Il punto

Mercoledì, 25 Luglio 2012 16:59

L’estate calda dei bancari

Scritto da

L'estate che stiamo attraversando verrà sicuramente ricordata come uno dei periodi più travagliati e confusi che il nostro Paese abbia mai vissuto dal secondo dopoguerra ad oggi.

Scende in campo la confusione. Una  squadra molto agguerrita che trova largo spazio nei media. Una vera e propria babele di linguaggi.  Si vota a ottobre, no a novembre, no in primavera del 2013. 

Lunedì, 23 Luglio 2012 16:34

Se il lavoro non torna a “farsi partito”

Scritto da

La crisi della politica italiana e quella dell'euro, che dopo la giornata di oggi rischia veramente di essere senza ritorno se non c'è un rinsavimento delle classi dirigenti tedesche e del Fondo monetario internazionale, si alimentano a vicenda. Si avvitano tra loro e sembrano gettare il Paese in caduta libera.

Domenica, 22 Luglio 2012 16:06

Monti a tutto rigore ma lo spread non scende

Scritto da

L’articolo 81 della Costituzione è stato modificato dal parlamento, introducendo il pareggio di bilancio, in tempi rapidissimi e in un silenzio assordante, obbedendo a uno degli imperativi della Bce e della Commissione Europea.

Super stipendio a Gubitosi e tagli per gli altri? La Giunta Fnsi chiede chiarezza, coerenza e rigore. Con metà di quella busta paga si possono sistemare almeno dieci persone

La vicenda del Vice-Presidente dell'Assemblea Capitolina è l'ennesimo caso giudiziario che vede coinvolte persone con incarichi elettivi o amministrativi a tutti i livelli dagli enti locali al Parlamento.

Mercoledì, 18 Luglio 2012 15:08

Corruzione: vantaggi per pochi, danni per tutti

Scritto da

ROMA - In questa estate caldissima sia dal punto di vista meteorologico che da quello finanziario viene spontaneo chiedersi non tanto cosa stia succedendo, ma soprattutto come si sia potuti arrivare a questo punto senza che nessuno, società civile compresa, avesse la forza ed il coraggio di dire basta e di comprendere che il problema che ci affligge è più diffuso e radicato di quanto vogliamo credere. Viviamo nel tempo dell’anti politica, tuttavia ci domandiamo come si possa essere contro qualcosa che in realtà non esiste più, o almeno non esiste in quei termini per cui la politica, intesa come l'amministrazione della "polis" per il bene di tutti, la determinazione di uno spazio pubblico al quale tutti i cittadini partecipano, era stata pensata.

labo.jpg

Cerca nel sito

Cultura

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077