Venerdì, 25 Agosto 2017 14:04

Usa. Eseguita condanna a morte con farmaco mai sperimentato

Scritto da

WASHINGTON  - E' stata eseguita nella notte la condanna a morte di Mar James Asay, giustiziato con un'iniezione letale per la quale è stato usato anche un farmaco mai usato finora, l'etomitade.

L'esecuzione, ha confermato il dipartimento carcerario della Florida, è avvenuta alle 18.22 ora locale, le 0.22 in Italia, ed è la prima nello stato americano di un bianco condannato per aver ucciso un afroamericano. Gli avvocati di Asay hanno cercato di bloccare l'esecuzione sostenendo che l'uso di un farmaco mai sperimentato, e che quindi potenzialmente potrebbe provocare sofferenze, viola l'emendamento della Costituzione che vieta punizioni crudeli ed inusuali. Ma la maggioranza dei giudici della Corte Suprema della Florida ha respinto il ricorso, nonostante l'opposizione di uno di loro, secondo il quale il condannato viene trattato come "una cavia di laboratoriodell'ultimo protocollo per le iniezioni letali". Asay, ex membro di una gang suprematista, era stato condannato a morte nel 1988 per l'uccisione di un ispanico ed di un afroamericano, in delitti considerati razzisti. Il condannato, che ha trascorso 36 anni in prigione, in una recente intervista aveva affermato di "non essere più una persona violenta o una minaccia per la società".

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Opinioni

Amos Oz. In memoria

Esiste un luogo della parola che ha a che fare con la profezia: quel potere onirico che la scrittura sprigiona quando diviene impronta della storia e, al tempo stesso, visione...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Rizzoli. “Le mie risposte alle grandi domande” di Stephen Hawking. Recensione

“Le mie risposte alle grandi domande” di Stephen Hawking edito da Rizzoli (pagg. 199 euro 17,00) e uscito pochi mesi dopo la sua morte, avvenuta il 14 marzo scorso, con...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077