Venerdì, 25 Agosto 2017 14:04

Usa. Eseguita condanna a morte con farmaco mai sperimentato

Scritto da

WASHINGTON  - E' stata eseguita nella notte la condanna a morte di Mar James Asay, giustiziato con un'iniezione letale per la quale è stato usato anche un farmaco mai usato finora, l'etomitade.

L'esecuzione, ha confermato il dipartimento carcerario della Florida, è avvenuta alle 18.22 ora locale, le 0.22 in Italia, ed è la prima nello stato americano di un bianco condannato per aver ucciso un afroamericano. Gli avvocati di Asay hanno cercato di bloccare l'esecuzione sostenendo che l'uso di un farmaco mai sperimentato, e che quindi potenzialmente potrebbe provocare sofferenze, viola l'emendamento della Costituzione che vieta punizioni crudeli ed inusuali. Ma la maggioranza dei giudici della Corte Suprema della Florida ha respinto il ricorso, nonostante l'opposizione di uno di loro, secondo il quale il condannato viene trattato come "una cavia di laboratoriodell'ultimo protocollo per le iniezioni letali". Asay, ex membro di una gang suprematista, era stato condannato a morte nel 1988 per l'uccisione di un ispanico ed di un afroamericano, in delitti considerati razzisti. Il condannato, che ha trascorso 36 anni in prigione, in una recente intervista aveva affermato di "non essere più una persona violenta o una minaccia per la società".

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077