Martedì, 11 Luglio 2017 13:34

Arrestato militare Usa: sosteneva Isis

Scritto da

WASHINGTON - Un militare Usa è stato arrestato alle Hawaii con l'accusa di voler fornire addestramento e informazioni classificate allo Stato Islamico.

Lo ha annunciato l'Fbi, riferendo che il militare, il 34enne Ikaika Kang, sergente dell'Esercito in servizio alla base Schofield, è stato arrestato dagli agenti sabato notte. Secondo le informazioni contenute nell'accusa dell'Fbi e riportate dal Washington Post, Kang lavorava come controllore di volo. In passato, Kang era stato impegnato in missioni in Iraq tra il 2010 e il 2011 e tra il 2013 e il 2014 in Afghanistan. L'Fbi accusa il militare di avere tentato di aiutare lo Stato islamico fornendo a persone che lui riteneva avrebbero poi passato le informazioni all'organizzazione terroristica sia documenti militari classificati che altre informazioni sensibili. Inoltre, Kang avrebbe contribuito all'acquisto di un drone che avrebbe dovuto essere impiegato dall'Is in battaglia. Il suo comportamento, secondo quanto è emerso, suscitava allarme da anni. Per smascherarlo, l'Fbi ha impiegato degli agenti sotto copertura che hanno fatto credere a Kang di essere degli interediari dello Stato islamico. Dopo il suo arresto, il militare avrebbe fatto delle ammissioni a conferma delle accuse. Secondo l'Fbi, Kang avrebbe agito da solo. 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Opinioni

Morire come un insetto

La vita media nei paesi sviluppati si è allungata. Per quelli che vivono in Europa o negli Stati Uniti d’America o in Giappone, raggiungere la terza età e oltre è...

C.Alessandro Mauceri - avatar C.Alessandro Mauceri

Storia: Cinquant’anni fa l’offensiva del Tet

Nel gennaio del 1968 con l’attacco comunista al sud gli Usa capirono che la guerra in Vietnam non poteva essere vinta. “Il Vietnam è ancora dentro di noi. Ha creato dei...

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077