Venerdì, 29 Luglio 2011 19:01

Germania. Un magazine licenzia i giornalisti spioni

Scritto da

BERLINO - Lo scandalo tabloid in Gran Bretagna ha evidentemente lasciato il segno anche fuori dai confini di Sua Maestà: un settimanale scandalistico tedesco, Bunte, ha licenziato in tronco due giornalisti dallo 'stile-Murdoch'. La proprietà infatti è venuta a sapere dei metodi poco encomiabili con cui i due stavano raccogliendo informazioni su un importante politico tedesco, e ha deciso di troncare il rapporto di lavoro.

I due giornalisti licenziati sono Tobias Lobe, capo del servizio politico, e una redattrice, per ora ignota, alla quale un informatore aveva consegnato del materiale "scottante". Patricia Riekel, direttrice del settimanale, ha così spiegato la drastica decisione: "Non possiamo tollerare in alcun caso una situazione del genere. La redazione centrale di Bunte ha così deciso di terminare le ricerche per il servizio, ancora nella fase di pianificazione". Il Bunte in realtà non è nuovo a indagini giornalistiche poco ortodosse: già in passato è finito nella bufera a causa di metodi 'discutibili' con cui aveva ottenuto certe informazioni.

 

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]