Martedì, 15 Novembre 2016 08:02

Russia. Arrestato ministro per tangenti da 2 milioni di dollari

Scritto da

MOSCA - Il ministro delle Sviluppo economico russo, Alexei Ulyukayev, è stato arrestato con l'accusa di aver ricevuto una tangente da due milioni di dollari, circa 1,8 milioni di euro.

Lo ha reso noto la Commissione investigativa di Mosca, che riferisce direttamente al presidente Vladimir Putin, secondo cui Ulyukayev avrebbe ricevuto la mazzetta in cambio del via libera del suo ministero alla vendita del 50% di azioni del governo della compagna petrolifera Bashneft ad un'altra compagnia, la Rosneft, guidata da Igor Sechin, vicinissimo al Cremlino. Già vice presidente della Banca centrale russa, 60 anni, Ulyukayev era ministro dello Sviluppo economico dal 2013.  

All'agenzia di stampa Tass la portavoce del Comitato investigativo, Svetlana Petrenko, ha precisato che il ministro ha ricevuto ieri "due milioni di dollari per la valutazione positiva data dal suo dicastero per permettere a Rosneft di completare l'accordo per l'acquisto del 50% delle quote del governo in Bashneft". In base alla legge russa, Ulyukayev rischia un'ammenda da 80 a 100   volte la cifra della tangente con l'interdizione da alcuni incarichi e attività o da otto a 15 anni di carcere con una multa di 70 volte la cifra della mazzetta o nessuna ammenda.  

Correlati

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Ne…

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Nervi in Vaticano

Il Covis19 si sta impossessando di tutto, in tutto il mondo. Disneyland, tempio del divertimento, chiuso da tempo per evitare assembramenti, è diventato un “centro covid”, dove al posto dei...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Le cellule cancerose sarebbero in grado di proteggersi in una sorta di letergo, quando sono minacciati dal trattamento chemioterapico. E' quanto emerso in una ricerca apparsa sulla rivista scientifica Cell. 

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]