Mercoledì, 13 Luglio 2011 20:50

Giappone. Il premier pensa a un futuro senza nucleare

Scritto da

TOKYO - Sembrerebbe una svolta: Naoto Kan, il primo ministro giapponese, ha dichiarato di voler ridurre la dipendenza della nazione dall'atomo e puntare alle fonti di energia rinnovabile. E' la presa di posizione contro l'energia nucleare più forte  presa dal governo dallo tsunami a oggi. Nonostante lo stop di 35 reattori sui 54 presenti in Giappone, il Paese ha una produzione energetica sufficiente ad affrontare la domanda estiva e anche quella invernale, ha detto Kan.

Tuttavia il premier, che adesso i sondaggi danno a un livello di apprezzamento da parte dei cittadini ridotto al 16%, non ha convinto l'opposizione, scettica sull'effettiva capacità da parte di un governo sino a ieri filonucleare di gestire le rinnovabili. E non è contenta nemmeno la potente Confindustria nipponica, che addirittura definisce "ridicola" la decisione dell'esecutivo di ritardare per ulteriori controlli la riapertura dei reattori spenti per sicurezza dopo lo tsunami: "così si blocca la stabilità dell'attività economica".

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]