Lunedì, 20 Febbraio 2012 10:36

Messico, decine di morti in una rivolta carceraria

Scritto da

Roma - Sarebbero almeno 44 i morti e 12 i feriti nella rivolta in una prigione messicana avvenuta nelle prime ore di ieri. La prigione si trova a Monterrey, una cittadina a Nord dello Stato del Messico, nello stato di Neuvo Leon, Pablo Gomez un rappresentante della pubblica amministrazione comunica che le autorità stanno ancora indagando sui motivi dei disordini.

La sommossa sarebbe iniziata come uno scontro tra gang rivali, nella prigione che ospita circa 3.000 detenuti. Nel carcere di Monterrey sarebbero reclusi esponenti dei clan del cartello del Golfo del Messico e di quello di Zetas, non c’è conferma che si tratti di uno scontro tra questi due gruppi rivali.

L’insurrezione è stata sedata circa 24 ore dopo il suo inizio e le indagini sono iniziate subito dopo.

 

Continua in Messico la guerra tra cartelli della droga rivali per aggiudicarsi le rotte di spaccio sui confini tra Usa e Messico, spesso queste lotte arrivano anche nei sistemi di detenzione.

 

Sono circa 50.000 i morti negli ultimi 5 anni, dal momento in cui il governo ha lanciato una campagna serrata contro il narcotraffico.

Correlati

Cerca nel sito

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

A Lamezia Terme nasce la Fondazione Dulbecco per lo studio e la produzione di anticorpi monoclonali di pronectine 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Scuola. La supremazia del banco

Scuola. La supremazia del banco

Bando europeo pubblicato, gara avviata, in attesa di aggiudicazione. In palio migliaia di banchi monoposto per una serena ripartenza delle scuole a settembre. Il dibattito pubblico intorno alla scuola ai tempi...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]