Mercoledì, 28 Settembre 2016 09:36

Siria. Raid russi su Aleppo, i morti salgono a 34

DAMASCO - E' salito a 34 morti il bilancio dei raid aerei che sarebbero stati condotti nella notte da aerei da guerra russi e da quelli del governo siriano di Bashar al Assad sulla parte orientale di Aleppo, controllata dai ribelli sotto assedio.

Published in Mondo
Venerdì, 23 Settembre 2016 07:50

Tregua Siria. Salta l’accordo, bombe su Aleppo

DAMASCO - La riunione a New York del gruppo di sostegno sulla Siria guidato da Stati Uniti e Russia si è conclusa con un nulla di fatto. Le due parti non sono riuscite a trovare un accordo, dopo che lunedì la tregua era stata rotta dal bombardamento di un convoglio umanitario delle Nazioni Unite, che ha ucciso almeno 20 persone. 

Published in Mondo

BRUXELLES - L'Ue "condanna fortemente l'escalation della violenza ad Aleppo", in particolare "tutti gli attacchi contro i civili" e quelli "eccessivi e sproporzionati da parte del regime siriano", e chiede quindi "uno stop immediato ai combattimenti".

Published in Mondo

ALEPPO - Un appello al presidente Usa Barack Obama affinché intervenga per imporre una no-fly zone su Aleppo, per fermare gli attacchi, per salvare i civili intrappolati nella città arriva dagli ultimi medici rimasti nei quartieri orientali sotto il controllo dei ribelli.

Published in Mondo

BEIRUT - L'alleanza di gruppi ribelli Jaish al-Fath (l'Esercito della Conquista) ha annunciato l'avvio di una nuova fase della controffensiva ad Aleppo per riconquistare "tutta" la martoriata città siriana, dopo aver annunciato sabato di aver rotto l'assedio ai quartieri orientali.

Published in Mondo

ROMA - Rami Jarrah è uno dei pochissimi giornalisti rimasti in Siria e precisamente ad Aleppo, città che vive da settimane sotto i bombardamenti russi che mirano a distruggere le postazioni dei ribelli contrari al regime di Bashar al-Assad. 

Published in Mondo

ROMA - Walid al-Moualem, ministro degli Esteri siriano, durante una conferenza tenutasi stamane a Mosca con il suo omologo russo Sergey Lavrov, ha annunciato che Damasco sarebbe pronta a negoziare con le forze ribelli. Sul tavolo delle trattative verranno discussi sia uno scambio di prigionieri, sia un probabile “cessate il fuoco” nella città di Aleppo.

Published in Mondo

DAMASCO - È di almeno 200 morti il bilancio delle vittime dei combattimenti scoppiati negli ultimi otto giorni nei pressi dell'Accedemia di polizia di Aleppo, controllata ormai quasi totalmente dai ribelli: lo hanno reso noto fonti delle organizzazioni siriane per la difesa dei diritti umani.

Published in Mondo

BEIRUT  - Almeno 68 persone sono morte oggi in Siria secondo un bilancio provvisorio dei Comitati locali di coordinamento dell'opposizione (Lcc). Gli Lcc affermano che 15 persone sono state uccise in un bombardamento aereo ad Aleppo e 8, tra cui bambini, nell'attacco ad un autobus da parte delle forze governative a Hajar al Aswad, vicino a Damasco.

Published in Mondo

DAMASCO - In Siria si continua a combattere instancabilmente. Battaglie sono infuriate nel corso della notte e questa mattina in diversi quartieri di Aleppo, la seconda città della Siria, mentre  alcuni attivisti hanno segnalato disordini anche nel campo palestinese di Yarmouk a Damasco. 

Le battaglie ad Aleppo fanno seguito ad  una giornata di aspri combattimenti in città, dove il regime di Bashar al Assad ha inviato in fretta e in furia rinforzi in seguito all'assalto lanciato dai ribelli del 20 luglio. "Ci sono scontri nei quartieri di Mushhad e Sheikh Badr, che hanno provocato la morte di un bambino e ferito sette persone", ha segnalato l'Osservatorio siriano per i diritti umani, l'organizzazione non governativa con sede in Gran Bretagna. 

Malgrado i combattimenti, ci sono manifestazioni di massa nei quartieri di Furqan, Ashrafiyeh e Nuova Aleppo per chiedere la caduta del regime e le dimissioni del presidente Bashar al Assad, sempre secondo quanto indicato dall'Osservatorio. 

L'ong ha parlato di diciannove civili e tre ribelli uccisi nei combattimenti di mercoledì ad Aleppo. Diversi villaggi rurali e città nella provincia di Aleppo sono stati bombardati dall'esercito siriano, ha aggiunto. A Damasco, battaglie di strada sono state segnalate nel campo palestinese di Yarmouk nel sud della capitale.

Al momento sembra che l'esercito siriano stia ammassando truppe, fra cui forze speciali, attorno alla città di Aleppo, per cui sembra imminente un'offensiva, questo secondo quanto riportato dall'agenzia France Presse fonti della sicurezza siriana a Damasco.

"Le forze speciali si sono schierate fra ieri e oggi a est della città e altre truppe sono arrivate per partecipare a un'offensiva massiccia domani o sabato", ha rivelato la fonte, secondo la quale dai 1.500 ai 2.000 uomini di rinforzo si sono concentrati in zona per dare manforte ai militari che combattono contro i ribelli in diversi quartieri di Aleppo. Si troverebbero soprattutto nei quartieri di periferia del sud e dell'est di Aleppo, in particolare a Salaheddin e nei quartieri vicini.

Gia nei giorni scorsi fonti dei ribelli avevano rivelato che migliaia di truppe erano state ritirate dalla provincia di Idlib per spostarle verso Aleppo. 

Intanto il premier turco Recep Tayyip Erdogan ha accusato la Siria di aver permesso ai ribelli curdi di operare nel nord del paese ed ha avvisato che Ankara non esiterà a combattere il Pkk oltre il confine.

"Nel nord il regime del Presidente Bashar al-Assad ha consegnato 5 province ai curdi, una organizzazione terroristica", ha sottolineato Erdogan alla tv turca riferendosi proprio al partito dei lavoratori del kurdistan (pkk). Alla domanda se Ankara colpirebbe i ribelli curdi, in fuga magari da un attacco sul suolo turco, al di là della frontiera Erdogan ha risposto: "non è nemmeno una questione da discutere, è un dato di fatto".

Sempre secondo il premier turco, Recep Tayyip Erdogan, il presidente siriano Bashar al Assad e quelli della sua cerchia stanno per andarsene, spianando il terreno per una "nuova era" in Siria.

Published in Mondo

Cerca nel sito

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

A Lamezia Terme nasce la Fondazione Dulbecco per lo studio e la produzione di anticorpi monoclonali di pronectine 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Scuola. La supremazia del banco

Scuola. La supremazia del banco

Bando europeo pubblicato, gara avviata, in attesa di aggiudicazione. In palio migliaia di banchi monoposto per una serena ripartenza delle scuole a settembre. Il dibattito pubblico intorno alla scuola ai tempi...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]