Sabato, 24 Settembre 2016 07:31

Usa. Afroamericano ucciso a Charlotte. Ecco il video shock

Scritto da

CHARLOTTE -  Scoppia la rabbia nella quarta notte di proteste che ha visto centinaia di persone scendere in piazza, specie dopo a pubblicazione del video della sparatoria in cui e' morto Keith Lamont Scott, ucciso dalla polizia. 

Non sparategli, lui non ha nessuna pistola!”, grida ripetutamente la moglie  di Keith Scott Lamont, prima che la Polizia apra il fuoco.  Scene drammatiche, riprese dal cellulare della consorte, Rakeyia Scott , in cui però la polizia non esita a sparare su un uomo disarmato.  Eppure Rakeyia Scott aveva gridato a squarciagola ai poliziotti che il marito non era armato e aveva subito un forte trauma cranico (TBI).

Ha invitato anche il marito ad uscire dalla vettura, prima che la polizia rompesse i finestrini. “Spero per voi che non sia morto”, urla a ancora la moglie di Lamont mentre continua a riprendere, ma l’uomo è a terra con la faccia  in giù con gli agenti sopra di lui, ormai privo di vita. Insomma le immagini parlano da sole sui metodi, ormai noti, che la polizia americana usa sempre più spesso, specie nei confronti della comunità afroamericana.  Di sicuro il video inasprirà ulteriormente gli animi dei cittadini di Charlotte, aggravando una situazione davvero difficile. 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Rinnovamento scientifico: il binomio sicurezza e sostenibilità

Rinnovamento scientifico: il binomio sicurezza e sostenibilità

Laboratori scientifici in prima linea, l’importanza della ricerca e dello sviluppo 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]