Mercoledì, 27 Luglio 2011 17:18

Sarkozy spende 260 milioni di euro per un aereo. Altro che austerity francese

Scritto da

PARIGI - I francesi non sono spesso un modello per i nostri politici, hanno uno stato forte e centralizzato, una bassa evasione fiscale e leggi chiare, ma in un campo potrebbero diventare la nuova pietra di paragone della classe dirigente italiana.


Mentre da noi si sta ancora a far chiacchiere sulle auto blu, sulla cilindrata, l’uso eccetera il premier francese Nicolas Sarkozy si è tolto uno sfizietto da quasi 260 milioni di euro, un aereo di altissima rappresentanza che il Times ha simpaticamente ribattezzato Air Sarkò One.


E diciamolo pure che leggere di due forni elettrici montati sull’aeroplano e costati 75mila euro potrà anche far sorridere, visto che si tratta di soldi dei nostri cugini d’oltralpe, ma sapere che la loro installazione è costata altri 694.312 euro, necessari per gli studi di fattibilità del sistema di sicurezza e del corredo di alcune saracinesche elettriche, e che installare queste saracinesche è costato a sua volta 310.245 euro, il tutto emerso da un rapporto della Corte dei Conti francese che è stato consegnato mentre il presidente si accinge a chiedere al Parlamento di approvare pesanti tagli alla spesa pubblica per risanare il deficit francese, fa davvero passar la voglia di sorridere.
E forse non è un caso se oltre a dotare l'Air Sarko One di un DVD player, una macchinetta Nespresso, una doccia e un ampio letto matrimoniale, Sarkozy abbia deciso di spendere 1.161.500 euro per blindare una porta che conduce al suo ufficio personale a bordo dell'Airbus A330. Un segnale materiale di separazione dalla realtà circostante, un segnale di separazione tra le classi dirigenti, tutte le classi dirigenti, ed i loro popoli. Con una cinghia che sembra stringersi sempre di più per i meno fortunati e diventa sempre meno sopportabile vedendo chi non sembra avere alcun dubbio sulla necessità di certe ‘spesucce’.

Amerigo Rivieccio

Laureato in Economia Aziendale ed abilitato all'esercizio della professione di Promotore finanziario; dal 2001 sono contabile alla Camera dei deputati. Prima di approdare a Montecitorio sono stato ragioniere:
alla Presidenza del Consiglio; al Comune di Napoli; in una cava di inerti.
Ma sono stato anche Funzionario dell'Unione europea e arbitro nazionale di pallacanestro.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Rinnovamento scientifico: il binomio sicurezza e sostenibilità

Rinnovamento scientifico: il binomio sicurezza e sostenibilità

Laboratori scientifici in prima linea, l’importanza della ricerca e dello sviluppo 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]