Martedì, 12 Settembre 2017 19:24

Monito Usa,Cina rispetti sanzioni a Pyongyang o agiremo

Scritto da

NEW YORK - Il giorno dopo le nuove sanzioni votate dalle Nazioni Unite contro la Corea del Nord, Washington lancia un monito alla Cina: rispetti le misure adottate insieme in Consiglio di sicurezza o gli Stati Uniti sono pronti a decidere nuove restrizioni ai danni di Pechino.

Il messaggio del segretario al tesoro Steve Mnuchin e' chiaro, e anticipa quello che Donald Trump dira' direttamente a Xi Jinping fra poche settimane. Secondo indiscrezioni di stampa, infatti, il presidente americano si appresta a volare a Pechino: probabilmente a novembre, quando il tycoon si rechera' in Vietnam e nelle Filippine per partecipare ai vertici dell'Apec (Asia-Pacific Economic Cooperation) e dell'Asean (Associazione dei Paesi del sudest asiatico). Vastissima l'agenda al centro dei colloqui tra Trump e Xi, ma al centro ci sara' proprio la crisi nordcoreana, la cui soluzione dipende in grandissima parte dalla leadership cinese. La sfida il giorno dopo la nuove sanzioni Onu e' infatti quella di renderle il piu' efficaci possibile, per isolare sempre di piu' Pyongyang e costringerla a sedere attorno a un tavolo negoziale. Cosa che finora non e' accaduta, con molte realta' riconducibili alla Cina e alla Russia che continuano a fare affari con il regime di Kim, alimentando flussi di denaro, di petrolio fondamentali per l'ulteriore sviluppo dei programmi nucleare e missilistico di Pyongyang. "Pechino deve rispettare le misure adottate e imposte dall'Onu altrimenti agiremo", e' il monito di Mnuchin. Intanto Seul prova a spaventare Kim. Starebbe infatti lavorando per costituire e addestrare entro la fine dell'anno una task force delle forze speciali chiamata 'Decapitation Unit', il cui obiettivo e' proprio quello di uccidere il leader nordcoreano. Lo scrive il New York Times, spiegando che l'unita' avra' le dimensioni di una brigata. Dunque almeno 1.500 'Rambo' che agiranno col supporto di elicotteri e aerei da trasporto per penetrare la Corea del Nord e lanciare raid notturni. E se Bruxelles si dice pronta a varare sanzioni aggiuntive contro Pyongyang, il regime di Kim torna a minacciare gli Stati Uniti: "Dovranno aspettarsi una risposta molto forte, con conseguenze insostenibili". 

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Nell’Italia che non legge, dilaga la “ringraziamentite”.

Gli scrittori di oggi hanno copiato dai titoli di coda dei film di ieri il vezzo di ringraziare tutti quelli che hanno collaborato alla fattura del film, fino all’ultimo elettricista...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Jackson Hole: le reticenze delle banche centrali

E’ stato un incontro molto “strano” quello di fine agosto a Jackson Hole, dove si sono confrontati Janet Yellen, presidente della Federal Reserve e Mario Draghi, presidente della Banca centrale...

Mario Lettieri  e Paolo Raimondi   - avatar Mario Lettieri e Paolo Raimondi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208