Venerdì, 14 Ottobre 2011 12:43

La telemedicina entra belle carceri del Lazio

ROMA - Per la prima volta nel Lazio la telemedicina entra all’interno di un carcere. I detenuti di Regina Coeli affetti da problemi cardiaci possono, infatti, contare su un nuovo servizio di telemonitoraggio e teleconsulto specialistico gestito da una struttura di eccellenza; il Dea cardiologico dell’ospedale San Giovanni di Roma.

Published in Società

NAPOLI - La telemedicina come ausilio alla prevenzione. A Napoli, il 22 e 23 marzo scorsi, ancora una volta il ‘Progetto Pilota di Telemedicina ‘TELESAL’’, il sistema per i servizi di assistenza medica a distanza che sfrutta la tecnologia satellitare, ha dato ‘sfoggio’ della sua utilità.

Published in Società

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]