleare siriano e alla costruzione di un impianto, quello di Deir Alzour, nel nord est del paese, distrutto nel 2007 da un’incursione dei caccia israeliani.
La Siria, che ha firmato il Trattato di non proliferazione nucleare e anche il Protocollo aggiuntivo che regola le ispezioni dell’Iaea, ha sempre sostenuto che l’impianto non era destinato alla produzione di materiale nucleare o alla ricerca in questo campo.
Le indagini dell’Iaea sono iniziate a giugno del 2008 e secondo l’Agenzia il governo siriano si è rifiutato di collaborare per chiarire i punti sollevati da un esposto degli Stati Uniti, che accusano Damasco di aver cercato di produrre plutonio per impiego militare.
Non è detto che dal deferimento al Consiglio di Sicurezza dell’Onu possano nascere sanzioni, com’è avvenuto nel caso dell’Iran, perché Russia e Cina sembrano intenzionate a usare il loro potere di veto, già ventilato anche nel caso della bozza di risoluzione presentata mercoledì da Francia, Gran Bretagna e Portogallo per condannare le violazioni dei diritti umani avvenute in Siria.
Tuttavia, il timing della decisione dell’Iaea lascia pochi dubbi sul fatto che c’è stato un cambio di passo della comunità internazionale rispetto al regime di Damasco, che però continua imperterrito a proseguire nella direzione scelta con l’inesorabile ritmo di un cingolato.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]