Martedì, 28 Giugno 2011 11:19

Usa. Licenziata perchè indossava il velo

Scritto da

WASHINGTON - Licenziata perchè si è rifiutata di togliersi il velo. E' questo l'epiolgo lavorativo di una giovane islamica americana, la quale ha successivcamente fatto causa ad una catena di negozi di abbigliamento accusandoli di discriminazione. È successo na San Mateo, in California, dove Hani Khan, 20 anni, al momento di essere assunta aveva chiesto di poter indossare il suo hijab, ovvero il velo corto che lascia il viso scoperto che ormai è diventato una normalità nell'America multiculturale.

Il manager le aveva dato l'autorizzazione a patto che il velo fosse  in tinta  con i colori della compagnia. Nonostante questo, quattro mesi dopo la commessa ha ricevuto la richiesta dall'ufficio personale di togliersi il velo e, di fronte al suo rifiuto, è scattato il licenziamento. La ragazza, sostenuta dalle organizzazioni per i diritti della comunità islamica d'America, ha così fatto causa alla catena di negozi, Abercrombie & Fitch, che in passato ha dovuto affrontare altre cause, da parte di dipendenti ispanici ed asiatici, che contestavano regole di abbigliamento ispirate, a detta dei ricorrenti, ad un'immagine  troppo bianca.

"Sono cresciuta in questo paese dove il Bill of Rights garantisce la libertà di religione e quindi mi sono sentita tradita - ha detto la Khan, che studia scienze politiche - . Il mio è un ricorso basato sul principio per tutelare la libertà di esprimere liberamente la propria religione e il diritto al lavoro". Da parte sua la compagnia si è difesa affermando di seguire regole anti-discriminazione e rispettare la legge riguardo alle  ragionevoli manifestazioni religiose. E ora saranno i giudici a stabilire le responsabilità di questo atto discriminatorio.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Aurisicchio Ad Takis: “Un’opportunità sinergica e nuovi stimoli”. Lucio Rovati, Presidente e Direttore Scientifico di Rottapharm Biotech; “non solo i capitali per la prima fase di sperimentazione, ma soprattutto il...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]