Venerdì, 16 Settembre 2011 11:28

Cina. Operazione contro le triadi: 2200 arresti

Scritto da

PECHINO - La polizia cinese ha realizzato una serie di retate in tutto il Paese, nel corso di una grande operazione antimafia che ha portato all'arresto di circa 2200 sospetti nell'arco di due settimane. Lo ha annunciato oggi il ministero della pubblica sicurezza con un comunicato diffuso sul suo sito internet. Nel comunicato si legge che le retate contro le triadi (organizzazioni criminali cinesi di stampo mafioso) "sono state realizzate nelle province Hebei, Jiangsu, Zhejiang, Fujan, Hunan e Guangdong.

Scopo dell'offensiva - continua la nota - è quello di eliminare gli 'ombrelli protettivi' delle organizzazioni criminali (cioè i funzionari governativi che le proteggono) e di colpire le loro fonti di finanziamento". Dal 2006 a oggi, la polizia cinese ha arrestato decine di questi funzionari governativi filomafiosi. Uno degli arresti più eccellenti è stato quello di Wen Qiang, ex-capo dell'ufficio giudiziario della metropoli meridionale di Chongqing, condannato a morte (è stato ucciso lo scorso luglio) in quanto giudicato colpevole di collusione con una delle triadi cittadine.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]