Sabato, 26 Marzo 2016 10:35

Bruxelles. Uccisa guardia di sicurezza della centrale nucleare di Charleroi

Scritto da

BRUXELLES - Una guardia di sicurezza della centrale nucleare di Charleroi, poco distante da Bruxelles, è stato uccisa e il suo badge di accesso rubato.

Secondo quanto scrive la  Derniere heure il fatto, che si sarebbe verificato giovedì sera ma è  passato completamente sotto silenzio, sarebbe un'ulteriore prova del fatto che fosse proprio un attacco agli impianti nucleari il vero  obiettivo dei terroristi della cellula di Parigi e Bruxelles.       

Già lo scorso 17 febbraio, il sito belga aveva rivelato che il direttore del programma di ricerca e sviluppo nucleare belga era stato per lungo tempo spiato dai fratelli Ibrahim e Khalid el Brakraoiu, i due kamikaze che si sono fatti esplodere all''aeroporto e nella  metropolitana di Bruxelles. L'arresto di Salah Abdeslam avrebbe però  accelerato i piani della cellula, costringendola a rinunciare  all'obiettivo primario.

Secondo le fonti de la Derniere heure, se l'uccisione della guardia  potrebbe essere spiegata con altri motivi,il furto del suo badge, immediatamente disattivato dopo il ritrovamento del corpo, rende credibile la pista terroristica.

Correlati

Cerca nel sito

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

A Lamezia Terme nasce la Fondazione Dulbecco per lo studio e la produzione di anticorpi monoclonali di pronectine 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Scuola. La supremazia del banco

Scuola. La supremazia del banco

Bando europeo pubblicato, gara avviata, in attesa di aggiudicazione. In palio migliaia di banchi monoposto per una serena ripartenza delle scuole a settembre. Il dibattito pubblico intorno alla scuola ai tempi...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]