Venerdì, 25 Marzo 2016 09:50

Presunto jihadista arrestato a Parigi. Era già stato condannato in Belgio

Scritto da

PARIGI - Il presunto terrorista arrestato questa notte a Parigi con l'accusa di voler organizzare un attentato in Francia era stato condannato in contumacia dalla giustizia belga nel luglio del 2015, insieme alla mente delle stragi di Parigi, Abdelhamid Abaaoud: lo hanno reso noto fonti della polizia francese. 

L'uomo, un cittadino francese identificato come Reda K., era stato coinvolto in un processo su una filiera di reclutamento di jihadisti per la Siria.L'arresto del presunto terrorista, avvenuto nella località di Argenteuil, ha permesso alla polizia di sequestrare una piccola quantità di esplosivi: secondo quanto reso noto dal ministro degli Interni francese, Bernard Cazeneuve, l'uomo sarebbe coinvolto "ad alto livello" nella pianificazione di un attentato in Francia da parte di una cellula jihadista.Cazeneuve, che ha parlato di "arresto molto importante" risultato di una "costante e stretta cooperazione fra i servizi europei" ha tuttavia precisato che non vi sono "prove tangibili" di un legame con le indagini sulle stragi di Parigi e Bruxelles. 

Correlati

Cerca nel sito

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

A Lamezia Terme nasce la Fondazione Dulbecco per lo studio e la produzione di anticorpi monoclonali di pronectine 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Scuola. La supremazia del banco

Scuola. La supremazia del banco

Bando europeo pubblicato, gara avviata, in attesa di aggiudicazione. In palio migliaia di banchi monoposto per una serena ripartenza delle scuole a settembre. Il dibattito pubblico intorno alla scuola ai tempi...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]